Brasile: rinvenuti due corpi senza vita durante le ricerche del giornalista e dell'attivista scomparsi in Amazzonia

Due corpi trovati nell'Amazzonia brasiliana
Un sospetto arrestato li ha condotti ai corpi
I sospetti arrestati erano due fratelli
I corpi devono ancora essere identificati
Dom Phillips è scomparso pochi giorni dopo aver ricevuto minacce
Un esperto indigeno ha viaggiato con lui
Hanno preso una barca che non è mai arrivata a destinazione
Le autorità sono state aiutate dalle comunità indigene
Le comunità indigene amazzoniche sono in lutto
I Narcos vedono gli ambientalisti come un ostacolo
Coprire storie sull'ambiente è una delle cose più pericolose del giornalismo
Una media di due giornalisti ambientali viene assassinata ogni anno
53 violazioni del diritto alla tutela dell'ambiente in cinque anni
Asia e America: i continenti più pericolosi per gli ambientalisti
L'India è il Paese con il maggior numero di violazioni contro i giornalisti
La sabbia, una risorsa preziosa
La 'mafia della sabbia' dell'India
Più consapevolezza ambientale equivale a più pericolo per gli ambientalisti
Non sono solo i giornalisti ambientali a essere in pericolo
Difensori forestali in pericolo
Oltre un terzo degli attacchi nel mondo prende di mira le popolazioni indigene
La regione amazzonica è diventata sempre più pericolosa
Impunità sotto il governo di Bolsonaro
La moglie di Phillips, Alessandra Sampaio, ha espresso sollievo per le ultime notizie
La ricerca della giustizia continua
Due corpi trovati nell'Amazzonia brasiliana

La polizia dell'Amazzonia brasiliana ha trovato i corpi di due uomini nell'area vicino al luogo in cui il giornalista britannico Dom Phillips e l'attivista indigeno Bruno Pereira sono scomparsi 10 giorni fa.

Un sospetto arrestato li ha condotti ai corpi

In una conferenza stampa mercoledì, il capo della polizia regionale Eduardo Fontes ha detto che uno dei due uomini arrestati in relazione alla scomparsa della coppia aveva confessato di averli uccisi e mostrato loro dove erano sepolti i corpi.

I sospetti arrestati erano due fratelli

Due sospetti sono stati arrestati pochi giorni dopo la scomparsa della coppia, i fratelli Amarildo e Oseney da Costa de Oliveira. Il detective Fontes ha detto ai giornalisti che Amarildo ha raccontato in dettaglio il crimine che è stato commesso e ha indicato il luogo in cui ha seppellito i corpi, ma suo fratello nega ancora qualsiasi coinvolgimento.

I corpi devono ancora essere identificati

"Ora identificheremo i resti umani con la massima dignità possibile", ha detto Fontes. "Quando si scoprirà che i resti sono quelli di Dom Phillips e Bruno Pereira, saranno consegnati alle famiglie".

Dom Phillips è scomparso pochi giorni dopo aver ricevuto minacce

Collaboratore di lunga data di The Guardian in Brasile, il giornalista britannico è stato visto vivo l'ultima volta nella regione di Javari, nello stato di Amazonas. Stava scrivendo per un libro sulla conservazione, per il quale era stato minacciato, secondo The Guardian.

Un esperto indigeno ha viaggiato con lui

Phillips era in viaggio con Bruno Araújo Pereira, un noto esperto indigeno che ha trascorso anni lavorando per proteggere le oltre due dozzine di tribù che chiamano le foreste pluviali la loro casa.

Hanno preso una barca che non è mai arrivata a destinazione

I due uomini scomparsi avrebbero dovuto raggiungere Atalaia do Norte 10 giorni fa, essendo entrati nella riserva via fiume, ma non sono mai arrivati a destinazione.

Immagine: Isaac Quesada/Unsplash

Le autorità sono state aiutate dalle comunità indigene

Le comunità indigene sono state le prime ad allertare le autorità sugli uomini scomparsi e hanno contribuito alla ricerca di 10 giorni.

Le comunità indigene amazzoniche sono in lutto

"È un'enorme perdita per gli indigeni. Questi sono due uomini che hanno combattuto e hanno dato la vita per le comunità indigene in modo che potessimo vivere in pace", ha detto alla BBC un leader indigeno.

I Narcos vedono gli ambientalisti come un ostacolo

Phillips e Pereira hanno aiutato ad addestrare gli indigeni a difendersi dalla crescente minaccia dei pescatori illegali e dei bracconieri. "Un pescatore finanziato dai narcos farà quello che probabilmente hanno fatto a Bruno, toglierci la vita, perché ci vedono come un ostacolo", ha detto il leader indigeno.

Coprire storie sull'ambiente è una delle cose più pericolose del giornalismo

Sfortunatamente, questa situazione non è rara. Secondo numerosi studi, i giornalisti ambientali affrontano continuamente minacce, molestie e omicidi.

Una media di due giornalisti ambientali viene assassinata ogni anno

Secondo Reporter senza frontiere (RSF), ogni anno vengono assassinati due giornalisti ambientali. Gli omicidi accadono in relazione a indagini su deforestazione, estrazione illegale, sequestri di terreni, inquinamento e altri impatti ambientali derivanti da attività industriali e grandi progetti di costruzione infrastrutturale.

53 violazioni del diritto alla tutela dell'ambiente in cinque anni

RSF ha registrato, dal 2015 al 2020, 53 violazioni del diritto alla tutela dell'ambiente, come tentativi di omicidio, minacce e molestie, detenzione illegale, sequestro di persona e altro ancora.

Asia e America: i continenti più pericolosi per gli ambientalisti

Mentre gli abusi contro i giornalisti ambientali si verificano in tutti i continenti del mondo, il 66% di quelli registrati è avvenuto in Asia e nelle Americhe, secondo RSF.

L'India è il Paese con il maggior numero di violazioni contro i giornalisti

Quando si tratta di giornalisti che sono stati uccisi, vittime di aggressioni fisiche e giornalisti sottoposti a minacce e procedimenti giudiziari, l'India detiene il primato. Quasi tutti questi casi sono legati alla cosiddetta "mafia della sabbia" del Paese.

La sabbia, una risorsa preziosa

"C'è una crescente consapevolezza a livello globale che la sabbia, dopo l'acqua, è la risorsa naturale più preziosa e poiché è limitata in quantità, è molto richiesta", ha affermato il giornalista indiano Sandhya Ravishankar a RSF.

La 'mafia della sabbia' dell'India

“Quando i giornalisti riferiscono su un bene così prezioso e fanno pressione sulle autorità per fermare l'estrazione di sabbia, è una minaccia per molte potenti industrie e aziende i cui mezzi di sussistenza dipendono dalla sabbia. Questo è il motivo per cui c'è molta violenza contro i giornalisti che denunciano l'estrazione illegale di sabbia”, ha affermato Ravishankar.

Più consapevolezza ambientale equivale a più pericolo per gli ambientalisti

"Il giornalismo ambientale è diventato considerevolmente più pericoloso di quanto non fosse in passato, e penso che gran parte di ciò sia intimamente legato a una crescente consapevolezza dell'importanza dell'ambiente", afferma Peter Schwartzstein, specialista in questioni ambientali per RSF.

Non sono solo i giornalisti ambientali a essere in pericolo

Secondo l'organizzazione Global Witness, nel 2020 ci sono stati 227 attacchi letali in tutto il mondo (una media di più di quattro persone a settimana) per attivisti e indigeni che difendevano le loro case, la loro terra e i loro mezzi di sussistenza.

Immagine: Justin Porter/Unsplash

Difensori forestali in pericolo

In Brasile e Perù, quasi tre quarti degli attacchi registrati hanno avuto luogo nella regione amazzonica di ciascun paese (dove sono stati visti l'ultima volta Dom Phillips e Bruno Araújo), secondo Global Witness.

Oltre un terzo degli attacchi nel mondo prende di mira le popolazioni indigene

Global Witness ha anche scoperto che l'emisfero australe sta subendo le conseguenze più immediate del riscaldamento globale su tutti i fronti e nel 2020 tutte le 227 uccisioni di difensori registrate sono avvenute in questa parte del mondo, tranne una. Di questi attacchi, oltre un terzo ha preso di mira gli indigeni che cercavano di proteggere la loro terra.

La regione amazzonica è diventata sempre più pericolosa

Beto Marubo, un leader indigeno che conosceva gli uomini scomparsi, ha detto al Guardian che la regione di Javari, sede di oltre 20 gruppi indigeni, è diventata sempre più pericolosa negli ultimi anni, in particolare dopo l'omicidio nel 2019 di un funzionario di protezione indigeno chiamato Maxciel Pereira dos Santos.

Impunità sotto il governo di Bolsonaro

Il leader indigeno ha anche detto al Guardian che sotto il governo Bolsonaro la pressione è aumentata ancora di più perché gli "invasori" si sentono responsabilizzati e ha aggiunto che bande di minatori e cacciatori illegali stanno "saccheggiando" le foreste e i fiumi della regione nell'impunità più totale.

La moglie di Phillips, Alessandra Sampaio, ha espresso sollievo per le ultime notizie

"Sebbene siamo ancora in attesa di conferme definitive, questo tragico esito pone fine all'angoscia di non sapere dove si trovino Dom e Bruno", ha scritto in una nota. "Ora possiamo portarli a casa e salutarli con amore".

La ricerca della giustizia continua

"Oggi iniziamo anche la nostra ricerca di giustizia. Spero che le indagini esauriscano tutte le possibilità e portino al più presto risposte definitive su tutti i dettagli rilevanti", ha aggiunto Sampaio. La polizia ha detto che si aspetta di effettuare ulteriori arresti e il motivo dell'omicidio è sotto inchiesta.

Más para ti