50° anniversario della 'Napalm Girl': la storia dell'iconica foto della guerra del Vietnam

Il giorno in cui la vita di Phan Thi Kim Phuc è cambiata per sempre
La
'The Terror of War (Il terrore della guerra)' di Nick Ut
Nick Ut ha svolto un ruolo fondamentale nell'aiutare Kim
Ut ricorda ancora come Kim stesse urlando 'Troppo caldo!'
Ut ha dovuto minacciare il personale ospedaliero per aiutare Kim
Lo zio Ut è l'eroe di Kim
'Lo considero parte della mia famiglia'
'Non mi piaceva per niente quella foto'
Asilo in Canada
Una fonte di speranza
Autrice e speaker
Ambasciatore di buona volontà delle Nazioni Unite e incontro con il Papa
'Un potente dono'
Una foto può cambiare il mondo
Ut dice che la fotografia di guerra è ancora di vitale importanza
I fotografi di guerra portano la verità nel mondo
Kim manda un messaggio di speranza e pace
Il giorno in cui la vita di Phan Thi Kim Phuc è cambiata per sempre

L'8 giugno 1972, la vita di Phan Thi Kim Phuc, di nove anni, cambiò per sempre. Un fotografo ha scattato una foto agghiacciante che la ritraeva mentre scappava dall'orrore di un attacco mortale al napalm nel villaggio di Trang Bang.

La "ragazza del napalm"

Con quella foto, divenne nota come "la ragazza del napalm", un'immagine che quasi tutti riconoscono come un simbolo della tragedia della guerra del Vietnam e un'immagine distintiva del 20° secolo.

'The Terror of War (Il terrore della guerra)' di Nick Ut

La fotografia, ufficialmente intitolata "The Terror of War", è stata scattata dal fotografo dell'Associated Press Nick Ut. L'immagine ha affascinato il mondo in quanto riassumeva perfettamente il trauma causato dalla violenza indiscriminata che ha caratterizzato la guerra in Vietnam: una guerra che, secondo alcune stime, ha causato più di 1 milione di vittime tra i civili.

Nick Ut ha svolto un ruolo fondamentale nell'aiutare Kim

Nick Ut non solo ha scattato la foto vincitrice del Premio Pulitzer che ha reso famosa Kim, ma ha anche assistito i bambini e ha svolto un ruolo essenziale nell'aiutarli a sopravvivere alle ferite riportate.

Ut ricorda ancora come Kim stesse urlando 'Troppo caldo!'

Nick Ut ha detto a vari media che ricorda ancora Kim che gridava: "Troppo caldo! Troppo caldo!" così le ha messo dell'acqua sul corpo per rinfrescare le ustioni e l'ha portata in ospedale.

Ut ha dovuto minacciare il personale ospedaliero per aiutare Kim

In un'intervista al Toronto Star, Ut ha dichiarato di aver dovuto minacciare il personale medico dell'ospedale per convincerlo a curare la bambina, poiché il personale dell'ospedale aveva detto che non c'erano letti disponibili. Ut ha detto al personale dell'ospedale di aver appena scattato la foto della ragazza e, se non l'avessero aiutata, lo avrebbe reso pubblico sui giornali.

Lo zio Ut è l'eroe di Kim

Cinquant'anni dopo, Ut e Kim sono ancora in contatto. Secondo il Toronto Star, Kim lo chiama "Zio Ut" e Ut dice che Kim è come sua figlia.

'Lo considero parte della mia famiglia'

Kim ha anche detto a The Toronto Star: "Considero lo zio Ut il mio eroe, e gli devo molto... In questo momento, la nostra relazione, davvero, (è un) legame. Lo considero parte della mia famiglia".

'Non mi piaceva per niente quella foto'

Kim, una bambina di nove anni, è stata curata in ospedale per quattordici mesi a causa delle ustioni riportate, e, quando ha visto la fotografia che le ha fatto Ut, ha detto che non era felice. Secondo la CNN, Kim ha detto: "Da bambina, ero così imbarazzata, a dire il vero", ha detto. "Non mi è piaciuta per niente quella foto. Perché ha scattato la mia foto? Non ho mai voluto vederla."

Asilo in Canada

Dopo diversi decenni Kim è arrivata in Canada nel 1992 dove ha ottenuto asilo e cresciuto la sua famiglia. Crescendo e una volta recuperatasi dal trauma di quanto le era successo, Kim ha iniziato ad apprezzare la fotografia di "Napalm Girl".

Una fonte di speranza

Kim ha detto nelle interviste di aver capito che la sua foto poteva essere fonte di speranza per gli altri. Come mai? Perché non solo è sopravvissuta a quella terribile prova, ma è riuscita ad avere una vita felice.

Autrice e speaker

Kim ha continuato a scrivere un libro sulle sue esperienze intitolato "Fire Road" e ha anche avviato un'organizzazione benefica per aiutare i bambini vittime della guerra, chiamata Kim Foundation International. Kim è anche diventata una speaker pubblica, viaggiando in tutto il mondo per parlare della sua vita e del potere del perdono.

Ambasciatore di buona volontà delle Nazioni Unite e incontro con il Papa

Nel 1997 è stata nominata ambasciatrice di buona volontà delle Nazioni Unite. Di recente, nel maggio 2022, Kim e Ut hanno incontrato Papa Francesco in Piazza San Pietro, dove la coppia ha regalato al Papa una copia dell'iconica fotografia.

'Un potente dono'

Kim ha detto alla CNN che ora si rende conto di quanto essere il soggetto di quell'orribile fotografia fosse un dono, anche se mascherato da altro: "Mi sono resa conto che, 'Wow, quella foto è diventata un dono potente per me - posso (usarla) per lavorare per la pace , perché quella foto non mi abbandonata".

Una foto può cambiare il mondo

Kim ha continuato dicendo che ora l'abbraccia ed è grata che Ut sia stata in grado di catturare quel momento della storia, dicendo che "può cambiare il mondo intero. E quel momento ha cambiato il mio atteggiamento e la mia convinzione di poter mantenere vivo il mio sogno per aiutare gli altri."

Ut dice che la fotografia di guerra è ancora di vitale importanza

Ut, che ora è in pensione, dice di credere ancora nel potere della fotografia di guerra. Il fotografo ha parlato della guerra in Ucraina e ha affermato che documentare le atrocità è "tanto importante ora come lo era in Vietnam".

I fotografi di guerra portano la verità nel mondo

In questi giorni le cose si muovono molto più velocemente e siamo inondati di immagini; tuttavia, Ut non crede che ciò le renda meno impattanti. Ut ha detto alla CNN: "Ora c'è un'abbondanza di foto, ma è tutto così istantaneo - in termini di dire la verità e farla arrivare al mondo- da essere anche incredibilmente potente".

Kim manda un messaggio di speranza e pace

I conflitti continuano a imperversare in tutto il mondo e i bambini restano ancora un tassello in questa follia che è la guerra, come sta dimostrando anche la guerra in Ucraina. Nel 50° anniversario della sua foto iconica, Kim spera di continuare a condividere il suo messaggio di speranza e pace.

Más para ti