Selena Gomez e altre star favorevoli (e alcune contrarie) al controllo delle armi

Il controllo delle armi
Le celebrità alzano la voce
Steve Kerr
50 senatori di Washington
Luca Doncic
Stephen King
Joe Biden
Selena Gomez
'Chi è al potere deve smettere di parlare e cambiare le leggi'
Marco Ruffalo
Matthew McConaughey
Bette Midler
Becky g
Finneas
Dylan Minnette
Lebron James
Hillary Clinton
Celebrità a favore delle armi
Chris Pratt
Clint Eastwood
Brad Pitt
Tom Sellek
Chuck Norris
Robert De Niro
NYPD
Il controllo delle armi

Il drammatico bilancio della strage di Uvalde, in Texas (USA), è di 19 studenti e 2 insegnanti morti. L'ennesimo massacro in una scuola americana ha scosso profondamente la società e star come Selena Gomez hanno chiesto che si intervenga il prima possibile.

Le celebrità alzano la voce

Dato l'aumento di questo tipo di stragi negli Stati Uniti, molte celebrità hanno alzato la voce per chiedere all'amministrazione di approvare misure per il controllo delle armi. Tra i pareri favorevoli al controllo delle armi, quello del texano Matthew McConaughey. Vediamo chi sono le celebrità che si sono espresse in seguito a questa tragedia.

Steve Kerr

Senza dubbio, l'allenatore della squadra NBA dei Golden State Warriors è stato il volto visibile della protesta. Le sue parole: «Quando faremo davvero qualcosa? Sono stanco dei minuti di silenzio!», pronunciate sull'orlo delle lacrime, hanno fatto il giro del mondo grazie ai social network.

50 senatori di Washington

Ma la denuncia di Steve Kerr è andata oltre. Durante la conferenza stampa di pre-partita contro i Mavericks, il coach non ha esitato a segnalare: «Siamo tenuti in ostaggio da 50 senatori a Washington. Vi rendete conto che il 90% degli americani, indipendentemente dal partito politico che sostengono, vuole controlli universali dei precedenti?».

Luca Doncic

In occasione della partita, anche la star dei Dallas Mavericks ha parlato della strage in conferenza stampa: «Non potrebbe essere peggio di così. È un disastro. È una cosa che non dovrebbe accadere da nessuna parte».

Stephen King

Stephen King ha sempre mostrato il suo rifiuto nei confronti delle armi e, in questa occasione, il suo account Twitter è andato in fiamme. "Controllo delle armi immediato. Fermiamo il massacro di innocenti!", ha esclamato ai suoi milioni di seguaci.

Immagine: Twitter - @StephenKing

Joe Biden

Il presidente degli Stati Uniti ha preso di mira la lobby degli armamenti in una conferenza stampa, ma ha anche lanciato una profonda riflessione in rete: "L'idea che un diciottenne possa entrare in un negozio e comprare un fucile d'assalto è semplicemente sbagliata".

Immagine: Twitter - @POTUS

Selena Gomez

L'attrice è stata toccata da vicino dalla sparatoria, perché, come ha ricordato sui social, è avvenuta "nel mio stato natale, il Texas". Selena Gomez scrive: "19 studenti innocenti sono stati uccisi mentre cercavano di ricevere un'istruzione. Se i bambini non sono al sicuro a scuola, dove devono esserlo?".

'Chi è al potere deve smettere di parlare e cambiare le leggi'

Selena Gómez, oltre a lodare il lavoro degli insegnanti, "di incalcolabile valore ma poco apprezzato", ha inviato un messaggio diretto a Washington: "Chi è al potere deve smettere di parlare e cambiare le leggi per prevenire queste sparatorie in futuro".

Immagine: Twitter - @selenagomez

Marco Ruffalo

L'alter ego di Bruce Banner ha sempre mostrato il suo rifiuto nei confronti del libero accesso alle armi e in questo caso ha voluto mandare un messaggio diretto al senatore del Texas Ted Cruz: "Provi a dire a queste famiglie che il controllo dei precedenti, una legislazione sensata sulle armi o il divieto sulle armi d'assalto non impedirebbero ai loro figli di essere uccisi".

Foto: Twitter - @MarkRuffalo

Matthew McConaughey

L'attore premio Oscar, nato nella città di Uvalde, è stato schietto, incisivo ed esaustivo in una petizione su Instagram: "Ancora una volta, abbiamo tragicamente dimostrato di non essere responsabili dei diritti che le nostre libertà ci garantiscono".

"Un'epidemia che si può controllare"

L'attore invita a "non cercare scuse e accettare queste tragiche realtà come uno status quo". Anzi, definisce sparatorie come questa "un'epidemia che può essere controllata", in questo caso, con il controllo delle armi.

Immagine: Instagram - @officiallymcconaughey

Bette Midler

L'attrice veterana ha pubblicato un tweet in cui dichiara che "questo deve cambiare. Questa nazione è piena di persone che non riescono a controllare i loro peggiori impulsi e gli innocenti ne pagano sempre il prezzo".

Uvalde, Texas: cronologia di una strage

"Amate le vostre armi più della vita"

La sua critica non finisce qui, ma lascia una delle frasi di maggior impatto degli ultimi giorni: "Non salvate i feti per mandarli a scuola a morire, solo perché amate le vostre armi più della vita."

Immagine: Twitter - @BetteMidler

Becky g

Sui suoi social, la cantante ha ricordato la sparatoria di Buffalo e ha chiesto ai leader politici di fare in modo che "i bambini siano al sicuro in classe", oltre ad affermare che "questo deve finire".

Immagine: Twitter - @iambeckyg

Finneas

Il musicista e produttore non ha esitato a prendere di mira cittadini e politici, nello specifico "chiunque dica che questo non è il momento di parlare di controllo delle armi", perché a queste persone "non importano i bambini assassinati" a Uvalde.

Immagine: Twitter - @finneas

Dylan Minnette

L'attore ha elogiato le parole di Steve Kerr su Twitter, definendole la via del buon senso da ritrovare. In un altro tweet, ha espresso preoccupazione per il fatto che le sparatorie "non stiano diminuendo".

Immagine: Twitter - @dylanminnette

Lebron James

La star dei Lakers si chiede "quando diremo basta" e come sia possibile che si continui a "mettere in pericolo i bambini a scuola".

Immagine: Twitter - @KingJames

Hillary Clinton

Hillary Clinton descrive su Twitter ciò di cui il Paese ha bisogno per fermare i massacri: "In poche parole, abbiamo bisogno di legislatori disposti a fermare il flagello della violenza armata. Stiamo diventando una nazione di grida disperate".

Immagine: Twitter - @HillaryClinton

Celebrità a favore delle armi

Ma, come per qualsiasi altra cosa, ci sono anche celebrità che sostengono o hanno sostenuto in passato la libertà di possedere armi da fuoco, adducendo come giustificazione la sicurezza e il controllo di situazioni pericolose.

Chris Pratt

Nonostante possieda una collezione di oltre 40 armi, in un'intervista rilasciata a Esquire nel 2014 ha confermato che il controllo delle armi e dei precedenti penali sarebbero appropriati.

Clint Eastwood

Come afferma il Washington Examiner, la posizione sulle armi del mito del cinema è chiara. Sostiene: «Sono un grande sostenitore della sicurezza delle armi da fuoco». Nel suo caso, anche il fatto di aver trascorso metà della sua carriera di attore con una pistola in mano gioca un ruolo importante.

Brad Pitt

Per quanto possa sembrare sconcertante, nel 2012 l'attore confessava al Daily Mail che si sentiva meglio avendo una pistola. Parole sue: «Non mi sembra che la casa sia completamente sicura se non ne ho una nascosta da qualche parte. La penso così, che sia giusto o meno».

Tom Sellek

Basti pensare che l'attore fa parte del consiglio di amministrazione della National Rifle Association (NRA). Nel corso del podcast "NRA On the Record", è stato protagonista di un'accesa discussione con l'attrice Rosie O'Donnell, a cui è arrivato a chiedere se ritenesse che "il Secondo Emendamento servisse solo a garantire la caccia e il tiro al bersaglio".

Chuck Norris

Portavoce dell'NRA, ha sempre preso posizione contro il controllo delle armi. È risaputo, tra l'altro, che all'ingresso del ranch di famiglia c'è un grande disegno con una pistola e un avvertimento: "Qui non chiamiamo la polizia".

Robert De Niro

In un'intervista del 2012 al New York Post, il leggendario attore dichiarava di essere favorevole al controllo delle armi, ma a proposito dei legali possessori di armi, assicurava che "non si possono infrangere i loro diritti".

NYPD

Robert De Niro è uno dei pochi privilegiati che hanno ottenuto il porto d'armi dalla polizia di New York, una concessione molto esclusiva nella Grande Mela.

Foto: Unsplash - Josh Couch

POTREBBE INTERESSARTI: Uvalde, Texas: cronologia di una strage

Más para ti