Ricordando la guerra del Vietnam

Vietnam: la guerra che ha segnato un'intera generazione
I giovani si diressero verso una guerra lontana
Nella lotta al comunismo
Migliaia di vittime civili
La guerra degli anni hippie
L'orrore mostrato al mondo
Compagni d'armi
Il temuto napalm
La ragazza del napalm
Quanti soldati americani sono andati in Vietnam?
Ho Chi Minh, leader dell'insurrezione vietnamita e icona della sinistra mondiale
Saigon: la retroguardia
Divertimento per le truppe
Crimini di guerra
Vittime e carnefici
Una guerra traumatica
Una guerra impopolare
Presidenti coinvolti nella guerra del Vietnam
Agente arancione
Un punto di riferimento della cultura pop
Elicotteri nel delta del Mekong
Quando il Vietnam e gli Stati Uniti si sono parlati di nuovo?
Dispersi in azione
La caduta di Saigon
Un ricordo indelebile
Vietnam: la guerra che ha segnato un'intera generazione

La guerra del Vietnam è stata, forse, la più fotografata sul campo di tutte le guerre dei tempi moderni. Per la sua imponente iconografia, per la sua lunghissima durata, per l'enorme numero di vite perse, fu un conflitto che segnò un'intera generazione di giovani nel mondo.

I giovani si diressero verso una guerra lontana

La guerra del Vietnam è durata dal 1955 al 1975: venti anni durante i quali il governo degli Stati Uniti ha ritenuto necessario inviare migliaia di giovani, reclutati con la forza.

Nella lotta al comunismo

I colonizzatori francesi dell'Indocina lasciarono un Vietnam diviso tra un nord comunista e un sud filo-occidentale. Gli Stati Uniti hanno inviato le loro truppe per riunificare il Vietnam eliminando ogni traccia di comunismo.

Migliaia di vittime civili

Quasi un milione di soldati vietnamiti e 46.000 americani sono morti in questo conflitto, secondo i dati del New York Times. Ci sono altre fonti che stimano il numero di vietnamiti deceduti in tre milioni.

La guerra degli anni hippie

Il momento più crudo della guerra del Vietnam coincide con l'apice del movimento di controcultura e dell'era hippie. I soldati che andavano in guerra, a volte, mostravano quell'influenza nel loro abbigliamento o nell'atteggiamento.

L'orrore mostrato al mondo

Il Vietnam fa parte dell'età d'oro del fotogiornalismo. I fotografi hanno lavorato liberamente e le immagini dell'orrore causato dalla guerra (e degli eccessi delle truppe statunitensi) hanno presto fatto il giro del mondo.

Compagni d'armi

I combattenti americani in Vietnam erano molto giovani e, per lo più, della classe operaia. Gli studenti universitari ricorrevano alle esenzioni e, a volte, le classi superiori potevano usare trucchi legali affinché i loro figli non andassero al fronte.

Il temuto napalm

I bombardamenti statunitensi nelle aree controllate dai Vietcong (la milizia comunista del Vietnam del Nord) sono stati effettuati, in molti casi, con il napalm, un combustibile infiammabile che ha devastato il terreno e causato terribili ferite alle vittime civili.

La ragazza del napalm

Infatti, una delle immagini iconiche della guerra del Vietnam è quella della "ragazza del napalm", che corre nuda e con la pelle bruciata dopo un bombardamento dell'esercito americano. (A proposito, quella ragazza è oggi una donna matura con una biografia che va oltre quella fotografia storica - che fine ha fatto la ragazza del napalm? -).

Quanti soldati americani sono andati in Vietnam?

Gli Stati Uniti sono stati coinvolti a fondo in Vietnam. Hanno inviato 2,5 milioni di soldati durante i 20 anni di durata del conflitto.

Ho Chi Minh, leader dell'insurrezione vietnamita e icona della sinistra mondiale

Ho Chi Minh è diventata un'icona internazionale dell'antimperialismo, il leader comunista di una piccola nazione asiatica che è riuscito ad avere la meglio sul gigante americano.

Saigon: la retroguardia

A Saigon era installata la retroguardia americana. I soldati vi si recavano per riposarsi e godersi la vita notturna di una città in subbuglio.

Divertimento per le truppe

Anche artisti disposti a intrattenere le truppe furono inviati al fronte. Nell'immagine, una performance del musical "Hello, Dolly" per i soldati dislocati in Vietnam.

Crimini di guerra

Le truppe statunitensi furono coinvolte in alcuni episodi criminali particolarmente brutali durante la guerra del Vietnam. Quello che ha avuto l'impatto maggiore è stato il massacro di Mỹ Lai, un villaggio vietnamita in cui i soldati statunitensi hanno violentato donne e ragazze e massacrato a sangue freddo più di 300 persone.

Vittime e carnefici

I giovani americani che hanno partecipato alla guerra del Vietnam non sono stati accolti, al loro ritorno, come degli eroi. Era difficile distinguere se fossero stati vittime o carnefici in quel famigerato conflitto.

Una guerra traumatica

Il Vietnam ha rappresentato un trauma per gli Stati Uniti, a causa della sconfitta militare subita, ma anche perché smascherò le atrocità che il suo esercito era capace di commettere.

Una guerra impopolare

Inoltre, la gioventù americana ha respinto in maniera massiccia la guerra in Vietnam. Le mobilitazioni furono continue durante i decenni degli anni '60 e '70.

Presidenti coinvolti nella guerra del Vietnam

Nell'immagine, il presidente degli Stati Uniti Lyndon B. Johnson esamina le truppe in Vietnam. Non fu l'unico ad affrontare quel conflitto: così fecero Eisenhower, Kennedy e Nixon, che misero fine alla guerra prima di lasciare il suo incarico a causa dello scandalo Watergate.

Agente arancione

La guerra chimica era uno strumento di guerra utilizzato attivamente dagli Stati Uniti in Vietnam. L'esercito americano ha utilizzato il cosiddetto "agente arancione" per distruggere i raccolti nelle aree nemiche. Questo prodotto chimico ha causato effetti sulla popolazione: malattie e bambini nati con deformità.

Un punto di riferimento della cultura pop

Il Vietnam è diventato molto presto un punto di riferimento della cultura pop. Dalle cronache giornalistiche di Michael Herr ('Dispatches of war'- 'Dispatches'-) ai film sul conflitto (da 'Apocalypse Now' a 'Platoon' passando per 'The hunter' -'Il cacciatore'- o ' Full Metal Jacket').

Elicotteri nel delta del Mekong

Il suono delle pale degli elicotteri che sorvolano il delta del Mekong fa parte di tutto l'enorme materiale cognitivo che associamo alla guerra del Vietnam.

Quando il Vietnam e gli Stati Uniti si sono parlati di nuovo?

Fino al 1995 (20 anni dopo la fine del conflitto) le relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Vietnam non erano normalizzate.

Dispersi in azione

All'interno del cinema d'azione, le storie di salvataggio sono state utilizzate per i soldati che, dopo la fine della guerra, sarebbero stati prigionieri dei vietnamiti. È una leggenda sfruttata dalla finzione. In linea di principio, gli Stati Uniti hanno evacuato tutta la sua gente.

La caduta di Saigon

Un altro momento iconico della guerra fu la cosiddetta "caduta di Saigon", il capitolo finale. I vietnamiti che hanno collaborato con gli americani hanno preso d'assalto disperatamente l'ambasciata per sequestrare gli elicotteri in fuga prima dell'arrivo delle truppe comuniste. Era il 30 aprile 1975.

Un ricordo indelebile

La guerra del Vietnam è rimasta impressa nella memoria di diverse generazioni. Di chi l'ha vissuta e di chi, negli anni, ha consumato le numerose storie che l'industria dello spettacolo ne ha fatto.

Más para ti