Laetitia Casta: ma che fine avrà fatto?

La top model che arriva dalla Corsica
Top Model di prim'ordine
Molto più di una top model
Un incontro fortuito
Jean Paul Gaultier ne ha visto il potenziale
Musa di Yves Saint Laurent
Un secondo padre
Immagine impeccabile
Più di una modella
Il video della polemica
Baby Did a Bad, Bad Thing
Razza, Isaak e un hotel
Censurato fino alle 21:00
Dopo Chris Isaak, Rihanna
A loro piaceva
Asterix e il cinema
Bocche urlanti
Consacrazione come attrice
Ha anche provato a dirigere
E a teatro
Torna sul palcoscenico
Quattro figli
Stefano Accorsi
Gestire una famiglia
30 anni non sono niente
La top model che arriva dalla Corsica

Negli anni '90 Laetitia Casta si contendeva il trono di regina delle passerelle con le leggende della moda del momento. Questa giovane francese dallo sguardo abbagliante era infatti la musa ispiratrice di una grande maison, quella di Yves Saint Laurent.

Top Model di prim'ordine

Nel corso degli anni, Laetitia Casta (classe 1978) è passata dall'essere una delle donne più desiderate al mondo ad un ricordo platonico di un (meraviglioso) tempo che fu, come Claudia Schiffer, Cindy Crawford o Naomi Campbell.

Molto più di una top model

Per noi italiani, per un certo periodo, era un volto abituale in TV, molto prima della sua storia con Stefano Accorsi, ma poi l'abbiamo persa un po' di vista. Eppure Laetitia Casta è ancora attiva e ha diversificato, come poche top model dell'epoca, il suo lavoro professionale. Sei curioso di conoscere la sua storia?

Un incontro fortuito

Tutto ha inizio nel 1993, su una spiaggia di Lumio (Corsica), quando un fotografo dell'agenzia Madison Models scopre una sconosciuta Laetitia Casta. Aveva 14 anni.

Jean Paul Gaultier ne ha visto il potenziale

Nello stesso anno, partecipò alla sua prima grande campagna per Guess, un trampolino per la sua carriera. Jean Paul Gaultier fu il primo grande stilista a scommettere su di lei.

Musa di Yves Saint Laurent

Ma sarà Yves Saint Laurent a farne la sua musa ispiratrice e a vestirla nella maggior parte delle sue apparizioni pubbliche.

Un secondo padre

"Era come un padre per me. Mi ha protetto, apprezzato, rispettato e insegnato che nulla è superficiale", riconosce la modella riguardo allo stilista in un'intervista per 'El País Semanal'.

Immagine impeccabile

Dal 1993 Laetitia Casta è stata il volto di L'Oreal, IKKS o Dolce & Gabbana, è apparsa tre volte nello speciale costumi da bagno di Sports Illustrated e nel Calendario Pirelli, oltre a posare per centinaia di copertine di riviste di moda.

Più di una modella

Ma Laetitia Casta voleva essere più di una modella. Aveva più inquietudini, voleva provare altre discipline e non ha esitato a farlo quando ne ha avuto l'opportunità. La sicurezza che trasmetteva davanti ad una telecamera, la proiettò anche nella sua vita quotidiana.

Il video della polemica

È così che la modella è arrivata a recitare in uno dei leggendari video che VH1 avrebbe finito per censurare per i suoi contenuti quasi espliciti e per adulti.

Baby Did a Bad, Bad Thing

Era il 1999, con un Chris Isaak che aveva appena sfondato con "Wicked Game", quando Laetitia Casta venne scelta per recitare nel video della canzone "Baby Did a Bad, Bad Thing".

Razza, Isaak e un hotel

Nel leggendario videoclip, Laetitia Casta si esibiva davanti a una telecamera in una stanza d'albergo mentre il cantante la guardava in diretta da un'altra stanza dell'edificio.

Censurato fino alle 21:00

Il videoclip era così audace che il canale VH1 scelse di trasmetterne due versioni. La prima, fino alle 21:00, per ogni tipo di pubblico. La seconda, dalle 21:00, senza censura.

Dopo Chris Isaak, Rihanna

E se qualcuno pensava che la modella si sarebbe pentita per la sua audace interpretazione, dieci anni dopo non lasciò spazio a dubbi, tornando ad interpretare un videoclip hot.

A loro piaceva

Fu con la canzone "Te Amo", in un ambiente stile spagnolo, che sedusse una Rihanna che all'epoca era ancora una cantante emergente.

Asterix e il cinema

Parallelamente al videoclip di Chris Isaak, Laetitia Casta farà il suo debutto cinematografico, interpretando Falpalà in "Asterix y Obelix contra César". Il suo salto sul grande schermo, come ricorda, non è stato affatto facile.

Bocche urlanti

"Venivo dalla moda e pensavano che non sapessi recitare perché ero carina", dice a "El País Semanal". Il tempo ha mostrato il contrario e, negli anni 2000, Laetitia Casta ha partecipato a più di 30 progetti tra cinema e televisione.

Consacrazione come attrice

Un decennio dopo il suo periodo di massimo splendore come modella, Laetitia Casta è all'apice della sua carriera cinematografica. Partecipa a importanti produzioni come 'La guerra dei bottoni', '11 donne a Parigi', o 'Gainsbourg (vie héroïque)', grazie alle quali ottiene una nomination ai premi César come migliore attrice non protagonista.

Ha anche provato a dirigere

Inoltre, nella sua filmografia, Laetitia Casta può vantare di aver lavorato come attrice, sceneggiatrice e persino come regista, con il cortometraggio 'En Moi', del 2015.

E a teatro

Ha anche mosso i primi passi a teatro, dove ha partecipato a 'Ondina', di Jean Giraudoux, nel 2004 e a 'Elle t'attend', di Florian Zeller, nel 2008.

Torna sul palcoscenico

Nel 2022 è tornata a teatro per la terza volta, con lo spettacolo 'Clara Haskil - Prélude et fuga'.

Quattro figli

Per quanto riguarda la sua vita privata, Laetitia Casta è madre di quattro figli avuti da tre relazioni diverse. Sahteen, la sua figlia maggiore, è nata nell'ottobre 2001, frutto della sua relazione con l'attore, regista e fotografo di moda Stephane Sednaoui.

Stefano Accorsi

Ha avuto anche una lunga relazione con Stefano Accorsi. I due non si sono mai sposati e hanno avuto due figli: Orlando (settembre 2006) e Athenea (agosto 2009).

Gestire una famiglia

Nel giugno 2017, Laetitia Casta ha sposato l'attore e regista Louis Garrel. Entrambi hanno collaborato in film "L'Homme Fidèle" (2018) e "La Croisade" (2021). A partire da marzo 2021, sono i genitori di un bambino di nome Azel.

30 anni non sono niente

Sono passati quasi tre decenni da quando Laetitia Casta è diventata famosa e se i francesi si vantano di qualcosa, è che non è stata inghiottita dal successo. "Il pericolo mi è passato accanto, ma non ho visto nulla. Ero protetta da qualcosa che, credo, è l'innocenza".

Más para ti