Raccapricciante
L'esercito continua ad avanzare
Città e Provincia
Chernobyl
La resistenza sotterranea
Bucha
Massacro
Irpin
Bombardamento di colonne di profughi
Hostomel
La battaglia dell'aeroporto di Antonov
Miriya
Fabbrica Vizar
Borodianka
Bombardamenti
Ferite aperte
Responsabilità
Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(1/17)
Raccapricciante

Il 24 febbraio la Federazione Russa ha invaso l'Ucraina. Pochi giorni dopo, le truppe provenienti dalla Bielorussia hanno circondato Kiev, nella parte settentrionale del Paese. Gli ucraini, nonostante tutte le probabilità in contro, sono riusciti a mantenere il controllo della capitale, dopo settimane di strenui combattimenti.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(2/17)
L'esercito continua ad avanzare

Ora l'esercito russo si sta ritirando verso est, ma la desolazione lasciata dietro di sé è un qualcosa che non potrà essere dimenticato facilmente.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(3/17)
Città e Provincia

È importante sottolineare che una cosa è l'area metropolitana di Kiev (che comprende la capitale dell'Ucraina) e un'altra è l'Oblast di Kiev, ovvero la provincia centro-settentrionale che circonda la città di Kiev.

Immagine: Jan Reinicke / Unsplash

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(4/17)
Chernobyl

L' 'Oblast' di Kiev ha all'incirca le dimensioni dello stato americano del Massachusetts. Una delle sue caratteristiche più notevoli è la zona di esclusione di Chernobyl a nord, vicino al confine con la Bielorussia.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(5/17)
La resistenza sotterranea

Fin dal primo momento, la capitale dell'Ucraina è stata assediata dalle truppe russe, provenienti principalmente dalla Bielorussia, nel nord. La gente del posto è stata costretta a rintanarsi nella metropolitana di Kiev e in altri rifugi mentre gli attacchi continuavano intorno alla città.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(6/17)
Bucha

Uno dei luoghi più importanti di questo conflitto è stata Bucha, una città di oltre 30.000 persone a nord-est dell'area metropolitana di Kiev. Bucha è stata completamente riconquistata il 31 marzo, dopo oltre un mese di battaglia.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(7/17)
Massacro

Più che una vera e propria battaglia, i governi e la stampa hanno denunciato le azioni della Russia a Bucha come un massacro. Secondo la BBC, il sindaco della città ha riferito che oltre 400 persone sono state uccise dalle truppe invasori, con immagini satellitari che dimostrano che non si trattava di vittime di guerra, ma di esecuzioni sommarie.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(8/17)
Irpin

Altre accuse di crimini di guerra dalla Russia sono avvenute nella vicina Irpin, una città di oltre 60.000 persone appena fuori Kiev, dove gli ucraini sono riusciti a respingere gli invasori e a riprendere il pieno controllo della città il 28 marzo.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(9/17)
Bombardamento di colonne di profughi

I giornalisti del New York Times hanno riferito che per diverse ore le truppe russe hanno bombardato un crocevia utilizzato da centinaia di civili per fuggire dalla città, uccidendone almeno otto. Human Rights Watch afferma che, attaccando deliberatamente i civili, la Russia ha violato il diritto umanitario internazionale.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(10/17)
Hostomel

Hostomel, tecnicamente parte del comune di Irpin, è un altro dei centri urbani intorno alla città di Kiev che diventa uno sfortunato campo di battaglia in un conflitto così inutile.

Immagine: immagine satellitare (c) 2022 Maxar Technologies.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(11/17)
La battaglia dell'aeroporto di Antonov

La città di Hostomel ospita l'aeroporto Antonov, un aeroporto cargo e una struttura di test che è stato brevemente trattenuto il 24 febbraio dalle truppe russe. Situato a pochi chilometri da Kiev, era una priorità strategica per l'esercito invasore.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(12/17)
Miriya

Gli ucraini sono riusciti a respingere gli invasori russi, ma la pista di atterraggio era troppo danneggiata per continuare a funzionare. Durante il combattimento, l'Antonov An-225 Miriya, il più grande aereo cargo del mondo, è stato distrutto.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(13/17)
Fabbrica Vizar

Un altro obiettivo strategico che era stato colpito dai russi era la fabbrica Vizar a Vyshneve, a sud di Kiev. Vizar, riferisce France24, era un produttore dedito alla produzione di missili.

Nella foto: ciò che restava degli uffici del Vizar.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(14/17)
Borodianka

La città di Borodianka, a nord-ovest di Hostomel, è stata descritta dal New York Times come una tranquilla cittadina di meno di 13.000 persone. Tuttavia, all'essere situata su una delle strade principali che portano a Kiev, si è trasformata in uno dei principali obiettivi dell'invasione russa.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(15/17)
Bombardamenti

Il 5 aprile il New York Times ha riferito che il sindaco ad interim della città ha stimato che oltre 200 persone erano morte o stavano morendo sotto le macerie di condomini bombardati. Interi complessi residenziali sono stati trasformati in cumuli di detriti.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(16/17)
Ferite aperte

Secondo quanto riferito, i soldati russi hanno saccheggiato negozi e supermercati a Borodianka prima di ritirarsi il 30 marzo. Tuttavia, nonostante la ritirata, le ferite a Borodianka, Irpen, Bucha e altrove rimangono ancora aperte.

Internacional
La scia di distruzione lasciata dalle truppe russe nella regione di Kiev
(17/17)
Responsabilità

Il 16 aprile, Associated Press ha informato che le autorità locali avevano scoperto che oltre 900 corpi erano stati recuperati dalla regione dell'Oblast di Kiev dopo la ritirata russa. La maggior parte di loro era stata giustiziata, con i cadaveri lasciati per strada o sepolti in fretta.
Il tempo dirà se i colpevoli dovranno mai affrontare la responsabilità delle loro azioni.

Más para ti