Sandra Bullock, esausta: la sindrome da burn-out di cui soffre l'attrice

Pausa temporanea e inaspettata
'Voglio solo stare con i miei figli'
Tre decenni di intensa attività
La sindrome del burnout
'Impossibile prendere decisioni corrette'
Questo non è un ritiro definitivo (per ora)
Una malattia diffusa in tutto il mondo
Malattia riconosciuta dall'OMS
Incluso nell'ICD-11
Blocco mentale e fisico
Cos'è la sindrome da burnout?
Sintomi
Una malattia complessa
Ripercussioni su chi ti circonda
Diagnosi
Normalizzare la salute mentale
I quattro livelli di burnout
Una malattia che comporta dei rischi
Necessità di trattamento
Trattamento
Recupero lento ma completo (in molti casi)
Molte opzioni di elaborazione
Psicoterapia cognitivo-comportamentale
Pausa temporanea e inaspettata

Durante la promozione e presentazione de "The Lost City" nella primavera del 2022, Sandra Bullock ha sorpreso tutti annunciando che si sarebbe ritirata dalle scene per alcuni mesi.

'Voglio solo stare con i miei figli'

È stato nel marzo 2022, durante un'intervista a The Hollywood Reporter, che ha confermato: "Ora voglio solo stare con i miei figli e la mia famiglia 24 ore al giorno e questo significa che mi concederò un momento di riposo".

Tre decenni di intensa attività

Al di là del fatto che ha lavorato instancabilmente a Hollywood per più di tre decenni, la decisione di Sandra Bullock mette in luce una condizione clinica psicologica sempre più diffusa tra tutte le tipologie di lavoratori: il cosiddetto “burn-out”. Nella foto, Sandra Bullock con Matthew McConaughey in "Il momento di uccidere" (1996).

La sindrome del burnout

È anche conosciuta come "sindrome da burnout" o "sindrome da superlavoro". È una condizione associata ad alti livelli di stress nella vita lavorativa quotidiana.

'Impossibile prendere decisioni corrette'

Nel caso di Sandra Bullock, l'attrice ha ammesso di essere "esausta e stanca" al punto da non essere "in grado di prendere decisioni sane e intelligenti". Prima di crollare, ha scelto di fermarsi.

Questo non è un ritiro definitivo (per ora)

Ha avvertito che non era un addio definitivo, ma non ha nemmeno fissato una data per il suo ritorno. "Se decido di ritirarmi, lo annuncerò", ha detto a The Hollywood Reporter.

Una malattia diffusa in tutto il mondo

Ovviamente, se Sandra Bullock soffre di superlavoro, è logico pensare che ci siano anche altri milioni di persone nel mondo che soffrano anche di questa sindrome. Ed è così.

Malattia riconosciuta dall'OMS

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riconosce che il burnout è già un fattore scatenante per molti problemi di salute sul lavoro.

Foto: Unsplash - National Cancer Institute

Incluso nell'ICD-11

Infatti, ora è ufficialmente considerata una malattia ed è elencata nella Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD-11).

Foto: Unsplash - Sigmund

Blocco mentale e fisico

Le persone affette da questa sindrome non sono in grado di svolgere normalmente il proprio lavoro. Il corpo, infatti, reagisce bloccando l'attività mentale per un livello di stress ben al di sopra del livello raccomandato.

Foto: Unsplash - Danny G.

Cos'è la sindrome da burnout?

Per comprendere meglio cosa si intende per burnout è utile conoscere quali siano i suoi sintomi, come viene diagnosticato e, soprattutto, come viene curato.

Foto: Unsplash - Annie Spratt

Sintomi

I tre sintomi principali del burnout sono esaurimento emotivo (stanchezza estrema), depersonalizzazione (cambiamento di atteggiamento e personalità) e diminuzione delle prestazioni (incapacità di svolgere le attività lavorative più elementari).

Foto: Unsplash - NRD

Una malattia complessa

Tuttavia, questa malattia può generare anche altri sintomi come bassa autostima, stato di nervosismo permanente, mancanza di concentrazione, mal di testa, tachicardia, insonnia, impazienza o incapacità di comunicare, come specificato dal sito specializzato CuidatePlus.

Foto: Unsplash - Ben Blennerhassett

Ripercussioni su chi ti circonda

Mantenere questo livello di stress senza trovare una soluzione genera un livello di negatività che finisce per avere ripercussioni sull'ambiente familiare, professionale e relazionale, generando un circolo vizioso dal quale è difficile uscire.

Foto: Unsplash - Elisa Ventur

Diagnosi

La diagnosi di burnout deve essere fatta da uno psicologo o psichiatra, che determinerà se le condizioni del paziente sono dovute a stress lavoro-correlato o ad un altro motivo.

Foto: Unsplash - Sigmund

Normalizzare la salute mentale

Fortunatamente, negli ultimi tempi, il tabù di consultare i professionisti della salute mentale si sta sgretolando e sta diventando normale avvicinarsi a loro senza essere individuati.

Foto: Unsplash - Sigmund

I quattro livelli di burnout

Sulla base degli strumenti a disposizione dello psicologo e dello psichiatra, come alcune domande molto specifiche, il professionista determinerà quale dei quattro livelli della malattia presenta il paziente.

Foto: Unsplash - Julia Taubitz

Una malattia che comporta dei rischi

Il burn-out può essere: lieve (leggero esaurimento, mancanza di desiderio di fare qualsiasi cosa), moderato (la negatività porta alla sfiducia nei confronti di chi ti circonda), grave (consumo di sostanze psicoattive e relazioni interrotte) ed estremo (pensieri negativi che portano a considerare porre fine alla propria vita).

Foto: Unsplash - Hernán Sánchez

Necessità di trattamento

Sì, il burnout può raggiungere questi estremi di gravità. Da questo si evince l'importanza di consultare un professionista per trattarlo, anche se la condizione è ancora a un livello leggero.

Foto: Unsplash - Claudia Wolff

Trattamento

Purtroppo non tutti i lavoratori hanno la possibilità, come Sandra Bullock, di prendersi un'aspettativa a tempo indeterminato per dedicarsi alla famiglia e mettersi a riposo (che, comunque, è una cura ideale per recuperarsi).

Foto: Unsplash - Nik Shuliahin

Recupero lento ma completo (in molti casi)

Per la maggior parte delle persone colpite, tutto passa attraverso un trattamento psicologico che fissa le linee guida da seguire per una guarigione lenta ma, in una larga percentuale, completa.

Foto: Unsplash - Taylor Deas Melesh

Molte opzioni di elaborazione

Alcuni dei passi che i pazienti dovrebbero intraprendere includono la consapevolezza di sé, il cambiamento dell'ambiente di lavoro (se possibile), l'adozione di abitudini sane e, in alcuni casi, anche l'uso di antidepressivi. Sempre sotto controllo medico.

Foto: Unsplash - Kulli Kittus

Psicoterapia cognitivo-comportamentale

Il tutto abbinato alla psicoterapia cognitivo-comportamentale per guidare il paziente nel percorso di guarigione.

Foto: Pexels - Cottonbro

 

Más para ti