Siccità e pericolo di nube tossica: il Gran Lago Salato negli Stati Uniti si sta prosciugando

Un disastro ambientale nello Utah
Il fango del lago inquinerà l'aria
Arsenico
Metalli pesanti
L'ecosistema ha raggiunto i suoi limiti
La fauna e la flora scompariranno
Il lago è solo un terzo della sua superficie originaria
Il 99% dello Utah è colpito dalla siccità
Problemi di approvvigionamento idrico?
Il precedente del Lake Owen in California
Il lago Owen in un'immagine satellitare
Il disastro del lago d'Aral
Prima e dopo
Nel 2040 non ci sarà abbastanza acqua potabile a Salt Lake City
La fine del Great Salt Lake?
Un disastro ambientale nello Utah

Ha già perso due terzi della sua superficie. E, per il terzo mancante, le cose non sono incoraggianti. Il Gran Lago Salato (Great Salt Lake) dello Utah, uno dei più grandi degli Stati Uniti, si sta prosciugando. Se la situazione continuerà, il destino di questo lago sarà analoga a quella del Lago d'Aral e lo specchio d'acqua scomparirà per sempre. Il 'New York Times' ci mette in guardia e descrive questo fenomeno ambientale come una "bomba a orologeria". Le conseguenze di questo disastro vanno ben oltre la desertificazione.

Il fango del lago inquinerà l'aria

Con il drastico abbassamento del livello dell'acqua, infatti, i fanghi nel lago affioreranno in superficie e, asciugandosi, si trasformeranno in una polvere che può essere altamente tossica.

Arsenico

Secondo gli scienziati citati nel "New York Times", la polvere emergerà dal letto di quello che un tempo era il Gran Lago Salato e il risultato potrebbe essere una grande nube di arsenico, un elemento altamente tossico.

Metalli pesanti

Questa "nube tossica" potrebbe contenere anche tracce di metalli pesanti, che per decenni sono stati scaricati nel lago a causa della significativa attività mineraria nella regione.

Foto: Billy Clouse/Unsplash

L'ecosistema ha raggiunto i suoi limiti

L'ecosistema del Gran Lago Salato dello Utah è sull'orlo di un collasso che sembra irreversibile. Ne è convinta Bonnie Baxter, professoressa di biologia all'Università di Westminster, che al "The New York Times" ha definito terribile questa situazione.

La fauna e la flora scompariranno

Il Gran Lago Salato dello Utah si sta prosciugando da anni, ma solo di recente è suonato il campanello d'allarme: perché senza l'acqua di questo lago gli insetti moriranno e gli uccelli non potranno più nutrirsi, il che avrà un effetto catastrofico sulla fauna e sulla flora della regione.

Il lago è solo un terzo della sua superficie originaria

Secondo i dati dell'US Geological Survey raccolti da Euronews, il Gran Lago Salato dello Utah si è ridotto da un'area di circa 8.547 chilometri quadrati nel 1980 ai 2.590 chilometri quadrati di oggi. Ciò significa che attualmente rimane solo un terzo del lago.

Foto: Fonte USGS - http://ut.water.usgs.gov/greatsaltlake/images/GSLmap2.jpg, pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1223825

"Bomba ambientale"

È stato Joel Ferry, un membro repubblicano della Camera dei rappresentanti dello Utah, che sul "The New York Times" ha definito la situazione ambientale del Gran Lago Salato una "bomba a orologeria".

Il 99% dello Utah è colpito dalla siccità

La desertificazione in questa parte degli Stati Uniti è un fenomeno persistente e preoccupante. Il governatore Spencer Cox ha dichiarato lo stato di emergenza, affermando che "il 99% dello Utah è colpito dalla siccità".

Problemi di approvvigionamento idrico?

Anche il sindaco di Salt Lake City, Erin Mendenhall, ha avvertito della siccità e ha anticipato la possibilità che l'approvvigionamento idrico possa essere compromesso.

Il precedente del Lake Owen in California

Quello che sta succedendo nello Utah è già stato visto in California quando il lago Owen si è prosciugato. Ciò accadde nel 1926, quando l'acqua del fiume e dei torrenti che lo alimentavano furono deviati verso Los Angeles. Da allora sono apparse periodiche nubi di polvere tossica contenente arsenico, cadmio e altri elementi pericolosi. Fortunatamente la regione è scarsamente popolata.

Il lago Owen in un'immagine satellitare

L'ovvia distruzione del lago Owen è drammatica (vedi immagine satellitare), ma le dimensioni del Gran Lago Salato sono significativamente maggiori. Il disastro nello Utah è, quindi, molto più grande di quello avvenuto in California.

Foto: Fonte ISS Mission Expedition 28 - Osservatorio della Terra della NASA, pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=16446790

Il disastro del lago d'Aral

Il prosciugamento del lago d'Aral costituisce un altro precedente di brutale azione umana su una falda acquifera. Negli anni '60, l'ex Unione Sovietica aveva voluto incanalare le sue acque, cosa che ha portato alla sua virtuale scomparsa.

Prima e dopo

Il confronto tra quello che una volta era il lago d'Aral e la scarsa superficie odierna è davvero inquietante.

Nel 2040 non ci sarà abbastanza acqua potabile a Salt Lake City

Il riscaldamento globale, unito all'azione incontrollata dell'uomo sulla terra, ha determinato l'acuirsi del fenomeno della siccità. Il Great Salt Lake dello Utah è in pericolo. Secondo "Euronews", gli scienziati stimano che entro il 2040 le risorse idriche della città di Salt Lake City potrebbero essere esaurite.

Foto: Brandon Green/Unsplash

La fine del Great Salt Lake?

Se non si interviene con urgenza, il Gran Lago Salato dello Utah potrebbe diventare un deserto. Inoltre, le zone circostanti diventerebbero inabitabili a causa delle polveri tossiche. Naturalmente, speriamo che questo scenario apocalittico venga evitato.

Foto: Michael Hart/Unsplash

Más para ti