Quegli animali che si sono già estinti e che non potremo vedere mai più

Specie che non potremo mai più vedere
Tigre della Tasmania: l'animale che alcuni dicono non abbia mai lasciato
Dodo: lo strano uccello incapace di volare dell'isola di Mauritius
Rinoceronte lanoso: una bestia imponente che viveva in Europa
Il rinoceronte nero occidentale: l'ultimo del suo genere ad essersi estinto
Quagga: metà cavallo, metà zebra.
L'alce irlandese: il fratello maggiore dell'alce di oggi
La ritina di Steller - un enorme mammifero marino che arrivava fino a nove metri
Tartaruga dell'Isola Pinta: una perdita molto recente
Tigre di Giava: rimossa dal suo habitat dalla proliferazione delle colture
Il rospo dorato: un avvertimento contro il riscaldamento globale
Orso grizzly messicano: oltre le terre canadesi
Cozza dell'Alabama: vittima dell'inquinamento
Rana piatta da cova gastrica: il sogno troncato di curare le ulcere
Ara giacinto: triste fine nonostante gli avvertimenti
La foca monaca dei Caraibi: devastata dall'avidità umana
L'emù nero: una specie unica che viveva a King Island
Il còlobo rosso di Zanzibar: effetto collaterale della deforestazione
Specie che non potremo mai più vedere

Quando si parla di estinzione, la mente ci riporta all'epoca dei dinosauri, ma nel corso della storia sono stati molti gli animali che sono scomparsi, per cause naturali, per l'evoluzione stessa o per l'azione dell'uomo. Attualmente sul nostro pianeta esistono più di 8.000 razze animali, il 20% delle quali è in pericolo di estinzione e minacciato di estinzione come altre che sono già state dichiarate estinte. Ricordiamo alcuni di quelli che non potremo mai più rivedere...

Foto: Hannah Pemberton / Unsplash

Tigre della Tasmania: l'animale che alcuni dicono non abbia mai lasciato

Originaria dell'Australia e della Nuova Guinea, la tigre della Tasmania - nota anche come Tilacino - secondo gli esperti era un lontano parente del diavolo della Tasmania. Le ultime notizie di questi animali dal corpo striato, la cui scomparsa è attribuita alla caccia, risalgono agli anni Sessanta. Alcuni sostengono che esistano ancora esemplari superstiti nascosti, ma nessuno è stato in grado di fornire una prova definitiva.

Foto: Benjamin A. Sheppard., Public domain, via Wikimedia Commons

Dodo: lo strano uccello incapace di volare dell'isola di Mauritius

Il dodo è forse l'animale che viene in mente per primo quando si parla di estinzione - con il permesso dei dinosauri, ovviamente. Questo uccello che non volava, di grandi dimensioni e dall'aspetto piuttosto particolare, è scomparso verso la fine del 1700. Viveva sull'isola di Mauritius, nel mezzo dell'Oceano Indiano, vicino al Madagascar. Naturalmente, dietro la sua scomparsa c'è l'uomo, motivato dal consumo della sua carne, e l'arrivo di altri predatori sull'isola.

Foto: German Rojas / Pixabay

Rinoceronte lanoso: una bestia imponente che viveva in Europa

Il rinoceronte lanoso, molto simile ai suoi discendenti come li conosciamo oggi, ma più imponente e con un bel pelo, viveva in Europa e in Asia settentrionale, dalla Spagna centrale e dall'Inghilterra meridionale fino alla Siberia meridionale e alla Mongolia. Era sopravvissuto all'ultima era glaciale, ma non all'azione dell'uomo, che l'ha fatto scomparire a causa della caccia. Si parla anche di altri problemi, come le "super-malattie" dovute allo scioglimento dei ghiacci e ai cambiamenti climatici.

Foto: Mauricio Antón, CC BY 2.5 <https://creativecommons.org/licenses/by/2.5>, attraverso Wikimedia Commons

Il rinoceronte nero occidentale: l'ultimo del suo genere ad essersi estinto

Se il rinoceronte lanoso è ormai lontano nella storia, non è così per il rinoceronte nero dell'Africa occidentale - noto anche come rinoceronte nero occidentale - che è stato dichiarato ufficialmente estinto nel 2011. La perdita di questo importante animale è dovuta, ovviamente, alla caccia irresponsabile e al bracconaggio, completamente vietato dagli anni Trenta.

Quagga: metà cavallo, metà zebra.

Metà cavallo e metà zebra, i quagga sono state vittime della stupidità umana. La grande bellezza di questo animale, che viveva in Sudafrica e aveva il corpo marrone e la parte anteriore a strisce come le zebre, spingeva le persone a cacciarli di frodo come trofei. Invece di ammirarli, hanno preferito ucciderli. L'ultimo quagga è stato visto intorno al 1880 ed è morto in cattività.

Di Nicolas Marechal - PD painting, Pubblico Dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56083

L'alce irlandese: il fratello maggiore dell'alce di oggi

Oltre che in alcune zone dell'Alaska, del Canada e dell'Europa settentrionale, un tempo gli alci erano presenti anche in Irlanda. Il loro aspetto era molto simile a quello degli attuali alci, ma l'alce irlandese era molto più grande. Secondo gli scienziati, questo alce - o cervo irlandese, come viene anche chiamato - poteva raggiungere un'altezza di due metri e aveva corna lunghe oltre tre metri e mezzo. La sua estinzione risale a circa 7.700 anni fa, probabilmente a causa dei cambiamenti climatici e della caccia.

La ritina di Steller - un enorme mammifero marino che arrivava fino a nove metri

Questo mammifero sireniano poteva raggiungere gli otto-nove metri di lunghezza e pesare tra le quattro e le dieci tonnellate. Navigava nei mari tra l'isola di Taiwan e la Nuova Guinea, ma la caccia incontrollata di questi animali per molti anni ne ha causato l'estinzione definitiva, registrata ufficialmente nel 1768. Era la fine di una specie di cui non esistono più esemplari, solo il ricordo.

Foto: Biodiversity Heritage Library, CC BY 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/2.0>, via Wikimedia Commons

Tartaruga dell'Isola Pinta: una perdita molto recente

La loro scomparsa è avvenuta dopo anni di caccia e commercializzazione. La loro carne era molto apprezzata e il loro guscio costituiva un'attrazione commerciale, per cui col tempo sono state eliminate. Lonesome George era l'ultima tartaruga gigante Pinta vivente e con la sua morte, avvenuta il 24 giugno 2012 nelle isole Galapagos (Ecuador), la specie è stata dichiarata ufficialmente estinta.

Tigre di Giava: rimossa dal suo habitat dalla proliferazione delle colture

Non è molto diversa dalle altre tigri, ma era originaria dell'isola indonesiana di Giava. Nel caso di questi imponenti felini, che nelle loro ultime fasi di vita sono stati avvistati nelle zone montuose dell'isola, sono stati spostati dall'aumento dei terreni agricoli che hanno distrutto il loro habitat. L'azione dell'uomo ha provocato la diminuzione della loro popolazione fino alla loro scomparsa nel 1994.

Il rospo dorato: un avvertimento contro il riscaldamento globale

Secondo gli esperti, il rospo dorato, un animale che poteva essere visto negli stagni della foresta pluviale di Monteverde, in Costa Rica, è stato vittima dei cambiamenti climatici ed è stato visto per l'ultima volta nel 1989. Il riscaldamento globale ha fatto sì che in alcune aree, come il suo habitat, si sia persa l'umidità necessaria a questa specie di anfibio per vivere e riprodursi. Nel suo caso, gli stagni che costituivano il suo ecosistema si sono prosciugati, facendo scomparire la nebbia che ne garantiva l'umidità.

Orso grizzly messicano: oltre le terre canadesi

Oggi i grizzly sono un simbolo del Canada, ma in passato questo imponente animale poteva essere visto anche in altre zone del continente americano, come il Messico. Si ritiene che si siano estinti ufficialmente nel 1964, poiché all'inizio di quel decennio erano rimasti solo 30 orsi. Il motivo della loro scomparsa fu la caccia da parte degli allevatori della zona, che li uccisero perché erano stufi che attaccassero i loro animali.

Foto: Mills, Enos Abijah, 1870-1922, Public domain, via Wikimedia Commons

Cozza dell'Alabama: vittima dell'inquinamento

Il mare e i fiumi ospitano molti tipi di animali che spesso non prendiamo in considerazione e che sono scomparsi a causa dell'azione dell'uomo. È il caso della cozza dell'Alabama, che si trovava nel fiume Mobile, in questo Stato del Nord America, e che svolgeva l'importante funzione di filtrare le acque inquinate dal letto del fiume, ma che è scomparsa intorno al 2006. La sua scomparsa è stata causata dai prodotti pericolosi che vi sono stati scaricati e che hanno colpito anche la comunità di persone che vivevano nell'area.

Rana piatta da cova gastrica: il sogno troncato di curare le ulcere

Secondo gli esperti, la rana piatta da cova gastrica è scomparsa nel 1981. Originario dell'Australia, questo anfibio, oltre ad avere un processo riproduttivo piuttosto particolare, è stato anche oggetto di studi per trovare una cura per l'ulcera. Per quanto riguarda la prima, la rana inghiotte le uova fecondate per incubarle al suo interno e il suo stomaco inizia a gonfiarsi fino al momento del "parto", quando la sua bocca è pronta per far emergere la prole completamente cresciuta e.. in piedi.

Ara giacinto: triste fine nonostante gli avvertimenti

Chi ha visto il film d'animazione "Rio" (2011) sa di quale animale stiamo parlando. Blu e Perla erano due ara giacinto. È importante citare questo film, perché già metteva in guardia dal pericolo di scomparsa della loro specie senza successo, essendo una delle ultime specie ad essere dichiarata estinta. Endemica del Brasile, l'ara blu è scomparsa a causa della deforestazione e della caccia per essere venduta come uccello esotico.

La foca monaca dei Caraibi: devastata dall'avidità umana

Non è passato molto tempo da quando le foche potevano essere viste nei Caraibi. Erano originarie della zona, estendendo il loro territorio tra la costa settentrionale del Sud America, la costa orientale dell'America centrale e il Golfo del Messico. La loro popolazione è gradualmente diminuita fino a raggiungere l'isola di Serranilla, tra la Giamaica e il Nicaragua, dove è stato avvistato l'ultimo esemplare della specie nel 1952. L'uomo è la causa principale della loro estinzione: la caccia - per l'olio che poteva essere estratto dal loro grasso corporeo - e la pesca massiccia delle loro fonti di cibo.

L'emù nero: una specie unica che viveva a King Island

Ancora oggi possiamo trovare diversi tipi di emù sul nostro pianeta, ma uno di essi non sarà mai più visto. Si tratta dell'emù nero, una specie che viveva solo a King Island, in Australia. L'uomo li ha eliminati molto tempo fa, nel XIX secolo, quando l'isola è stata colonizzata e la specie è stata ridotta dall'azione umana fino a scomparire per sempre.

Il còlobo rosso di Zanzibar: effetto collaterale della deforestazione

Questa specie di scimmia abitava il continente africano, tra i confini della Costa d'Avorio e del Ghana, ma è stata considerata estinta dall'inizio del XXI secolo, nei primi anni 2000. I colobi rossi, abituati a muoversi ad alta quota tra gli alberi, vivevano in gruppi che si sono ridotti a causa della deforestazione del loro habitat, che li ha esposti ai predatori e alla consanguineità, indebolendo la loro specie. La somma di questi fattori ha portato alla loro estinzione.

Foto: Marc Veraart, CC BY 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/2.0>, via Wikimedia Commons

Más para ti