Tom Cruise e le altre celebrità che hanno fatto infuriare la Cina

La Cina arrabbiata per
La storia dietro la polemica
Alcune celebrità sono state criticate per essersi schierate
La Cina preoccupa Hollywood
Tom Cruise e la Cina
Tom Cruise è sempre stato apolitico
Niente Cina per Maverick
Tom Cruise, non è l'unico attore che ha sconvolto la Cina
Attori taiwanesi nel mirino
Una lista nera
John Cena
Reazioni contrastanti alle scuse di Cena
Katy Perry
Katy Perry bandita dalla Cina
Polemica di Hong Kong
Mesut Özil sugli uiguri
Un alto prezzo da pagare
La questione del Tibet
Dice che ha danneggiato la sua carriera
Una storia che si ripete?
La Cina arrabbiata per "Top Gun: Maverick"

È bastato il trailer di "Top Gun: Maverick", l'attesissimo sequel del film "Top Gun" del 1986, perché chiunque nel mondo (nostalgico o meno che fosse) venisse travolto dall'entusiasmo. Rivedere Tom Cruise su un aereo da caccia? Cosa volere di più? Sono stati soprattutto i fan taiwanesi i più entusiasti di vedere la loro bandiera nazionale sul bomber di Mr. Cruise. E la Cina sembra non aver gradito, come riportato dalla CNN e da altri. Perché? Continua a leggere e lo scoprirai!

La storia dietro la polemica

La Cina vede Taiwan come una provincia separatista e da tempo minaccia di invaderla, mentre i taiwanesi si considerano una nazione indipendente. Questo conflitto risale all'acquisizione del potere in Cina da parte di Mao Zedong nel 1949, che costrinse i nazionalisti cinesi a fuggire a Taiwan.

Alcune celebrità sono state criticate per essersi schierate

Da allora, celebrità come Tom Cruise (visto qui alla premiere cinese di "Mission Impossible: Fallout") sono state oggetto di pesanti critiche per il loro sostegno a Taiwan.

La Cina preoccupa Hollywood

Politicamente, gli Stati Uniti si dichiarano pro-Taiwan senza dubitare, ma Hollywood fa molto affidamento sugli spettatori cinesi per il successo al botteghino. Pertanto, film come "Gravity" (2013) sono rivolti al pubblico cinese e Hollywood è felice di piegarsi alla censura cinese. In effetti, la bandiera taiwanese era stata persino rimossa da un precedente trailer di "Top Gun: Maverick", prima di essere finalmente reintegrata nel film.

Tom Cruise e la Cina

Al di fuori delle sue anteprime cinematografiche, Cruise non ha alcun legame profondo con la Cina. Per "Mission Impossible 3" (2006), ha girato alcune scene a Xitang, una storica città cinese. Inoltre, John Woo, il regista di "Mission Impossible 2" (2000), viene da Hong Kong, un'altra zona calda per la Cina.

Tom Cruise è sempre stato apolitico

Quando il film originale "Top Gun" ha ispirato i giovani americani a arruolarsi nell'esercito, Cruise era imbarazzato. Come contrappeso, ha partecipato a "Nato il 4 luglio" (1989), un film contro la guerra. A parte questo, Cruise è pubblicamente apolitico e principalmente preoccupato di vendere i suoi film (e di venderli bene). Pertanto, perché abbiano deciso di inserire la bandiera taiwanese, bandita dalla Cina, nel suo ultimo film, beh, è un mistero.

Niente Cina per Maverick

I realizzatori del nuovo film potrebbero aver provato un maggiore senso di libertà. Il film doveva essere parzialmente finanziato dai sostenitori cinesi, ma si sono ritirati a causa della trama chiaramente filoamericana del film, come riporta il New York Post. La trama filoamericana significa anche che "Top Gun: Maverick" non verrà rilasciato nella Cina continentale. Questo rende più facile per i registi ignorare la sensibilità cinese nel film.

Tom Cruise, non è l'unico attore che ha sconvolto la Cina

Tom Cruise non è l'unico attore ad aver fatto arrabbiare la Cina.

Attori taiwanesi nel mirino

Il film taiwanese "Missing Johnny" (2017) è stato bandito nella Cina continentale, anche se la trama è abbastanza innocua: giovani che esplorano la vita e l'amore. La decisione è stata presa perché l'attore protagonista - Lawrence Ko, che ha recitato al fianco di Rima Zeidan (nella foto) - aveva legami con un partito politico che sostiene l'indipendenza di Taiwan.

Una lista nera

In risposta a tutto ciò, il governo cinese ha compilato una lista nera di celebrità bandite in Asia e altrove. Questo elenco è abbastanza potente da costringere alcune celebrità taiwanesi a tacere sull'indipendenza e potrebbe costringere gli attori di Hollywood a scusarsi.

John Cena

Cena ha suscitato grandi polemiche quando ha detto nel 2021 che Taiwan sarebbe stato il primo paese a vedere "Fast and Furious 9". L'attore ed ex wrestler, che ha molti fan cinesi e ha studiato il cinese per anni, si è scusato in mandarino per aver definito Taiwan una nazione.

Reazioni contrastanti alle scuse di Cena

In Occidente, il popolare conduttore televisivo John Oliver ha riconosciuto che la fluidità di Cena in cinese era impressionante, ma la maggior parte degli opinionisti e dei politici americani lo ha condannato per le sue scuse. In Cina, alcuni hanno accettato le sue scuse, ma altri hanno ritenuto che non fossero abbastanza.

Katy Perry

Nel 2015, Katy Perry ha indossato un abito a fiori di girasole - il girasole è un potente simbolo del nazionalismo taiwanese - e la bandiera taiwanese a un concerto a Taiwan. Non è stato subito preso come un'offesa, poiché nella vicina Cina i fan considerano Katy una "Fruit Sister" per via dei suoi abiti eccentrici.

Katy Perry bandita dalla Cina

Ma il governo cinese si è offeso e ha bandito la cantante dal paese.

LEGGI ANCHE: Non siete i benvenuti: celebrità bandite da alcuni paesi

Polemica di Hong Kong

Naturalmente, Taiwan non è l'unico tema caldo legato alla Cina. Durante i disordini relativamente recenti a Hong Kong, l'attore Chow Yun-Fat ha sostenuto i manifestanti, mentre Jackie Chan si è schierato con il governo cinese.

Mesut Özil sugli uiguri

Il calciatore Mesut Özil ha denunciato la Cina per il trattamento riservato ai musulmani uiguri, che sono stati detenuti e danneggiati fisicamente dallo stato cinese. Ha attirato l'ira del suo allora club Arsenal, che ha pubblicato una dichiarazione sulla piattaforma di social media cinese Weibo sostenendo che il club non era solito farsi coinvolgere nella politica.

Un alto prezzo da pagare

La Cina ha risposto dicendo che il calciatore era stato manipolato da informazioni false. Lo ha anche rimosso dalle versioni cinesi del videogioco "Pro Evolution Soccer". Inoltre, alcune partite dell'Arsenal sono state rimosse dai programmi televisivi cinesi. Dopo aver fatto quei commenti coraggiosi, Özil è stato escluso dalla prima squadra dell'Arsenal e alla fine è stato venduto.

La questione del Tibet

L'elenco delle celebrità che sostengono il Tibet è lungo. Sting, Yoko Ono, Bradley Cooper e Amy Adams sono solo alcune delle star che hanno sostenuto l'indipendenza del Tibet. Richard Gere, devoto buddista, è una delle personalità più famose a sostenere il Tibet.

Dice che ha danneggiato la sua carriera

Gere ha sollevato un polverone quando ha criticato la Cina durante la consegna di un Oscar alla cerimonia del 1993. Il suo gesto ha provocato l'ira di tutta Hollywood che correva, e corre ancora, dietro ai soldi cinesi. Successivamente, The Hollywood Reporter ha affermato che la carriera di Gere aveva subito un duro colpo a causa delle sue opinioni sulla Cina. Il giornale ha anche affermato che i registi cinesi hanno dichiarato in privato di avere troppa paura di lavorare con lui.

Una storia che si ripete?

La polemica che circonda "Top Gun: Maverick" la dice lunga sulla nostalgia e la mancanza di originalità di Hollywood. Ma mentre il film arriva nei cinema di tutto il mondo, si rendono ancora più evidenti le tensioni tra Occidente e Cina a tutti i livelli. Non dimentichiamo le difficoltà che i registi devono affrontare per trovare un equilibrio tra redditività e azione.

Más para ti