Attori e attrici che sono stati improvvisamente licenziati

Robert Downey Jr.
Christian Bale
Gina Carano
Richard Gere
Lori Petty
Annette Benning
Kevin Spacey
Edward Norton
Megan Fox
Sylvester Stallone
Charlie Sheen
Ryan Gosling
Eric Stoltz
Stuart Townsend
Nicole Kidman
Jean Claude Van Damme
Terrence Howard
Robert Downey Jr.

L'alter ego di Iron Man, prima di essere il capo di 'The Avengers', non è sempre stato la star esemplare e sobria che è ora. All'inizio del secolo, infatti, perse due ruoli, in 'Ally McBeal' e in 'I perfetti innamorati', ed in entrambi i casi fu a causa del suo amore per le sostanze poco salutari.

Christian Bale

Christian Bale ha dato vita al leggendario Patrick Bateman in 'American Psycho' (2000). Ma, in realtà, quando Leonardo DiCaprio si è interessato al ruolo, i creatori non hanno avuto problemi a girare le spalle a Bale per assumere Leo. Infine, l'agente di DiCaprio gli ha raccomandato di non accettare la parte, che alla fine è tornata a Christian Bale.

 

Gina Carano

Gina Carano "non è più una dipendente della Lucasfilms e non ci saranno altri ruoli per lei in futuro. I suoi messaggi sui social media, che denigrando le persone per le loro identità culturali e religiose, sono ripugnanti e inaccettabili". È così che la Disney ha annunciato che l'attrice non sarà Cara Dune, dopo due stagioni in 'The Mandalorian', per i suoi controversi e costanti messaggi politici sui suoi social network.

Richard Gere

Sembra che il Richard Gere del 1974 fosse molto più ribelle di quello degli anni '80 in poi. Tanto che lo hanno dovuto cacciare dalle riprese di 'Happy Days - La banda dei fiori di pesco' dopo aver litigato con diversi colleghi o aver gettato del cibo, apposta, nei pantaloni di Sylvester Stallone. Aveva 25 anni ed è stato sostituito da Perry King.

 

Lori Petty

Lori Petty è stata scelta per entrare nella pelle di Lenina Huxley 'Demolition Man' (1993). È interessante notare che sul set di un film in cui si trovava Wesley Snipes, è stata Lori Petty a farsi notare. Le sue lamentele sul suo personaggio erano di tale portata che finì per essere licenziata e sostituita da Sandra Bullock.

Annette Benning

Annette Benning era l'attrice scelta per diventare la leggendaria Selina Kyle in 'Batman Returns' (1992). Inaspettatamente, l'attrice è rimasta incinta dopo diverse settimane di produzione. Gli effetti speciali non erano come oggi e il ruolo è andato a Michelle Pfeiffer.

Kevin Spacey

Gli scandali e le denunce contro Kevin Spacey gli hanno fatto perdere due ruoli iconici. Da un lato, Netflix lo ha licenziato istantanemanrte da 'House of Cards', dove hanno ucciso Frank Underwood senza pietà. D'altra parte, Ridley Scott ha deciso di girare di nuovo tutte le scene dell'attore in 'Tutti i soldi del mondo' (2017) con Christopher Plummer al posto di Kevin Spacey . Plummer è stato nominato agli Oscar.

Edward Norton

Edward Norton avrebbe potuto essere una parte rilevante dell'Universo Marvel, ma è caduto nel dimenticatoio. I disaccordi con gli sceneggiatori del film in 'L'Incredibile Hulk' (2008), gli scontri con i produttori e il regista, oltre a un personaggio complicato, hanno portato la Marvel a scegliere Mark Ruffalo come nuovo Hulk in 'The Avengers'.

Megan Fox

È stata a dir poco leggendaria la disputa che Megan Fox ha avuto con Michael Bay sul set di 'Transformers 3' (2011). Il regista ha chiesto alla sua protagonista un'abbronzatura più decisa e 4 chili in più, lei ha rifiutato e ha chiamato Michael Bay "Hitler", assicurando che "lavorare con qualcuno del genere è un incubo". Il licenziamento è stato improvviso e Rosie Huntington-Whiteley ha preso il suo posto nella saga.

Sylvester Stallone

Non tutti sanno che Sylvester Stallone era stato scelto per interpretare Axel Foley in 'Beverly Hills Cop - Un piedipiatti a Beverly Hills' (1984). Ma l'attore, divenuta una star dopo 'Rocky', era diventato troppo esigente, chiedendo più azione nel film. La sua insistenza è stata tale che i produttori hanno finito per licenziarlo.

Charlie Sheen

Il successo della serie 'Due uomini e mezzo' ha fatto sì che il comportamento irregolare e problematico di Charlie Sheen fosse tollerato. Ma l'attore ha superato il limite quando ha definito il creatore della serie Chuck Lorre un "pagliaccio". "Licenziare Charlie Sheen è stata una decisione morale, in contrasto con gli interessi economici", ha detto Lorre alla rivista 'Rolling Stone'. È stato sostituito da Ashton Kutcher che non ha mai ottenuto il successo del suo predecessore.

Ryan Gosling

Ryan Gosling ha avuto un'iniziativa non appropriata in 'Amabili resti' (The Lovely Bones, 2009). Ha pensato che il suo personaggio, Jack Salmon, dovesse essere più grasso e ha deciso di aumentare il suo peso di 20 chili. A Peter Jackson l'idea non piacque e non ci pensò due volte: licenziamento improvviso e telefonata a Mark Wahlberg.

Eric Stoltz

Cinque settimane di riprese di 'Ritorno al futuro' ('1985), con Eric Stoltz nel ruolo del leggendario Marty McFly. Questo è stato il tempo impiegato da Robert Zemeckis per rendersi conto che l'attore non aveva la stoffa richiesta per quel personaggio. Dopo averlo concordato con Steven Spielberg, hanno licenziato Eric Stoltz e assunto Michael J. Fox, il resto è storia.

Stuart Townsend

La saga de 'Il Signore degli Anelli' non potrebbe essere immaginata senza la presenza di Viggo Mortensen nei panni di Aragorn. In realtà, stava per non interpretare il personaggio leggendario, perché Stuart Townsend era stato scelto per il progetto. Alla fine, Peter Jackson ha deciso che era troppo giovane e non lo ha scelto.

Nicole Kidman

Nicole Kidman ha terminato le riprese di 'Moulin Rouge' (2001) con una distorsione al ginocchio. Senza avere il tempo di riprendersi totalmente ha dovuto iniziare le riprese di 'Panic Room' (2002). Dopo 18 giorni da protagonista, Meg Altman (il personaggio interpretato) ha dovuto essere sostituita da Jodie Foster per non essere in grado di continuare.

Jean Claude Van Damme

Nell'anno 1987, anno in cui Jean Claude Van Damme avrebbe dovuto recitare nel film 'Predator'. Sembrava una scommessa sicura fino a quando l'attore non diventò troppo esigente: voleva più dialoghi, la tuta era troppo calda e ha anche litigato con una controfigura. E tutto in due giorni. John McTiernan ha finito per buttarlo fuori e chiamare Kevin Peter Hall.

 

 

 

Terrence Howard

Un altro attore caduto nel dimenticatoio dell'Universo Marvel è Terrence Howard. In 'Iron Man' (2008) è entrato nella pelle di Rhodey, il migliore amico di Tony Stark, quindi avrebbe potuto fare una lunga carriera nel franchise. Ma ha deciso di chiedere un aumento di stipendio che i Marvel Studios non hanno preso troppo bene, non confermandolo per 'Iron Man 2', e affidando il ruolo a Don Cheadle.

 

Más para ti