Dalla fantascienza alla realtà: i cinesi controlleranno i robot con la mente

Controllare i robot con la forza del pensiero è possibile
La Cina in prima fila
Un nuovo sistema di controllo
Una precisione mai raggiunta prima
Dove verrà applicata?
La stazione spaziale cinese
Come funziona la nuova tecnologia?
Codificazione degli impulsi neuronali
Intelligenza Artificiale
Controllare con la forza del pensiero
A prova di test
Perché la telecinesi nello spazio?
Assenza di gravità
Niente più joystick e tastiere
Non solo nello spazio
Per le catene di montaggio
In attesa di sviluppi
Controllare i robot con la forza del pensiero è possibile

Potrebbe sembrare un racconto di fantascienza, invece la possibilità di controllare un robot con la mente si sta facendo sempre più strada nel mondo della tecnologia e dei progressi scientifici.

Foto: Pixabay

La Cina in prima fila

E tra i protagonisti di questa incredibile notizia non potevano che esserci i cinesi, che negli ultimi anni ci sirprendono ogni volta con tecnologie sempre più all'avanguardia come il sole artificiale con cui creare energia illimitata.

Un nuovo sistema di controllo

Secondo alcune rivelazioni riportate dal giornale di Hong Kong, South China Morning Post, i cinesi stanno mettendo a punto un nuovo sistema di controllo che potrà cambiare per sempre le future missioni spaziali. Grazie all'aiuto dell'Intelligenza Artificiale e delle onde celebrali sarà possibile controllare un braccio robot.

Una precisione mai raggiunta prima

Molti dei dettagli di questa nuova tecnologia sono ancora top secret, o almeno non trapelano dallo studio apparso sulla rivista scientifica cinese Controllo e Misurazione dei Computer. Ciò che viene assicurato è que questo nuovo modo di operare ha una precisione mai raggiunta prima.

Foto: Pixabay

Dove verrà applicata?

L'obiettivo dei cinesi è che i taikonauti, gli astronauti cinesi, possano muovere con la massima precisione un enorme braccio robot sulla stazione spaziale cinese.

La stazione spaziale cinese

La Cina ad oggi possiede già due stazioni nello spazio, la Tiangong-1 e Tiangong-2. Al momento è al lavoro su una terza stazione multi-modulo ancora più grande, su cui verrà appunto installato il gigantesco braccio.

Foto: Wikipedia

Come funziona la nuova tecnologia?

Ma cerchiamo di capire come funziona questo nuovo e formidabile sistema di controllo. Affinché la tecnologia possa funzionare viene connesso un particolare dispositivo alla testa dell'operatore che non dovrà fare altro che fissare la parte del braccio robot che desidera muovere affinché questo esegua l'ordine ricevuto.

Foto: Pixabay

Codificazione degli impulsi neuronali

Le diverse parti che compongono il braccio robot si illumineranno a intermittenza fino a quando non verranno scelte dall'operatore. Gli impulsi neuronali verranno codificati dal dispositivo e così avverrà la traduzione da menta a oggetto, in questo caso braccio robot.

Foto: Pixabay

Intelligenza Artificiale

Ciò che rede tutto ciò una realtà e non soltanto fantascienza sono le onde che il cervello invia allo schermo. Dato che queste, però, sono troppo deboli per fare tutto il lavoro da sole, vengono aiutate dall'Intelligenza Artificiale.

Foto: Pixabay

Controllare con la forza del pensiero

Si tratta di un dispositivo che cerca di interpretare le intenzioni dell'operatore in modo che il braccio possa eseguire quanto richiesto.

Foto: Pixabay

A prova di test

I test effettuati su questa nuova tecnologia sono davvero sorprendenti. Infatti si parla di una efficacia e di una precisione pari al 99%. Si pensi solo che le tecnologie basate su sistemi di controllo oggi sviluppate hanno una precisione che oscilla dal 40 all'80%.

Foto: Pixabay

Perché la telecinesi nello spazio?

Una domanda che può sorgere spontanea riguarda i motivi che possano aver spinto i ricercatori cinesi a questa incredibile innovazione. Ecco la risposta: l'assenza di gravità.

Foto: Pixabay

Assenza di gravità

Lo spazio, com'è noto, è un ambiente senza gravità e l'unico modo a disposizione degli astronauti per controllare alcuni sistemi a bordo è mediante l'utilizzo di joystick e tastiere, con le conseguenti difficoltà dovute proprio alla gravità zero.

Foto: Nasa

Niente più joystick e tastiere

Secondo quando dichiarato da Wang Congqing, inventore della tecnologia: "Nelle future missioni spaziali macchine e umani lavoreranno insieme, e non saranno più necessarie tastiere, mouse o joystick, ma solo la mente e gli occhi”.

Foto: Pixabay

Non solo nello spazio

Ma questo non è applicabile soltanto allo spazio. La tecnologia che si basa sulla "forza del pensiero" potrebbe essere estesa anche in altri settori, come ad esempio nelle fabbriche.

Foto: Pixabay

Per le catene di montaggio

In un ambiente di lavoro dove è costante lo stretto contatto tra uomo e macchina, usufruire di un sistema di controllo basato sulla telecinesi potrebbe rivoluzionare la forma di lavorare, rendendo molto più veloci e fluidi i processi nelle catene di montaggio.

Foto: Pixabay

In attesa di sviluppi

Al momento questo rivoluzionario sistema di controllo è ancora in fase di prova. Non ci resta che attendere eventuali sviluppi e vedere se i cosmonauti ne potranno beneficiare davvero.

Foto: Pixabay

Más para ti