Le malattie che minacciano per l'uomo

L'umanità e il pericolo di nuove pandemie
Nipah: tasso di mortalità tra il 40% e il 75%.
Dal pipistrello al maiale e dal maiale all'uomo
Un esempio del grado di pericolosità di Nipah
Dengue: dai tropici al mondo intero trasportato da una zanzara
Aumento esplosivo in quasi tutte le parti del mondo
Dengue in Europa
Zika: prima era nei macachi
Microcefalia dovuta a Zika
Diffondendosi in tutto il pianeta
La deforestazione amazzonica come minaccia pandemica
Virus del Nilo occidentale: viaggio a New York dall'Africa
Dall'uccello alla zanzara e dalla zanzara all'essere umano
Può causare la morte
Aumento delle temperature e disseccamento: più zanzare, più malattie
Malattia di Lyme: una zecca può farci molti danni
Comune negli Stati Uniti
Ebola: una tragedia africana
I viaggi dell'Ebola
E le malattie che ancora non conosciamo
L'umanità e il pericolo di nuove pandemie

Lo schema, nella storia dell'umanità, è sempre lo stesso e le pandemie sempre in agguato. È successo con l'influenza spagnola, con il Covid, sta succedendo con il vaiolo delle scimmie e, secondo la scienza ed è molto probabile che si ripetano situazioni simili in cui nuovi tipi di malattie si trasmetteranno dagli animali all'uomo. E alcune di esse, sconosciute o, finora, limitate a zone lontane della giungla, sono terrificanti.

Nipah: tasso di mortalità tra il 40% e il 75%.

Il pipistrello nell'immagine (la "volpe volante" che mangia frutta e vive in alcune parti dell'Africa, dell'Asia e dell'Oceania) è l'habitat di un virus che si diffonde facilmente e presenta un alto tasso di mortalità. Secondo i dati dell'OMS, Nipah ha un tasso di mortalità compreso tra il 40% e il 70%.

Immagine: dall'utente: Raul654 - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=529930

Dal pipistrello al maiale e dal maiale all'uomo

Ci sono due fattori che aumentano il pericolo di Nipah. Innanzitutto, i maiali sono particolarmente vulnerabili al virus ed è più facile che l'infezione si diffonda dal maiale all'uomo. Secondo: il periodo di incubazione è di oltre un mese, senza sintomi, ed è proprio in quel periodo che può diventare contagioso.

Immagine: Kenneth Schipper Vera/Unsplash

Un esempio del grado di pericolosità di Nipah

I focolai di Nipah sono stati finora episodici e ristretti, principalmente localizzati in Asia, ma ciò che gli scienziati hanno osservato fa scattare i campanelli d'allarme. Un esempio raccolto dalla BBC: in Bangladesh ci sono stati 196 casi di Nipah tra il 2001 e il 2011. Di questi, ne sono morti 150.

Immagine: Niloy Biswas/Unsplash

Dengue: dai tropici al mondo intero trasportato da una zanzara

Il cambiamento climatico e la globalizzazione offrono terreno fertile alle malattie tropicali perché viagginp in altre parti del pianeta e si diffondano tra gli esseri umani. La zanzara nell'immagine (aedes aegypti) trasmette la dengue. Questa malattia provoca febbre alta, forti dolori articolari (in alcuni paesi chiamano dengue "febbre ossea") e, nella sua forma più grave, emorragie che possono causare la morte.

Aumento esplosivo in quasi tutte le parti del mondo

L'OMS ammette che la dengue ha moltiplicato la sua incidenza negli ultimi tempi. Secondo i dati, prima del 1970 solo nove paesi erano stati interessati da epidemie di dengue e ora sono più di 100 i paesi in cui la malattia è endemica, anche molto lontano dai climi tropicali. È il caso dell'Europa.

Dengue in Europa

L'OMS afferma in uno dei suoi rapporti: "L'Europa sta attualmente affrontando la possibilità di focolai di dengue; nel 2010 la trasmissione locale della malattia è stata segnalata per la prima volta in Francia e Croazia e sono stati rilevati casi importati in altri tre paesi europei. In Nel 2012, un focolaio di dengue nell'arcipelago di Madeira (Portogallo) ha causato più di 2.000 casi e casi importati sono stati rilevati in altri 10 paesi europei, oltre al Portogallo continentale".

Immagine: Calvin Hanson/Unsplash

Zika: prima era nei macachi

Il virus Zika è stato rilevato per la prima volta nei macachi, in particolare in Uganda. Viene inoculato da una zanzara e provoca sintomi lievi (febbre, forse un'eruzione cutanea, dolori muscolari...). C'è anche la possibilità che la persona infetta sia asintomatica, ma il problema è se il virus colpisce una donna incinta. Le conseguenze per il neonato saranno terribili.

Immagine: Olivier Guillard/Unsplash

Microcefalia dovuta a Zika

Il virus Zika nelle donne in gravidanza provoca malformazioni nei neonati, in particolare la microcefalia. Di solito è accompagnato da un danno cerebrale e c'è un'alta possibilità che causi la morte del neonato entro 10 giorni.

Immagine: dai Centers for Disease Control and Prevention - https://www.cdc.gov/ncbddd/birthdefects/images/microcephaly-comparison-500px.jpg, dominio pubblico, https://commons.wikimedia.org/w/index .php?curid=46674502

Diffondendosi in tutto il pianeta

L'OMS riferisce sul suo sito web che il primo grave focolaio di Zika si è verificato sull'isola di Yap in Micronesia nel 2007. Nel 2013 si è verificato un altro grave focolaio in Polinesia e nel 2015 è scoppiato in Brasile. Ma ci sono già casi in tutto il mondo. Spagna, Francia, Germania o Regno Unito hanno rilevato infezioni da Zika negli ultimi anni.

La deforestazione amazzonica come minaccia pandemica

La grande esplosione di Zika in Brasile è attribuita da alcuni esperti alla deforestazione dell'Amazzonia e all'irruzione di grandi gruppi di esseri umani in aree precedentemente selvagge. Questo potrebbe facilitare la zoonosi, ovvero il passaggio di un virus da un animale all'uomo.

Virus del Nilo occidentale: viaggio a New York dall'Africa

Il cosiddetto virus del Nilo occidentale è atterrato a New York nel 1999 e ha causato un focolaio che si è poi diffuso negli Stati Uniti. L'origine di questa malattia è aviaria. Un altro caso di zoonosi.

Dall'uccello alla zanzara e dalla zanzara all'essere umano

Il virus del Nilo occidentale è presente in molti tipi di uccelli e quando una zanzara morde quest'uccello e poi un essere umano, si verifica un'infezione. Quali uccelli possono essere infettati? Passeri, gazze, piccioni o fringuelli.

Immagine: Tobias Roth/Unsplash

Può causare la morte

Non è uno dei virus con la mortalità più alta, ma, secondo l'OMS, uno su 150 casi diventa grave e porta alla cosiddetta "febbre del Nilo", che uccide i pazienti più vulnerabili. Un caso del genere si è verificato, ad esempio, in Spagna: nelle città andaluse di Coria del Río e La Puebla del Río si è verificato un focolaio nel 2020 con 176 contagiati e sette decessi.

Immagine: Olga Kononenko/Unsplash

Aumento delle temperature e disseccamento: più zanzare, più malattie

Riassumendo in modo semplice: molte delle patologie descritte si diffondono perché le temperature aumentano in molte parti del globo, le falde acquifere si seccano e alcune specie (zanzare, soprattutto) invadono aree che prima non frequentavano. E malattie considerate "esotiche" hanno incidenza in luoghi in cui la loro origine, i loro sintomi e come agire per curarle non sono note.

Immagine: Markus Spiske/Unsplash

Malattia di Lyme: una zecca può farci molti danni

Una zecca infetta può trasmettere la malattia di Lyme, la cui diffusione negli ultimi anni è stata avvertita anche dall'OMS. La presenza degli esseri umani in territori selvaggi, la loro convivenza con animali che dovrebbero essere lontani dalla nostra specie, l'urbanizzazione in aree naturali non idonee: tutto ciò rende sempre più numerose le punture di zecca e, quindi, la possibilità di contrarre una malattia che può diventare cronica.

Immagine: da foto di Scott Bauer. - Questa immagine è stata rilasciata dall'Agricultural Research Service, l'agenzia di ricerca del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti, con l'ID k8002-3 (successivo)., Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index. php?curid=363940

Comune negli Stati Uniti

La malattia di Lyme di solito provoca mal di testa, febbre, dolori articolari. Ma, se non trattata, può portare a paralisi facciale, palpitazioni, disturbi neurologici... È molto comune che le persone che si recano in aree come i parchi naturali degli Stati Uniti, dove sono segnalate centinaia di infezioni, vengano infettate.

Immagine: Lukas Parker/Unsplash

Ebola: una tragedia africana

E abbiamo lasciato per ultimo il caso dell'Ebola. È una malattia molto spaventosa perché, secondo l'OMS, il suo tasso di mortalità può superare il 50% su base ricorrente. Per le sue caratteristiche (si diffonde solo quando ci sono sintomi e i sintomi sono molto evidenti -vomito con abbondante sangue-) i focolai hanno potuto essere controllati e hanno appena lasciato l'Africa. Ma...

I viaggi dell'Ebola

Ma in un mondo così globalizzato e dove i movimenti da un punto all'altro del pianeta sono facili e veloci, ci sono già stati casi di Ebola in diverse parti del globo. L'OMS include nella sua lista le infezioni da Ebola nel Regno Unito, in Spagna, in Italia o negli Stati Uniti. Pazienti che sono stati controllati e che non sono morti (tranne uno negli Stati Uniti). La medicina dei paesi sviluppati fa la differenza in termini di letalità. Non è lo stesso in Africa. Nel 2014 un focolaio nella Repubblica Democratica del Congo ha ucciso 49 persone. La letalità è stata del 74%.

E le malattie che ancora non conosciamo

Gli scienziati avvertono dei pericoli delle zoonosi e di nuove malattie di cui non siamo nemmeno a conoscenza. I mercati con animali vivi, la deforestazione, l'irruzione di esseri umani in territori dove ci sono specie con cui non dovremmo entrare in contatto... e i pipistrelli, perfetti serbatoi di microrganismi che possono ucciderci. Ristabilire un equilibrio tra gli esseri umani e la natura è necessario anche per evitare nuove minacce per la salute.

Immagine: Jeremy Bezanger/Unsplash

POTREBBE INTERESSARTI: Quanto tempo resta al nostro pianeta?

 

Más para ti