Scienza e tecnologia ci porteranno verso la vita eterna... forse

Vivere in eterno?
150 anni?
Aubrey de Grey: guru della vita eterna
Senescenza trascurabile ingegnerizzata
Realtà o fantascienza?
Bezos vuole vivere in eterno
Anche Larry Page, fondatore di Google, cerca l'immortalità
Miliardi per sfuggire alla morte
Un Premio Nobel per combattere l'invecchiamento
Come fare affinché una cellula non invecchi?
Obiettivo: le cellule devono conservare le caratteristiche che avevano da giovani
Pericolo di cancro se riprogrammiano le cellule
Approcci diversi, stesso obiettivo
Crionica: come congelare il cervello e svegliarsi in un altro corpo
La difficlotà consiste nel non danneggiare organi e tessuti
E poi c'è il processo di scongelamento
La leggenda di Walt Disney
Aumento dell'aspettativa di vita dei topi
L'essere umano è più complesso di un topo
Vivere in eterno?

Ci sono autori come Aubrey de Gray (famoso gerontologo formatosi all'Università di Cambridge) che credono sia possibile per gli esseri umani raggiungere la vita eterna. Altri ricercatori affermano che, nella migliore delle ipotesi, possiamo allungare la vita per un bel po'. C'è sempre più consenso sul fatto che possiamo raggiungere i 150 anni.

Foto: National Cancer Institute / Unsplash

150 anni?

150 anni come aspettativa di vita massima è spesso citata dagli scienziati grazie allo studio pubblicato su Nature con il titolo: 'Longitudinal analysis of blood markers reveals progressive loss of resilience and predicts human lifespan limit' (L'analisi longitudinale dei marcatori del sangue rivela una progressiva perdita di resilienza e predice il limite di durata della vita umana). Ma come stanno andando le indagini per arrivare alla vita eterna?

Foto: Volodymyr Hryshchenko / Unsplash

Aubrey de Grey: guru della vita eterna

Con la sua lunga barba, Aubrey de Grey è un personaggio controverso e difensore di una tesi seducente: l'invecchiamento è solo un'altra malattia e come tale può essere trattata e sconfitta.

Senescenza trascurabile ingegnerizzata

Dalla Fondazione Methuselah presieduta da Aubrey de Gray, vengono raccolti fondi per sviluppare "senescenza trascurabile ingegnerizzata", un trattamento complesso per riparare e rigenerare i tessuti e fermare definitivamente l'invecchiamento.

Realtà o fantascienza?

C'è molta discussione scientifica sulle teorie di Aubrey de Grey. C'è consenso nell'ammettere che i progressi della medicina possono permetterci di allungare la nostra vita ma... vivere per sempre? Bene, ci sono milionari che ci stanno investendo ingenti somme di denaro.

Foto: Syd Verma / Unsplash

Bezos vuole vivere in eterno

Il fondatore di Amazon si è rivolto ad Hal Barron, presidente della ricerca presso il grande colosso farmaceutico GlaxoSmithKline, e lo ha messo a capo di Altos Lab, un'istituzione che ha iniziato questo 2022 investendo centinaia di milioni con un solo obiettivo: decifrare come, attraverso la rigenerazione cellulare (con particolare attenzione alla tecnica delle cellule staminali), l'invecchiamento possa essere rallentato e addirittura invertito.

Anche Larry Page, fondatore di Google, cerca l'immortalità

Il progetto Alto Labs è stato paragonato a Calico Labs, nato da un'idea del fondatore di Google, Larry Page. Anche questo infatti indaga su come avvicinarsi all'immortalità.

Miliardi per sfuggire alla morte

Le grandi fortune del pianeta stanno investendo enormi quantità di denaro per poter sfuggire alla morte il più a lungo possibile. E c'è già qualche progresso.

Foto: Giorgio Trovato / Unsplash

Un Premio Nobel per combattere l'invecchiamento

Secondo un rapporto del MIT Technology Review, il team di Bezos per Altos Lab potrebbe includere Shin'ya Yamanaka, premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina. Insieme a John Gurdon, è stato premiato nel 2012 per aver scoperto come le cellule possono essere riprogrammate per diventare "cellule pluripotenti".

Come fare affinché una cellula non invecchi?

L'articolo del MIT Technology Review dice: "Yamanaka ha scoperto che aggiungendo solo quattro proteine, ora conosciute come fattori Yamanaka, le cellule possono essere indotte a tornare a uno stato primitivo con le proprietà delle cellule staminali embrionali".

Obiettivo: le cellule devono conservare le caratteristiche che avevano da giovani

Si tratta di far funzionare le cellule come quando erano giovani. Come spiega Daniel M Davis (dell'Università di Manchester) in un articolo su The Conversation sull'invecchiamento: "Le cellule della pelle adulta si dividono circa 50 volte prima di fermarsi. Ma le cellule della pelle di un neonato possono dividersi 80 o 90 volte. E infine, le cellule di una persona anziana si dividono solo circa 20 volte".

Pericolo di cancro se riprogrammiano le cellule

Naturalmente, ci sono ricercatori che sostengono che una certa "riprogrammazione" delle cellule per fermare l'invecchiamento possa rivelarsi pericolosa. Manuel Serrano, un ricercatore spagnolo con sede negli Stati Uniti, è anche citato dal MIT Technology Review, afferma: "Per me, i fattori Yamanaka non sono realistici (...) Essi implicano l'introduzione di geni, alcuni dei quali sono oncogeni”.

Approcci diversi, stesso obiettivo

Ma nonostante le sue divergenze con Yamanaka, Manuel Serrano crede anche che la scienza possa allungare notevolmente la vita. E, secondo varie fonti, entrambi sarebbero nella squadra che Bezos ha formato per i suoi Altos Labs. L'obiettivo è l'eternità (o qualcosa di simile). Altro dubbio: le tecniche criogeniche possono essere considerate utili per allungare la vita? Se congeliamo il nostro corpo (o il nostro cervello), potremmo essere "resuscitati" in futuro?

Foto: Yassine Khalfalli / Unsplash

Crionica: come congelare il cervello e svegliarsi in un altro corpo

La crionica può permettere di congelare l'intero corpo o il cervello con l'obiettivo di "svegliarsi" in un altro corpo in futuro, quando tutto sarà possibile. È vero che le tecniche di congelamento hanno fatto molta strada (e che funzionano negli embrioni e nei piccoli organismi) ma, secondo la maggior parte degli scienziati, preservare i tessuti adulti a basse temperature e "rianimarli" è un'altra questione.

La difficlotà consiste nel non danneggiare organi e tessuti

Secondo gli scienziati critici nei confronti delle aziende che offrono criogenia, è impossibile sapere se quei corpi (o cervelli) tenuti congelati non siano stati distrutti dal ghiaccio. John Armitage, della banca dei tessuti dell'Università di Bristol, ha dichiarato alla BBC: "Non siamo ancora arrivati nella fase della crioconservazione degli organi".

E poi c'è il processo di scongelamento

Un'altra difficoltà fondamentale sarà scongelare il corpo senza danneggiare gli organi. La maggior parte della comunità scientifica ritiene che, al momento, la crionica stia vendendo un sogno. Le aziende e i ricercatori coinvolti in questo sostengono che bisogna semplicemente aspettare che la scienza elabori i dettagli e che, nel frattempo, essere congelati sia un buon modo per aspettare.

La leggenda di Walt Disney

Per molti anni si è vociferato che Walt Disney fosse stato congelato. Si tratta di una leggenda metropolitana. Divertente ma pur sempre una leggenda.

Aumento dell'aspettativa di vita dei topi

La verità è che, gelo a parte, ci sono stati esperimenti sui topi che sono riusciti ad allungare sostanzialmente la vita di questi roditori. Nel 2017, un articolo su Science si riferiva a come un gruppo di ricercatori della Mayo Clinic School of Medicine fosse riuscito ad aumentare del 25% l'aspettativa di vita dei topi. Con le tecniche di riprogrammazione cellulare, questo tipo di successo si è ripetuto in diversi laboratori.

Foto: Alexandr Gusev / Unsplash

L'essere umano è più complesso di un topo

Ma l'essere umano è molto più complesso di un topo. Tuttavia, c'è un certo ottimismo nella comunità scientifica quando si tratta di allungare la vita: quasi tutti i ricercatori ritengono che sia possibile vivere ben oltre i 100 anni in buona salute. Staremo a vedere.

Foto: Cristofer Maximilian / Unsplash

L'anima è immortale? La risposta degli scienziati

Más para ti