Le storie di soldati russi che si rifiutano di combattere in Ucraina

No alla guerra
Pensavo si trattasse di qualcos'altro
Cosa ci facciamo qui?
Presentare le dimissioni
'Questa non è la nostra guerra'
Non danno nemmeno quello che hanno promesso
70% di dimissioni?
Le madri dei soldati
Rinuncia ai rifiuti
'Le persone intorno a noi stavano morendo'
Un esercito allo sbando
Quasi 30.000 russi uccisi in Ucraina?
'Non sapevamo che stavamo arrivando a una guerra'
'Ingannato'
Niente dimissioni di massa
Mobilitazione generale
No alla guerra

Fino a che punto un soldato può decidere di voltare le spalle alla sua patria (o alla persona che guida quella patria e invia truppe a combattere contro un paese fratello)? Ci sono soldati russi che hanno fatto dietro-front, perché credono che ciò che si sta facendo in Ucraina sia ingiusto o perché si sentono mandati al macello. Hanno rinunciato a combattere. E le loro testimonianze mostrano come stia procedendo la guerra in Ucraina.

Pensavo si trattasse di qualcos'altro

La CNN ha ottenuto la testimonianza di un ufficiale (il cui nome non è stato rivelato) che pensava di essere stato inviato in Crimea e, a sorpresa, si è ritrovato in territorio ucraino. Lui e i suoi compagni di battaglione erano stati abilmente inviati ad una guerra che credevano non sarebbe mai scoppiata.

Cosa ci facciamo qui?

Nel caso del militare che ha offerto la sua testimonianza alla Cnn, assicura che non erano stati nemmeno informati sulla "denazificazione" dell'Ucraina, ma che, semplicemente, erano stati mandati lì e assicura sui suoi compagni d'armi: "In molti non hanno capito a cosa serviva tutto questo e cosa stavamo facendo qui".

Presentare le dimissioni

L'uomo che ha parlato alla Cnn ha raccontato come, dopo aver visto il rifiuto che la presenza russa ha suscitato tra la popolazione ucraina, abbia deciso di andarsene. I professionisti militari possono dimettersi legalmente e lui l'ha fatto. L'avevano avvertito che poteva essere aperto un procedimento penale contro di lui, ma è andato avanti con la sua decisione. Gli è stato permesso, ma non in tutti i casi è così facile.

'Questa non è la nostra guerra'

All'interno del fumo denso causato dalla propaganda di una parte o dell'altra, sembrerebbe che siano abbastanza i soldati russi che si siano rifiutati di combattere in Ucraina. Uno di loro, anche lui anonimo, ha detto a Reuters: "Questa non è la nostra guerra".

Non danno nemmeno quello che hanno promesso

Uno dei problemi è che, secondo il militare con cui ha potuto parlare Reuters, l'esercito russo non mantiene nemmeno le promesse: “(In Russia) ci hanno messo in fila e ci hanno detto che tutti avremmo ricevuto una indennità giornaliera, un extra per combattere e medaglie”. Non hanno ricevuto niente, quindi: “Abbiamo deciso di smettere. Eravamo in 14”.

70% di dimissioni?

Le autorità ucraine assicurano che le dimissioni si verificano quotidianamente in tutte le aree (soldati, ufficiali, unità di base o d'élite) e che alcuni battaglioni registrano addirittura il 70% di dimissioni. Ma questi dati non sono certamente privi di un importante matrice propagandistica.

Le madri dei soldati

Valentina Menlikova, del Comitato delle Madri dei Soldati Russi, assicura che, sebbene non si sappia il numero esatto, sono molti i militari che presentano le dimissioni. È un diritto per quei soldati professionisti che hanno un contratto valido. Ricordiamoci che la Russia non ha dichiarato guerra all'Ucraina e, quindi, non ha incorporato reclute forzose nel suo esercito. Chi si dimette non è disertore, lo fa seguendo i canali regolamentari.

Rinuncia ai rifiuti

Ma, secondo il Comitato delle Madri dei Soldati, dimettersi non è così semplice. Le dimissioni devono essere presentate a un superiore e che siano accettate o meno dipende sempre dalla buona volontà di questi.

'Le persone intorno a noi stavano morendo'

C'è poco trionfalismo nelle testimonianze di persone che hanno rinunciato a partecipare alla guerra in Ucraina. Il soldato che ha parlato con la Cnn ha detto: "Eravamo sporchi e stanchi. Le persone intorno a noi stavano morendo. Non volevo farne parte".

Un esercito allo sbando

È vero che la Russia è riuscita a stabilizzare la guerra e a guadagnare terreno dopo un inizio disastroso, ma si susseguono le notizie di un esercito che agisce allo sbando, mancanza di rifornimenti e troppe vittime.

Quasi 30.000 russi uccisi in Ucraina?

Dall'Ucraina è stato fatto un calcolo che parla di 29.200 soldati russi uccisi in questa guerra, secondo Deutsche Welle. La NATO riduce questa cifra tra 7.000 e 15.000. La Russia ne ammette solo 1.351.

'Non sapevamo che stavamo arrivando a una guerra'

Le testimonianze di soldati che non sapevano dove fossero stati mandati sono molte. All'inizio dei combattimenti, l'Ucraina ha pubblicato video di soldati russi catturati che potevano parlare con le loro madri al telefono e ammettere che stavano sparando a obiettivi civili. Per inciso, queste registrazioni sono contrarie alla Convenzione di Ginevra: i prigionieri non possono essere esibiti o utilizzati in alcun modo (nemmeno come propaganda).

'Ingannato'

Un altro video diventato virale mostrava soldati che assicuravano che stavano tornando a casa sentendosi "ingannati" perché era stato detto loro che avrebbero effettuato solo manovre militari.

Niente dimissioni di massa

Tuttavia, nonostante i resoconti che i media occidentali sono stati in grado di ottenere sui soldati che si sono dimessi, è improbabile che una dimissione di massa possa mettere in imbarazzo l'esercito russo, a meno che le cose non peggiorino.

Mobilitazione generale

In ogni caso, dichiarando guerra, Putin avrebbe il diritto di chiedere una mobilitazione generale: l'arruolamento forzato di migliaia di civili. Questa mossa, però, sarebbe molto complicata: significherebbe mettere a dura prova la società, trasmettendo il messaggio che la Russia rischia davvero di perdere. Se questa mobilitazione avverrà, le conseguenze nella società russa (e nel corso del conflitto stesso) saranno imprevedibili.

Más para ti