La tragica storia di Stephanie, la figlia di Jon Bon Jovi

Una vita perfetta? (Quasi)
Leggenda del rock
Famoso filantropo
Felicemente sposato (dal 1989)
Lo spavento che nessuno si aspettava
Aveva 19 anni
Non era a conoscenza della dipendenza di sua figlia
All'Hamilton College
Prima cosa: chiamare papà
'Il momento peggiore della mia vita'
Accusa di reato minore
'Legge del buon samaritano'
Un recupero in famiglia
Generoso anche nei momenti più difficili
Ricominciare
Ritagliarsi un futuro
La maggiore di quattro fratelli
Stephanie Rose Bongiovi
Una vita perfetta? (Quasi)

Jon Bon Jovi, idolo degli anni '80, sembrerebbe avere una vita perfetta. O, almeno, così sembrerebbe.

Leggenda del rock

Il cantante e la sua band fanno rock da oltre 40 anni, hanno venduto più di 130 milioni di copie, è milionario, bello, continua ad avere dei bellissimi capelli e, inoltre, è simpatico, generoso e impegnato nel sociale.

Famoso filantropo

Quando Jon Bon Jovi non lavora, infatti, dedica tempo alla Jon Bon Jovi Soul Foundation.

Felicemente sposato (dal 1989)

E, come se non bastasse, il cantante ha la famiglia perfetta. Sposato con Dorothea Hurley dal 1989, i due hanno quattro figli meravigliosi che non hanno mai dato loro problemi. O almeno così pensavamo.

Lo spavento che nessuno si aspettava

Nonostante Jon Bon Jovi sia un padre affettuoso, responsabile e attento ai suoi figli, non ha potuto impedire alla sua unica figlia, Stephanie Rose (1993), di cadere nell'abisso dell'uso di sostanze, che le è quasi costato la vita.

Aveva 19 anni

È successo nel 2012, al primo anno della Stephanie Rose University, quando la giovane aveva solo 19 anni. Jon Bon Jovi lo ricorda come "il mio momento peggiore da padre".

Non era a conoscenza della dipendenza di sua figlia

Come ha detto a 'People', "Sono sorpreso come qualunque altro genitore che si troverà in questa situazione senza averne idea. Steph è una brava ragazza. Buoni voti, brava al college, tutto era idilliaco..."

All'Hamilton College

Ma una notte, Stephanie Rose era nella sua camera da letto all'Hamilton College con un'amica, quando ha avuto un'overdose di una sostanza altamente pericolosa che l'ha lasciata priva di sensi sul pavimento della sua stanza, secondo "Rockcelebrities".

Prima cosa: chiamare papà

Trasferita rapidamente in ospedale, la giovane ha trascorso un po' di tempo senza rispondere agli stimoli, fino a quando i medici sono riusciti a rianimarla e a salvarle la vita. Quando ha potuto, la prima cosa che ha fatto Stephanie Rose è stata chiamare suo padre.

'Il momento peggiore della mia vita'

In un'intervista con "Metro", Jon Bon Jovi ha definito quella chiamata "il momento peggiore della mia vita. La prima cosa che mi ha detto è stata che stava bene e mi ha detto cosa era successo. Ti svegli, scuoti te stesso e le dici che non importa e che ve ne andrete a casa.

Accusa di reato minore

Ovviamente c'era bisogno di fare una chiacchierata genitori-figli, ma, prima, Stephanie Rose e la sua amica dovevano rispondere dell'accusa di possesso di sostanze illegali. Al suo problema di dipendenza si sono aggiunti i problemi legali.

'Legge del buon samaritano'

Fortunatamente, la legge del "Buon Samaritano" di New York, che vieta di perseguire qualcuno che è stato colpito dall'uso eccessivo di sostanze, è stata applicata a entrambe. Stephanie Rose aveva evitato i problemi legali, era ora di risolvere la situazione con i genitori.

Un recupero in famiglia

Ma con la famiglia è stato tutto più facile. I suoi genitori hanno chiesto un po' di spazio alla stampa. Non volevano metterla in imbarazzo, ma non volevano nemmeno nasconderlo. Jon Bon Jovi era chiaro che era un'opportunità per loro di imparare e per gli altri rappresentava un monito.

Generoso anche nei momenti più difficili

Il cantante era consapevole di non essere l'unico o l'ultimo padre a passare per un trauma simile, quindi ha voluto dare visibilità al processo di guarigione della figlia e dare speranza a chi aveva vissuto qualcosa di simile.

Ricominciare

Jon Bon Jovi, Dorothea Hurley e Stephanie Rose hanno infatti lavorato insieme per mesi per il recupero della giovane donna e per farla smettere con le sostanze illegali.

Ritagliarsi un futuro

Da allora, Stephanie Rose ha avuto il tempo di lavorare come assistente presso 'The Weinstein Company', di sfilare come modella per Nikki Lund o di ballare sul palco con suo padre al suono della canzone che le ha dedicato nel 2000: 'I Got the Girl'.

La maggiore di quattro fratelli

Stephanie Rose è la maggiore di quattro fratelli, ma gli altri tre sono maschi: Romeo Jon, Jesse e Jacob Hurley.

Stephanie Rose Bongiovi

Stephanie Rose Bongiovi è attualmente assistente di produzione e non è tornata a fare uso di sostanze illecite. Fortunatamente, questa tragica storia ha avuto un lieto fine.

Más para ti