I pericoli che si nascondono dietro l'invio delle armi in Ucraina

Conseguenze a breve, medio e lungo termine
Distruzione in Ucraina
Armi per l'Ucraina... e per altri
Parla il capo dell'Interpol
Traffico illegale di armi
Quando la guerra sarà finita
Le mafie aspettano la stagione dei saldi e dei ribassi
Bisogna recuperare quelle armi
Rafforzamento delle bande criminali
Un mercato nero mondiale
Armi in tutto il mondo
Si stanno già muovendo
Necessaria la cooperazione internazionale
Banche dati
Ogni tipo di arma
Afghanistan: un esempio recente
Conseguenze a breve, medio e lungo termine

Ogni guerra implica, logicamente, un aumento esplosivo del commercio di armi. Il conflitto in Ucrania, ovviamente, non ne è esente e l'Interpol ha lanciato un'allarme.

Distruzione in Ucraina

Le buone intenzioni di molti paesi nell'inviare armi in Ucraina per difendersi dall'attacco da parte della Russia potrebbero avere conseguenze indesiderate.

Armi per l'Ucraina... e per altri

Il pericolo è che le armi spedite in Ucraina finiscano nelle mani sbagliate. Come?

Parla il capo dell'Interpol

È stato Jürgen Stock, capo dell'Interpol (nella foto), ad aver messo in guardia l'Occidente sulla sorte delle armi che molti Paesi stanno inviando in Ucraina.

Foto: Interpol

Traffico illegale di armi

"L'elevata disponibilità di armi durante l'attuale conflitto comporterà la proliferazione di armi illecite nella fase post-conflitto", ha affermato Jürgen Stock, secondo The Guardian.

Quando la guerra sarà finita

Il problema principale è che le innumerevoli armi inviate in Ucraina non verranno restituite ai paesi di origine al termine del conflitto.

Le mafie aspettano la stagione dei saldi e dei ribassi

La cosa più probabile, secondo il responsabile dell'Interpol, è che le armi destinate all'Ucraina finiscano in mano alle mafie, siano vendute al mercato nero e, sicuramente, terminino in mano a delinquenti.

Foto: Unsplash - Justin Lim

Bisogna recuperare quelle armi

L'avviso di Jürgen Stock, oltre ad essere informativo, include una richiesta agli stessi paesi che hanno inviato armi: così come le hanno inviate, dovranno collaborare per recuperarle.

Rafforzamento delle bande criminali

Le potenti bande criminali europee potrebbero vedere accresciuto il loro potere in termini di armi, come è successo quando è crollata l'Unione Sovietica e le mafie hanno potuto accedere alle armi fino ad allora solo in mano ai militari.

Un mercato nero mondiale

Ovviamente, dall'Interpol non limitano la vendita di armi al territorio ucraino. È chiaro che questo succoso mercato nero avrà il mondo intero come vetrina.

Foto: Interpol

Armi in tutto il mondo

"Ci aspettiamo un afflusso di armi in Europa, ma dobbiamo aspettarci anche che queste armi vengano inviate non solo nei paesi vicini, ma anche in altri continenti", ha spiegato Jürgen Stock (nella foto).

Foto: Interpol

Si stanno già muovendo

Jürgen Stock, infatti, avverte che "i criminali le stanno già puntando", avvertendo dei movimenti per acquisire armi, anche con la guerra ancora in un punto critico.

Necessaria la cooperazione internazionale

In che modo l'Interpol suggerisce di lavorare su questo problema? Per ora, come una squadra. "Nessun Paese può farlo da solo, perché questi gruppi operano a livello mondiale", quindi la sfida coinvolge l'intera comunità internazionale.

Banche dati

Jürgen Stock suggerisce che i paesi che inviano armi in Ucraina utilizzino i loro database per rintracciarle. "Siamo in contatto con i paesi membri per incoraggiarli a utilizzare questi strumenti", afferma il capo dell'Interpol.

Ogni tipo di arma

"I criminali sono interessati a ogni tipo di arma. Fondamentalmente qualsiasi arma che possa essere utilizzata per scopi criminali", aggiunge Jürgen Stock.

Afghanistan: un esempio recente

E nel caso qualcuno avesse dei dubbi, c'è il recente esempio dell'Afghanistan a dissiparli. Quando gli Stati Uniti hanno lasciato il Paese nell'agosto 2021, gran parte delle armi inviate nel Paese sono finite nelle mani dei talebani o vendute sul mercato illegale. Naturalmente c'è preoccupazione.

POTREBBE INTERESSARTI: La guerra in Ucraina potrebbe avere i mesi contati

Más para ti