L'anima è immortale oppure no?
Cos'è l'anima?
L'anima o coscienza
La teoria 'Orch-OR'
Roger Penrose
Premio Nobel per la Fisica nel 2020
Amico di Stephen Hawking
Stuart Hameroff
Una teoria da verificare
Cosa sostiene la teoria 'Orch-OR'
Un approccio quantistico
La coscienza è un'onda che vibra
Il cervello come computer quantistico
L'Interpretazione a Molti Mondi di Everett
Noi siamo la realtà
Un nuovo modo di intendere il cervello
Cosa succede all'interno del neurone
Quindi, l'anima è immortale?
Le informazioni si conservano
Una teoria affascinante, ma non verificata
Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(1/20)
L'anima è immortale oppure no?

Chiedersi se l'anima degli esseri umani sia immortale o meno è uno dei quesiti più antichi di sempre. Fin dai tempi più remoti infatti filosofia, scienza e religione hanno cercato, chi in un modo e chi in un altro, di dare la giusta risposta senza però mai arrivare a una assoluta verità e lasciandola aperta alle molte interpretazioni, a seconda del proprio credo.

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(2/20)
Cos'è l'anima?

Ma cerchiamo di capire cosa s'intende per anima. La parola anima viene dal latino anima, connesso col greco ànemos che significa "soffio" o "vento". In molte tradizioni spirituali e religiose per anima s'intende l'"essenza", lo "spirito" o l'"io" della personalità.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(3/20)
L'anima o coscienza

In epoca più moderna, invece, per anima s'intende la parte del sé pensante, come la mente o la coscienza, che rappresenta uno dei più grandi misteri delle diverse branche della scienza. Qualche anno fa, però, è nata una nuova teoria per far luce sulla questione, in collaborazione con un grande fisico del nostro tempo: scopriamone di più.

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(4/20)
La teoria 'Orch-OR'

La teoria che cerca di studiare la coscienza, e quindi l'anima, si chiama 'Orch-OR' (ORCHestrated Objective Reduction), nata intorno agli anni '90 e ideata dal fisico Roger Penrose e da Stuart Hameroff. Alla base c'è l'idea che la coscienza si origini all'interno dei neuroni e non dalle interazioni tra di essi.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(5/20)
Roger Penrose

Prima di addentrarci in questa affascinante teoria che potrebbe rivelarci qualcosa di più sulla nostra anima, ricordiamo che Roger Penrose è un illustre matematico, fisico e cosmologo e che nel 2020 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la Fisica.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(6/20)
Premio Nobel per la Fisica nel 2020

Penrose ha ricevuto una delle più alte onorefinceze previste nel campo della scienza per il suo lavoro con i buchi neri. Tra i suoi contributi, infatti, c'è la scoperta che la formazione dei buchi neri sia una conseguenza della relatività generale di Einstein.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(7/20)
Amico di Stephen Hawking

Roger Penrose ha anche collaborato per molto tempo a Cambridge con un altro grande della fisica che ci ha lasciato pochi anni fa, Stephen Hawking, e con il quale ha sviluppato alcune teorie sui buchi neri e sulla singolarità gravitazionale.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(8/20)
Stuart Hameroff

Altro autore della teoria che ambisce a volerci dire cos'è l'anima e se essa è immortale è Stuart Hameroff, un medico anestesista statunitense e docente presso l'Università dell'Arizona, negli Stati Uniti.

Foto: Wikipedia

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(9/20)
Una teoria da verificare

Bisogna precisare che la 'Orch-OR', al momento, è soltanto una teoria, che però è stata considerata sperimentabile: esistono, infatti, progetti in corso che mirano alla sua sperimentazione.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(10/20)
Cosa sostiene la teoria 'Orch-OR'

Alla base della teoria 'Orch-OR' ideata da Penrose e Hameroff c'è l'idea che il cervello potrebbe non essere guidato da algoritmi e che, quindi, le sue proprietà fisiche non potrebbero essere descritte con il formalismo matematico tradizionale, bensì con gli affascinanti (e a volte bizzarri) principi della meccanica quantistica.

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(11/20)
Un approccio quantistico

I due autori della teoria hanno unito le loro conoscenze: da un lato abbiamo Hameroff che vuole indagare sulla componente biologica della coscienza. Secondo il medico statunitense, i microtubuli, delle cellule situate all'interno del cervello, rappresentano la principale struttura della coscienza. Dall'altra parte, invece, abbiamo il fisico Penrose che inserisce l'approccio quantistico.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(12/20)
La coscienza è un'onda che vibra

Secondo la teoria 'Orch-OR' la coscienza è un'onda che vibra nell'universo delle particelle subatomiche e i microtubuli agiscono come dei veri computer quantistici che trasformano queste vibrazioni in informazioni utilizzabili.

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(13/20)
Il cervello come computer quantistico

Un computer quantistico lavora in maniera diversa da un computer normale. Quest'ultimo, infatti, processa informazioni sotto forma di bit, zero o uno, mentre quello quantistico processa qbit, che invece possono essere sia zero che uno contemporaneamente, dando vita così alla cosiddetta sovrapposizione quantistica, un paradosso difficile da far capire alla nostra mente, abituata alla meccanica classica.

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(14/20)
L'Interpretazione a Molti Mondi di Everett

A far cadere questa sovrapposizione di stati potrebbe essere la misurazione o l'osservatore, quindi, in questo caso, la coscienza. Ecco un esempio per capire meglio di cosa stiamo parlando: se una persona sceglie di mangiare una mela o una pera, secondo alcuni fisici teorici, nel momento della scelta (diciamo mela), la scelta della pera si separa e continua a esistere separatamente in un altro mondo. (L'Interpretazione a Molti Mondi di Everett).

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(15/20)
Noi siamo la realtà

Secondo la teoria 'Orch-OR', invece, la scelta non fatta, quindi la pera, si separa, ma è una situazione instabile e quindi collassa, viene meno, dopo poco. Abbiamo, pertanto, due conclusioni: secondo i sostenitori dell'Interpretazione a Molti Mondi di Everett, esistono tantissimi altri mondi, ma solo in uno c'è la coscienza (nel mondo in cui siamo consapevoli) ed è un fatto del tutto casuale. Mentre secondo Penrose e Hameroff, dato che le realtà alternative collassano perché instabili, noi siamo l'unica realtà.

Foto: Wikipedia

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(16/20)
Un nuovo modo di intendere il cervello

Questo ragionamento quantistico viene applicato al cervello: la visione della coscienza, tradizionalmente considerata come l'insieme delle interconnessioni dei neuroni che lavorano come un normale computer, con quest'approccio cambia sostanzialmente, perché, secondo Hameoff, "Considerare la cellula cerebrale – il neurone – come un interruttore che si spegne o si accende è un insulto al neurone stesso."

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(17/20)
Cosa succede all'interno del neurone

Ancora secondo il medico statunitense: "Basti pensare che un organismo unicellulare, come il paramecio, nuota, trova cibo, un partner, si accoppia e può imparare. Se un semplice paramecio può essere così intelligente, può un neurone essere così stupido? È solo una questione di essere acceso o spento? Penso che questi scienziati non considerino quello che succede all’interno del neurone".

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(18/20)
Quindi, l'anima è immortale?

Ma a questo punto la domanda è lecita: come fa in questo contesto l'anima, quindi la coscienza, a essere immortale? Ecco la risposta fornita dalla teoria 'Orch-OR'.

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(19/20)
Le informazioni si conservano

Sempre secondo le premesse della teoria, i microtubuli in uno stato di pre-morte perdono il loro stato quantico, ma conservano le informazioni contenute. Secondo il dott. Hameroff: con la morte, "il cuore smette di battere, il sangue non scorre, i microtubuli perdono il loro stato quantico. L’informazione quantistica all’interno dei microtubuli non è distrutta, non può essere distrutta, si distribuisce soltanto e si dissipa nell’universo in generale".

Foto: Pixabay

Internacional
L'anima è immortale? La risposta degli scienziati
(20/20)
Una teoria affascinante, ma non verificata

Ovviamente si tratta soltanto di una delle tante teorie interessanti che cercano di spiegare cosa sia sia la coscienza e se davvero questa possa conservare le informazioni di tutta una vita, ma ricordiamo che non è stata ancora comprovata dalla scienza.

Más para ti