Un ex generale russo rivela i primi obiettivi del Cremlino in un'ipotetica terza guerra mondiale

'Una grande e colossale guerra'
In caso di una nuova guerra mondiale...
Escalation
Un po' di Russia nel Baltico
Il corridoio di Suvalkovksy
Truppe russe ed eserciti della NATO
Guerre stellari
'Li vedremmo tutti come NATO'
Sistema antimissilistico
Obiettivo: Londra
Tagliare fuori l'Europa
Gli Stati Uniti
Qualche omissione
La lista dei risultati della Russia
Non è più un membro attivo dell'esercito
Più domande che risposte
'Una grande e colossale guerra'

Forse non avete mai sentito parlare del legislatore russo Andrey Gurulyov, ma il generale in pensione, attualmente deputato nella legislatura russa, sostiene che la Russia si stia armando con l'obiettivo di iniziare una "grande e colossale guerra".

In caso di una nuova guerra mondiale...

Il 24 luglio Gurulyov ha parlato sul canale statale Russia-1 di quali potrebbero essere gli obiettivi di Putin nel caso di una nuova guerra mondiale.

Immagine: Russia-1

Escalation

Sky News ha evidenziato che Gurulyov, deputato della Duma e membro del comitato di difesa, ha ipotizzato che questo conflitto globale potrebbe sorgere dall'escalation di un blocco su Kaliningrad.

Immagine: soldati tedeschi che partecipano alle esercitazioni NATO nel maggio 2022.

Un po' di Russia nel Baltico

Kaliningrad è un'enclave portuale russa nel Baltico, tra i paesi NATO di Polonia e Lituania. Questo rende le comunicazioni e le forniture una questione a dir poco complicata.

Immagine: Aleksey Malinovski / Unsplash

Il corridoio di Suvalkovksy

Gli esperti si sono chiesti se la Russia non voglia provare a creare un corridoio, detto Corridoio Suvalkovsky, per collegare Kaliningrad con il resto del Paese.

Truppe russe ed eserciti della NATO

Il generale in pensione, secondo The Sun, ha sostenuto che questa sarebbe una trappola che farebbe sì che le truppe russe vengano circondate dagli eserciti nemici. Ma, nel caso in cui la NATO bloccasse Kaliningrad, dovrebbero essere intraprese azioni.

Immagine: Russia-1

Guerre stellari

Il primo passo logico, secondo Gurulyov, sarebbe disabilitare il sistema satellitare del nemico.

'Li vedremmo tutti come NATO'

“A nessuno importerebbe se sono americani o britannici. Li vedremmo tutti come NATO”, commenta Gurulyov, citato dal Daily Mail.

Sistema antimissilistico

In secondo luogo, mitigare il sistema antimissilistico del nemico "ovunque e al 100%", ha aggiunto Gurulyov.

Obiettivo: Londra

“Non inizieremmo certo con Parigi, Varsavia o Berlino”, ha detto Gurulyov ai giornalisti di Russia-1. “Il primo obiettivo sarebbe Londra. È chiaro che la minaccia per il mondo viene dagli anglosassoni”.

Tagliare fuori l'Europa

"Nell'ambito dell'operazione di distruzione di siti di importanza critica, l'Europa occidentale sarà tagliata fuori dall'alimentazione e immobilizzata", ha dichiarato l'ex ufficiale militare. Il Sun sottolinea che, come molti altri sostenitori della linea dura, Gurulyov crede che l'Unione Europea sia troppo debole per impegnarsi in una vera guerra.

Gli Stati Uniti

Gurulyov fa delle ipotesi su come gli Stati Uniti riuscirebbero a far sì che l'Europa continui a combattere senza cibo o energia e per quanto tempo Washington, DC riuscirebbe a evitare conflitti.

Qualche omissione

"Questo è il piano approssimativo", ha dichiarato Gurulyov, aggiungendo che "ho deliberatamente tralasciato alcuni momenti perché non devono essere discussi in TV".

Immagine: Russia-1

La lista dei risultati della Russia

In un altro programma televisivo, il generale in pensione ha enumerato i possibili paesi in cui la Russia potrebbe essere costretta a impegnarsi successivamente: Polonia, Slovacchia, Ungheria e Romania.

Non è più un membro attivo dell'esercito

C'è da tener presente che, sebbene Gurulyov sia un deputato alla Duma (nella foto) e faccia parte del comitato di difesa, come sottolinea il Daily Mail, non è più un membro attivo dell'esercito. Le sue affermazioni dovrebbero essere prese con le pinze.

Più domande che risposte

Tuttavia, la sua vicinanza con il presidente russo Vladimir Putin gli è valsa l'essere incluso nelle sanzioni degli Stati Uniti. C'è, quindi, molto da speculare su quanto Andrey Gurulyov sappia davvero e quanto voglia farci credere.

Más para ti