Mariupol: città martire
Lottando per sopravvivere
Senza luce, acqua e cibo
Andarsene, impossibile
I carri armati sparano sulle case
Intrappolati in migliaia
Deportazioni?
Bombardamenti ogni 10 minuti
Impossibile il calcolo delle vittime
Come ad Alepo, come a Grozny
Resistenza!
Verso l'ignoto
La città dell'acciaio
Senza notizie da Mariupol
Senza pietà
Quando arriverà la fine?
La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(1/16)
Mariupol: città martire

Non sono molte le immagini che stanno arrivando da Mariupol, città portuale situata nel sud-est dell'Ucraina, duramente assediata dall'esercito russo. Maxar Technologies, azienda specializzata nella produzione di satelliti per comunicazioni, grazie a questi ultimi è riuscita a catturare dallo spazio il desolante panorama di distruzione che domina una città, da settimane ormai sotto assedio.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(2/16)
Lottando per sopravvivere

Non cambia di molto l'atrocità delle immagini se scattate dal basso. Le scarse testimonianze che giungono da Mariupol raccontano una città in cui, come ha titolato il The New York Times, la gente lotta per sopravvivere ('As Mariupol Is Bombed and Besieged, Those Trapped Fight to Survive').

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(3/16)
Senza luce, acqua e cibo

I bombardamenti hanno ridotto la popolazione di Mariupol allo stremo, senza luce né acqua potabile in molti dei quartieri della città. Scarseggia anche il cibo e le comunicazioni sono quasi impossibili. Coloro che hanno ancora familiari nella città assediata, in molti casi, tristemente non possono neanche sapere se siano ancora in vita.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(4/16)
Andarsene, impossibile

Ci sono stati numerosi tentativi di creare dei corridoi umanitari che permettessero l'evacuazione della popolazione più vulnerabile, ma il "cessate il fuoco" necessario non si è mai verificato, se non per alcuni, ridottissimi, momenti. Solo poche migliaia di persone sono riuscite a scampare all'assedio fuggendo. E nella maggior parte dei casi, la fuga è avvenuta sotto una pioggia di bombe.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(5/16)
I carri armati sparano sulle case

Le scarse testimonianze che arrivano dall'interno di Mariupol parlano di carri armati che sparano sui palazzi e sulle case. La città è assediata, i russi si sono stanziati in alcuni dei suoi quartiere, ma non è ancora caduta. Le forze ucraine continuano a resistere.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(6/16)
Intrappolati in migliaia

Prima della guerra, gli abitanti di Mariupol erano quasi 500.000. Dopo le prime fughe di massa nei giorni che hanno preceduto l'invasione, questa cifra è scesa rovinosamente. Si stima che dovrebbero esserci tra le 200.000  e le 300.000 persone adesso, intrappolate dall'impossibilità di fuggire altrove.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(7/16)
Deportazioni?

Secondo Reuters, l'Ucrania ha denunciato la deportazione di migliaia di abitanti di Mariupol in veicoli diretti verso il territorio russo. Nell'immagine, degli sfollati sono trasportati su un'automobile recante la famigerata Z, divenuta in Russia il simbolo del sostegno a Putin (e alla guerra).

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(8/16)
Bombardamenti ogni 10 minuti

Putin aveva dato un ultimatum per la resa di Mariupol. Il termine erano le cinque del mattino del 21 marzo. Alla sua scadenza, i russi cominciarono i loro attacchi. Secondo la CNN, i bombardamenti colpirono la città ogni 10 minuti.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(9/16)
Impossibile il calcolo delle vittime

Non esiste modo di calcolare il numero di vittime che potrebbe aver provocato finora l'assedio della città. Fonti dell'esercito ucraino parlano di circa 3.000 civili morti, ma chissà quanti corpi potrebbero nascondersi sotto le macerie, quante persone potrebbero aver perso la vita per malattie o per la scarsità di acqua e cibo.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(10/16)
Come ad Alepo, come a Grozny

Nelle loro analisi, media come il Financial Times hanno ricordato quanto non sia nuova questa strategia per la Russia: assediare una città chiave fino alla sua distruzione. L'ha già fatto a Grozny durante le guerre cecene e l'ha ripetuto ad Alepo, nella guerra siriana.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(11/16)
Resistenza!

Mariupol è allo stremo, ma continua a resistere e a rifiutare la resa.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(12/16)
Verso l'ignoto

Mariupol aveva già accolto gli sfollati della Repubblica popolare del Doneck, presa alla forza dalla Russia e separata dall'Ucraina. Adesso, coloro che hanno potuto farlo si sono ritrovati a dover fuggire di nuovo. Per la seconda volta.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(13/16)
La città dell'acciaio

Perché Mariupol? La città è un punto strategico, in quanto importante porto che permette la comunicazione tra l'Ucraina e la penisola della Crimea (annessa alla Russia nel 2014). È denominata "città dell'acciaio" per l'importanza delle sue attività nel settore metallurgico.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(14/16)
Senza notizie da Mariupol

Le notizie di prima mano arrivano con il contagocce da Mariupol. Solo alcuni canali Telegram sono riusciti a mostrare all'estero la terribile situazione che sta attraversando la città.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(15/16)
Senza pietà

Non potendo contare con dati affidabili, ma solo su tristi immagini rivelatrici, Mariupol appare come altre città che nel passato sono diventate un simbolo degli orrori della guerra: da Guernica a Nagasaki, passando per Dresda o Beirut.

La distruzione di Mariupol: le foto di una città sotto assedio
(16/16)
Quando arriverà la fine?

Mariupol resiste, la resa non sembra essere un'opzione per la città ucraina. Ma le bombe continuano a cadere e la tragedia sembra non conoscere tregua.

POTREBBE INTERESSARTI: Putin può essere accusato e processato per crimini di guerra?

Más para ti