Il luogo in Spagna dove Putin prende il sole
Non nel comune di Altea, ma in un'urbanizzazione super esclusiva
Tra le montagne di Altea
Esclusività e favolose viste sul Mediterraneo
Vicino alla Chiesa Ortodossa di San Michele Arcangelo
Conquistando il mercato
Due visite: una di conoscenza e l'altra per acquistare
Ad Altea, come a casa
Leggenda o verità?
Yacht russi nel Mediterraneo
Da Cipro ad Altea
Passaporto d'oro
Londongrad
Moscow-on-the-Thames
Roman Abramovich, il volto visibile
La Siberia inospitale
Gite in barca con le balene
Disconnessione e poca copertura
Il rifugio spagnolo di Putin?
(1/19)
Il luogo in Spagna dove Putin prende il sole

Sebbene la vita privata di Vladimir Putin sia avvolta dal segreto, numerosi media spagnoli (ad esempio La Vanguardia) danno per scontate le informazioni che sono state rivelate nel programma di Cuatro 'Fuera de cobertura', che affermano che il presidente russo abbia trascorso dalle vacanze ad Altea, in provincia di Alicante.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(2/19)
Non nel comune di Altea, ma in un'urbanizzazione super esclusiva

Il rifugio spagnolo di Putin non è una casa rustica nella cittadina di Altea (nell'immagine), una bellissima cittadina dalle mura bianche, tipica delle zone del Mar Mediterraneo. Media come Vanitatis dicono che la casa in cui Putin abbia trascorso l'estate si trovi nell'esclusiva urbanizzazione di Altea Hills, arroccata sulle montagne.

Foto: Andreas Strandman / Unsplash

Il rifugio spagnolo di Putin?
(3/19)
Tra le montagne di Altea

Questo è il paesaggio in cui si trova Altea Hills, un'urbanizzazione esclusiva e rigorosamente sorvegliata, dove si può entrare solo come proprietario o su invito. Incastonate in queste montagne ci sono ville sparse che possono ospitare celebrità di ogni tipo o persone anonime che vogliono rimanere tali.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(4/19)
Esclusività e favolose viste sul Mediterraneo

Altea Hills vende, a prezzi milionari, esclusività e viste assolutamente impareggiabili sulla baia di Altea. Viste di cui Putin avrebbe goduto per diverse estati, ma con discrezione e a malapena allontanandosi dalla sua proprietà.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(5/19)
Vicino alla Chiesa Ortodossa di San Michele Arcangelo

L'elevata densità di popolazione russa nella zona di Altea ha fatto sì che vi fosse costruito un grande tempio della Chiesa Ortodossa dedicato a San Michele Arcangelo. È quello che vedi nella foto

Foto: Di Wadim - CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=34237153

Il rifugio spagnolo di Putin?
(6/19)
Conquistando il mercato

Una popolazione russa che nell'ultimo decennio è arrivata ad avere il 70% delle abitazioni acquisite da clienti stranieri in tutta la provincia di Alicante, con particolare rilevanza di Altea. Un mercato che prima del 2010 non raggiungeva nemmeno il 5%.

Foto: Unsplash - Anatolii Nesterov

Il rifugio spagnolo di Putin?
(7/19)
Due visite: una di conoscenza e l'altra per acquistare

Il modo di operare dell'acquirente russo, come riportato da El País, è semplice. Ad una prima visita, verificano il clima, il territorio e l'offerta immobiliare. In una seconda visita acquisiscono la proprietà e generalmente lo fanno in contanti, senza finanziamenti e senza richiedere figure intermediarie e traduttori.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(8/19)
Ad Altea, come a casa

È logico pensare che Vladimir Putin abbia voluto Altea come suo solito luogo di villeggiatura e relax, perché qui può sentirsi a casa e può tenere riunioni di altissimo livello, con la massima discrezione.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(9/19)
Leggenda o verità?

Ovviamente non c'è stata nessuna smentita da parte di Putin (occupato da questioni più urgenti) sulle sue passate vacanze ad Altea. Ma sembra plausibile, dato che il numero sempre crescente di ricchi russi che trascorrono l'estate o che risiedono nella zona. Ad Altea, secondo il registro comunale, nel 2021 c'erano in totale 759 abitanti di origine russa, che rappresentano oltre il 4% della popolazione.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(10/19)
Yacht russi nel Mediterraneo

I ricchi russi amano il Mediterraneo e i loro yacht solcano le acque di questo mare. È stato pubblicato che alcuni di questi yacht erano salpati alla ricerca di porti più sicuri, dove sanzioni o embarghi non li potessero colpire. El Periódico de Catalunya ha pubblicato che gli yacht di proprietà di milionari russi come Abramovich o Chemezov sono ancora attraccati nel porto di Barcellona.

 

Il rifugio spagnolo di Putin?
(11/19)
Da Cipro ad Altea

Tuttavia, prima di sbarcare ad Alicante, molti milionari russi avevano e continuano ad avere la loro piccola patria a Cipro. Lì i loro passaporti d'oro hanno permesso di ottenere la cittadinanza cipriota, attraverso un investimento di 2,5 milioni di dollari in immobili sull'isola.

 

Il rifugio spagnolo di Putin?
(12/19)
Passaporto d'oro

Con tale investimento, molti miliardari russi si sono stabiliti a Cipro per, da un lato, evitare le sanzioni internazionali e, dall'altro, per proteggere i propri beni dal governo russo, come rivelano i quasi 1.500 documenti dei 'Chipre Papers'

Foto: Unsplash - George Lemon

Il rifugio spagnolo di Putin?
(13/19)
Londongrad

Qualcosa di simile è accaduto a Londra quando vennero offerti i visti d'oro agli oligarchi russi più di dieci anni fa, per attirare capitali stranieri in aiuto del Paese nel mezzo di una crisi economica. Migliaia di russi hanno visto l'opportunità di stabilirsi nella capitale britannica e trasformarla in un punto di influenza economica e politica, oltre che in una meravigliosa zona di villeggiatura.

 

 

Il rifugio spagnolo di Putin?
(14/19)
Moscow-on-the-Thames

Già nel 2020, l'Office for National Statistics (ONS) stimava che la popolazione russa a Londra superasse le 73.000 persone. È così che gli oligarchi russi hanno creato la loro 'Londongrad' o 'Mosca-on-the-Thames', nel cuore della capitale britannica, e in zone esclusive come Chelsea o Belgravia.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(15/19)
Roman Abramovich, il volto visibile

Ovviamente, le grandi fortune russe a Londra, a poco a poco, hanno guadagnato influenza nella sfera politica, economica e sociale, con la permissività del governo britannico. E l'esempio più chiaro e pubblico di questa influenza è Roman Abramovich, presidente del Chelsea nella fase più dorata e vivace della sua storia.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(16/19)
La Siberia inospitale

Ma tornando a Vladimir Putin, oltre la soleggiata Altea o la piovosa Londra, il suo luogo di vacanza preferito, per tutto ciò che simboleggia e offre, è l'incomparabile Siberia.

Il rifugio spagnolo di Putin?
(17/19)
"Ha un legame spirituale!

Dmitri Peskov, portavoce del Cremlino, ha anche confessato al canale Rossiya 1 che Putin "ama questa regione, perché ha un legame spirituale alla Siberia".

Il rifugio spagnolo di Putin?
(18/19)
Gite in barca con le balene

E cosa ti offre la Siberia, al di là di infinite pianure? Lo stesso Peskov ha parlato di "escursione, forse pericolose, come il giro in barca con le balene in Kamchatka o il suo volo con le gru siberiane". Senza dubbio, un'esperienza impareggiabile.

 

Il rifugio spagnolo di Putin?
(19/19)
Disconnessione e poca copertura

Ma ciò che più attrae Putin in Siberia, «soprattutto se si tratta solo di pochi giorni», ha confessato Dmitri Peskov, è la capacità di disconnessione offerta dalle foreste, dove il presidente russo si isola dalla civiltà, anche senza comunicazione telefonica. Un vero lusso per il presidente di un Paese. Anche se ad Altea il sole splende molto di più e l'azzurro del Mediterraneo è favoloso.

 

Más para ti