Uno sguardo al passato
Da regno feudale a superpotenza moderna
La Rivoluzione di ottobre
L'Armata Rossa
Ancora presente alle parate militari
Iosif Stalin
Il 51% dei russi ammira ancora Stalin
I piani quinquennali
La Seconda guerra mondiale
Holodomor
Sparizioni (nelle fotografie e nella vita reale)
Trasformati in fantasmi
Nikita Jruschov, la destalinizzazione e la guerra fredda
I problemi dell'economia pianificata centralmente
Vacanze in URSS
Salute, educazione e servizi sociali
Il Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Il valore dello sport
I giochi olimpici del 1980
Miracolo sul ghiaccio
Corsa allo spazio
Lo sbarco dell'uomo sulla luna
Ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan
Gerontocrazia leninista
L'arrivo del neoliberalismo
L'impero del male
Mikhail Gorbaciov, glasnost' e perestrojka
Un McDonald's nella Piazza Rossa di Mosca
La fine dell'Unione Sovietica
Nostalgia di quell'unione
C'era una volta l'Unione Sovietica
(1/30)
Uno sguardo al passato

L'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) fu uno stato federale costituitosi nel 1922 e dissoltosi ufficialmente nel 1991. Pur essendo ormai scomparsa, l'Unione Sovietica continua a suscitare (nel bene e nel male) grande fascino e interesse tra le giovani generazioni.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(2/30)
Da regno feudale a superpotenza moderna

Nel corso dei suoi quasi 70 anni di storia, l'Unione Sovietica ha trasformato principalmente la Russia, ma anche le altre repubbliche di cui era composta, da un regno arretrato, quasi feudale, nelle mani di uno zar autocratico in una moderna superpotenza globale, che è arrivata a rivaleggiare con gli Stati Uniti praticamente sotto ogni aspetto.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(3/30)
La Rivoluzione di ottobre

L'Unione Sovietica nacque in un periodo di fermento politico. Lo zar, il monarca assoluto che all'epoca (1917) governava l'impero russo col pugno di ferro, fu spodestato e al suo posto venne instaurato un governo provvisorio. Questo non fu in grado, però, di contrastare la rivolta bolscevica lanciata e guidata dal leader rivoluzionario Vladimir Ilyich Ulyanov, meglio noto come Lenin. Dopo che i bolscevichi conquistarono il potere, in Russia scoppiò una guerra civile.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(4/30)
L'Armata Rossa

Gli anni che portarono alla creazione dell'Unione Sovietica furono segnati dalla guerra civile russa, combattuta principalmente tra l'Armata Rossa del governo bolscevico che aveva preso il potere e l'Armata Bianca, che lottava per restaurare la monarchia. In poco tempo, la neonata Armata Rossa divenne uno dei più potenti eserciti del mondo, entrando nella leggenda.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(5/30)
Ancora presente alle parate militari

Ancora oggi in Russia, a 30 anni dalla scomparsa dell'Unione Sovietica, nelle parate militari, soprattutto quelle commemorative della Seconda guerra mondiale, sono presenti alcuni elementi e immagini riguardanti l'Armata Rossa.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(6/30)
Iosif Stalin

L'instabilità politica segnò i primi anni dell'Unione Sovietica, costituita ufficialmente nel 1922 sotto la guida di Lenin, mentre i nuovi governanti cercavano di dare forma al primo stato socialista del mondo. Dopo la morte di Lenin, avvenuta il 21 gennaio 1924, ci fu una lotta per la successione vinta da Iosif Stalin, che guidò il nuovo stato per diversi decenni.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(7/30)
Il 51% dei russi ammira ancora Stalin

Stalin è stato il presidente più emblematico dell'Unione Sovietica e una delle figure più importanti della politica mondiale del XX secolo. A dir la verità, la sua influenza si avverte ancora oggi. Nel 2019, la BBC ha pubblicato un sondaggio condotto in Russia dal quale è emerso che il 51% dei russi mostra ancora ammirazione per il leader sovietico.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(8/30)
I piani quinquennali

Iosif Stalin guidò l'Unione Sovietica basandosi su un'economia centralizzata e con l'obiettivo di un'industrializzazione su larga scala. È così che presero vita i suoi piani quinquennali, grazie ai quali riuscì a garantire che l'industrializzazione fosse rapida, estesa e centrata soprattutto sull'industria pesante. Il movimento stacanovista (un movimento operaio creato in parallelo a questi piani) trasformava in eroi i lavoratori efficienti e abnegati che si sacrificavano per raggiungere e superare le quote di produzione.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(9/30)
La Seconda guerra mondiale

Lo 'Zio Joe', come era soprannominato Stalin dai media di lingua inglese all'epoca, fu a capo dell'Unione Sovietica durante la Seconda guerra mondiale, lasciando immagini storiche come questa, in cui appare con Churchill e Roosevelt alla conferenza di Yalta poco prima della fine della guerra. L'Armata Rossa fu determinante nella sconfitta della Germania nazista. I sovietici subirono il maggior numero di perdite durante il conflitto: 24 milioni di vittime.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(10/30)
Holodomor

Tuttavia, il collettivismo dell'Unione Sovietica, incentrato sulla figura di Stalin, contrappose il leader a numerosi gruppi sociali ed etnici. L'Holodomor, noto anche come genocidio ucraino o olocausto ucraino, fu un terribile periodo di carestia avvenuto tra il 1932 e il 1933, causato dalla collettivizzazione del settore agricolo (a cui si oppose gran parte dei proprietari terrieri ucraini). Secondo il National Geographic, l'Holodomor costò la vita a sette milioni di persone. Nella foto: Il Memoriale dell'Holodomor a Kiev.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(11/30)
Sparizioni (nelle fotografie e nella vita reale)

La repressione politica fu un altro segno distintivo del governo di Iosif Stalin. Le purghe, i processi trasformati in spettacolo pubblico per instillare il terrore nella società e la censura facevano parte della vita quotidiana del popolo dell'Unione Sovietica. Chi cadeva in disgrazia veniva giustiziato o arrestato, oltre a essere cancellato dalle fotografie dove appariva insieme con Stalin.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(12/30)
Trasformati in fantasmi

Milioni di persone furono giustiziate durante il governo di Stalin, molte di loro con accuse completamente infondate. Molte altre furono mandate a lavorare in campi di lavoro forzato chiamati gulag, che erano situati in regioni remote e inospitali come la Siberia.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(13/30)
Nikita Jruschov, la destalinizzazione e la guerra fredda

Stalin morì nel 1952 e fu sostituito da Nikita Khrushchev, il presidente dell'Unione Sovietica durante il periodo della guerra fredda con gli Stati Uniti. Il nuovo leader sovietico mostrò la sua opposizione al governo di Stalin e fu responsabile della parziale destalinizzazione dello stato, avviando un processo di smantellamento del culto della personalità intorno all'ex leader.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(14/30)
I problemi dell'economia pianificata centralmente

Ciononostante, non tutto fu facile in questo nuovo periodo. L'economia sovietica dovette affrontare problemi di ogni tipo a causa della pianificazione centralizzata. L'immagine mostra una folta schiera di persone in coda per comprare prodotti occidentali nei grandi magazzini GUM a Mosca nel 1960.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(15/30)
Vacanze in URSS

Malgrado l'immagine che abbiamo dell'Unione Sovietica come di uno stato totalitario e tetro, gli abitanti trovarono il modo di vivere una vita felice e soddisfacente. Lo dimostrano immagini come questa risalente ai primi anni '70, che ritrae una spiaggia piena di persone in vacanza sul Mar Nero.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(16/30)
Salute, educazione e servizi sociali

Nella loro vita quotidiana, i sovietici godevano di alcuni vantaggi in questioni come la salute, l'istruzione e i servizi sociali. Questa foto degli anni '80 mostra un gruppo di bambine che dormono in una scuola materna della città di Stavropol mentre i loro genitori sono al lavoro.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(17/30)
Il Partito Comunista dell'Unione Sovietica

Il Partito Comunista dell'Unione Sovietica era la spina dorsale dell'URSS. Tuttavia, a metà degli anni '80, rappresentava meno del 10% della popolazione. Funzionari del governo, ufficiali militari, membri della stampa e accademici potevano essere promossi solo se erano membri del partito.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(18/30)
Il valore dello sport

Lo sport ha avuto un ruolo centrale nella vita del paese. Dal 1952, l'Unione Sovietica ha avuto una presenza molto significativa ai giochi olimpici, vincendo più di 1.200 medaglie prima della sua scomparsa, di cui 473 d'oro.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(19/30)
I giochi olimpici del 1980

Mosca ospitò le Olimpiadi del 1980 (nella foto), che furono boicottate dagli Stati Uniti e da alcuni dei suoi alleati a causa dell'invasione sovietica dell'Afghanistan. La reazione dell'URSS fu quella di boicottare a sua volta le Olimpiadi di Los Angeles nel 1984.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(20/30)
Miracolo sul ghiaccio

Il conflitto tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica continuò anche in ambito sportivo. Gare memorabili come il famoso "Miracolo sul ghiaccio", la vittoria degli americani sui sovietici nella finale di hockey su ghiaccio delle Olimpiadi invernali del 1980 a Lake Placid, New York, sono ricordate ancora oggi.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(21/30)
Corsa allo spazio

La scienza fu un altro campo di battaglia in cui si scontrarono le due superpotenze durante la guerra fredda. L'Unione Sovietica riuscì a far diventare uno dei suoi astronauti, Yuri Gagarin, il primo uomo a viaggiare nello spazio il 12 aprile 1961.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(22/30)
Lo sbarco dell'uomo sulla luna

Alcuni anni dopo, più precisamente il 21 luglio 1969, gli Stati Uniti sorpassarono l'Unione Sovietica nella corsa allo spazio quando l'Apollo 11 atterrò sulla luna e Neil Armstrong e gli altri astronauti tornarono sani e salvi sulla Terra.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(23/30)
Ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan

Negli anni '80, l'URSS si trovava ad affrontare una grave crisi. Il ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan nel 1989, dopo 10 anni di occupazione dell'Armata Rossa, lasciò un senso di sconfitta politica e militare. Gli anni '90 avrebbero segnato, da questo punto di vista, l'inizio della fine.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(24/30)
Gerontocrazia leninista

Questa crisi era aggravata dal declino dell'immagine dell'élite politica sovietica, vetusta, priva di diversità di opinioni e incapace di attuare riforme per migliorare la situazione. Ciò suscitò il sarcasmo del popolo russo: si diceva che la leadership dell'Unione Sovietica non si passava di padre in figlio ma "da nonno a nonno".

C'era una volta l'Unione Sovietica
(25/30)
L'arrivo del neoliberalismo

La classe politica invecchiata e priva di idee che governava l'Unione Sovietica si scontrò frontalmente con i cambiamenti dell'economia globale, ai quali non riuscì ad adattarsi. Era il periodo in cui i capi di stato degli Stati Uniti e del Regno Unito, Ronald Reagan e Margaret Thatcher, inauguravano una nuova era di politiche neoliberali.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(26/30)
L'impero del male

Ronald Reagan, che fu presidente degli Stati Uniti dal 1981 al 1989, si mostrò più bellicoso dei suoi predecessori nei confronti dell'Unione Sovietica, riferendosi ad essa come "l'impero del male".

C'era una volta l'Unione Sovietica
(27/30)
Mikhail Gorbaciov, glasnost' e perestrojka

Mikhail Gorbaciov divenne capo di stato dell'Unione Sovietica nel 1985. Mise in atto una serie di riforme volte alla democratizzazione, come la politica di glasnost', che si concentrava sulla liberalizzazione del sistema politico sovietico, o la celebre perestrojka, che mirava a modernizzare l'economia del paese.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(28/30)
Un McDonald's nella Piazza Rossa di Mosca

L'immagine dell'apertura di un McDonald's nella Piazza Rossa di Mosca nel novembre 1990, in piena perestrojka, fu per molti esperti un chiaro esempio dell'avvicinarsi della fine dell'Unione Sovietica.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(29/30)
La fine dell'Unione Sovietica

Le riforme realizzate causarono un effetto a catena che scosse il blocco orientale in tutta Europa. L'immagine del Muro di Berlino che cadeva a pezzi divenne il simbolo di questo processo e i contrasti tra Gorbaciov e gli integralisti del Partito Comunista portarono alla definitiva scomparsa dell'URSS alla fine del 1991.

C'era una volta l'Unione Sovietica
(30/30)
Nostalgia di quell'unione

La vita nei paesi dell'ex Unione Sovietica non è stata facile dopo il 1991. Da allora, si sono trascinati dietro molti problemi che hanno fatto emergere un sentimento di nostalgia in una parte della popolazione. Secondo un sondaggio pubblicato dalla rivista Newsweek nel 2017, il 66% dei russi ritiene che la dissoluzione dell'URSS sia stata un errore.

POTREBBE INTERESSARTI: Superbatteri: una minaccia peggiore del Coronavirus?

Más para ti