Allarme: nuova variante dell'HIV
Variante VB
Scoperta nei Paesi Bassi
500 mutazioni
La buona notizia
La cattiva notizia
Le cure attuali frenano la trasmissione
Altra buona notizia
La scienza vince la partta
Confronto con il virus che causa il Covid
Prima di tutto prevenzione
Senza trattamento, la nuova variante dell'HIV sarebbe devastante
AIDS: l'epidemia emersa nel 1920 che esplose negli anni '80
Martiri dell'AIDS
La nuova variante ci sta mettendo in guardia
La scienza è sempre la risposta
Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(1/16)
Allarme: nuova variante dell'HIV

Il titolo della rivista Science del 3 febbraio 2022 era inquietante: ""A highly virulent variant of HIV-1 circulating in the Netherlands (Una variante altamente virulenta dell'HIV-1 sta circolando nei Paesi Bassi)".

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(2/16)
Variante VB

Questa nuova variante è stata denominata "VB" e, secondo gli autori dell'articolo di Science (un gruppo scientifico guidato dall'epidemiologo Chris Wymant, dell'Università di Oxford), moltiplica per tre o anche per cinque la quantità di virus nel sangue di gli infetti

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(3/16)
Scoperta nei Paesi Bassi

È stata rilevata in un centinaio di individui nei Paesi Bassi. La maggioranza (82%) sono uomini.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(4/16)
500 mutazioni

Lo studio della variante VB dell'HIV rivela che contiene 500 mutazioni rispetto al virus originario. Come è possibile? Gli scienziati ritengono che forse il virus si stia "fortificando" combattendo gli attuali farmaci per l'HIV.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(5/16)
La buona notizia

Ma, al di là della necessità di monitorare l'evoluzione di questa variante o l'emergere di nuove mutazioni, ci sono buone notizie: i trattamenti antiretrovirali attualmente utilizzati contro l'HIV funzionano anche contro questo nuovo tipo.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(6/16)
La cattiva notizia

Quella che può essere considerata "cattiva notizia" è che la comparsa di questa nuova variante è la prova scientifica che i virus non sempre si attenuano e abbassano la loro aggressività (come abbiamo ripetuto con il Covid) ma che possono peggiorare.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(7/16)
Le cure attuali frenano la trasmissione

Va ricordato che le attuali cure contro l'HIV prevengono lo sviluppo di qualsiasi malattia grave nell'individuo infetto e, inoltre, abbassano la carica virale in modo che l'individuo infetto sia poco contagioso.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(8/16)
Altra buona notizia

Infatti, nell'indagine completa pubblicata da Science si chiarisce che, sicuramente, quello che è stato trovato ora è l'ultimo residuo di una variante che aveva una presenza maggiore ma che, grazie alle cure, si è estinta.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(9/16)
La scienza vince la partta

Si può presumere (sempre secondo lo studio pubblicato su Science) che questa variante più dannosa e contagiosa sia emersa negli anni '90 e dal 2000 la sua espansione è in diminuzione. Possiamo dire che la scienza ha vinto la partita.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(10/16)
Confronto con il virus che causa il Covid

Questa variante più dannosa dell'HIV dimostra che i virus non riducono sempre la loro malignità. Anche se qualche esperto ha ricordato che questo è già avvenuto con il coronavirus: la versione Delta era più contagiosa e forse la più letale. Vaccini e prevenzione sono riusciti a controllarla.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(11/16)
Prima di tutto prevenzione

Prevenzione, test in caso di dubbio su un possibile contagio... I moderni sistemi sanitari dispongono di strumenti per combattere i virus, anche se aumentano di potenza.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(12/16)
Senza trattamento, la nuova variante dell'HIV sarebbe devastante

La verità è che, se non esistessero le sofisticate terapie antiretrovirali di oggi, questa variante sarebbe devastante. Le Nazioni Unite lo hanno evidenziato: "Le persone che vivono con il nuovo sottotipo sperimentano il doppio del deterioramento del sistema immunitario e hanno cariche virali più elevate. Sono anche più soggette allo sviluppo dell'AIDS, tra le due e le tre volte più velocemente dopo la diagnosi".

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(13/16)
AIDS: l'epidemia emersa nel 1920 che esplose negli anni '80

Si ritiene che l'HIV sia emerso come zoonosi nel 1920, dagli scimpanzé agli esseri umani. Ma è stato negli anni '80 che si è diffuso in modo massiccio in tutto il pianeta.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(14/16)
Martiri dell'AIDS

Ronald Reagan, presidente (molto conservatore) degli Stati Uniti negli anni '80, è stato accusato in più di un'occasione di non prestare la dovuta attenzione all'AIDS, pensando che fosse una malattia che colpiva solo i tossicodipendenti o le persone con una vita promiscua. L'attivismo ha generalizzato la battaglia per la salute. E la società è stata anche informata della triste lista di personaggi illustri morti di AIDS: da Rock Hudson a Freddie Mercury, passando per il talentuoso artista Keith Haring.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(15/16)
La nuova variante ci sta mettendo in guardia

La scoperta di una nuova variante dell'HIV che è stata riportata nell'articolo su Science dovrebbe servire da avvertimento. L'AIDS continua a devastare e uccidere migliaia di persone in tutto il mondo, soprattutto nei paesi più poveri.

Pericolo di contagio? La variante dell'HIV che ne moltiplica la virulenza
(16/16)
La scienza è sempre la risposta

E la scienza deve essere sempre la risposta. Lo è stato con il Covid. Mentre i discorsi negazionisti sono stati più letali di qualsiasi mutazione.

 

Más para ti