I 50 anni di Zinedine Zidane: le foto di una vita di sforzi, delusioni.. e grandi vittorie

Il tesoro degli stadi
Gli inizi di Zizou
Avvistato dall'AS Cannes
Ulteriore allenamento
Arrivo a Cannes
Ingresso nel mondo del lavoro professionale
Coppa del mondo militare
'Troppo lento' per l'OM
Zizou
Coppa Uefa
Ingresso nella nazionale francese
Esordio bianconero
Il nuovo Platini
Una serie di successi alla Juve
Campione del mondo
Presidente Zizou
Trofei e onorificenze
Nasce un'icona
Campione d'Europa
2000: Real Madrid
2006: seconda Coppa del Mondo
L'incontro con Materazzi
Punizione
Fondation de France e Fondazione Danone
Ingresso al Real Madrid
Tre vittorie consecutive all'Europeo!
Ritorno al Real nel 2019
Il momento di gloria del club
Mancanza di fiducia da parte dei leader
Un club esigente
Un'icona dal futuro incerto
E adesso ?
Si può sempre sperare
Il tesoro degli stadi

Zidane compie 50 anni il 23 giugno 2022. Ed è un'ottima occasione per ripercorrere il percorso dell'uomo che ha vinto la sua prima Coppa del Mondo con la Francia. Se lo conosciamo per le sue imprese in Francia o nel Real Madrid, sappiamo meno della sua storia: dalla sua modesta infanzia al duro lavoro per raggiungere le vette. Torna nel suo viaggio.

Gli inizi di Zizou

Il più giovane della famiglia, Zinédine Zidane è nato il 23 giugno 1972 a Marsiglia, da genitori algerini della Cabilia. È cresciuto con i suoi tre fratelli e sua sorella nel cuore della città di Marsiglia, La Castellane, un quartiere disagiato. Fin da piccolo si è unito agli altri bambini del quartiere nella piazza principale per giocare a pallone. Dall'età di 9 anni ha indossato le scarpette per giocare per la squadra di calcio locale, l'AS Foresta, di cui, ovviamente, sarà il capitano.

Foto: bambini che indossano la maglia di Zidane, in Algeria.

Avvistato dall'AS Cannes

Zidane è un eccellente palleggiatore e padroneggia il gioco di testa. Nel 1986 viene selezionato come cadetto per il campionato della Lega Mediterranea. Lo stesso anno è stato convocato dal Centro Regionale per l'Educazione Popolare e lo Sport (CREPS) di Aix-en-Provence per un corso di tre giorni. Durante questo stage, viene notato da Jean Varraud, reclutatore dell'AS Cannes. Quest'ultimo tornerà a Saint-Raphaël nel 1987 con il direttore del centro di formazione di Cannes, Gilles Rampillon. Impressionato dal suo talento, gli offre un corso di formazione di una settimana.

Ulteriore allenamento

Dopo questo corso di una settimana, al giovane viene offerto di entrare nella formazione. Il padre di Zidane, che aveva già rifiutato che il fratello maggiore Smaïl passasse all'AS Saint-Étienne, questa volta accetta che Zinédine vada a Cannes. Ma a una condizione: deve essere ospitato da una famiglia.

Arrivo a Cannes

Dall'estate dello stesso anno, all'età di 15 anni, è a Cannes, con la famiglia Élineau, a Pégomas, che continua ad andare a trovare, anche una volta diventato famoso. Nel 1988 lascia la casa della sua famiglia ospitante per unirsi al Foyer des Jeunes Travailleurs de Provence con altri tirocinanti dell'AS Cannes. Allo stesso tempo, Zidane continua i suoi studi in CAP presso l'Apprentice Training Center.

Ingresso nel mondo del lavoro professionale

In campo il giovane si fa notare e avanza velocemente. All'età di 16 anni diventa professionista. Il 20 maggio 1989 esordisce in Prima Divisione affrontando l'FC Nantes, squadra che all'epoca conta, tra gli altri, su Marcel Desailly e Didier Deschamps, - con cui in seguito giocherà nella nazionale francese -. Segna un gol che garantisce il pareggio (1-1) alla squadra di Cannes e che gli farà guadagnare un aumento di stipendio.

Coppa del mondo militare

Tra giugno e dicembre 1991 ha svolto il servizio militare nel battaglione Joinville, dove ha preso parte ai Mondiali Militari. La Francia è arrivata quarta. Nel frattempo, il Cannes viene eliminato dalla Coppa dei Campioni e conclude il campionato al 19° posto, retrocedendo in serie B. Ma Zidane, che ha segnato 5 gol in 31 partite, si fa notare per il suo talento e viene corteggiato da diversi club.

'Troppo lento' per l'OM

Tra i club che lo notano, l'Olympique de Marseille, presieduto all'epoca da Bernard Tapie, mostra un vivo interesse per il giovane giocatore. Ma l'allenatore dell'epoca, Raymond Goethals, lo trovava "troppo lento". Rolland Courbis e Alain Afflelou, leader dei Girondins de Bordeaux arrivati per negoziare il trasferimento di Jean-François Daniel ed Éric Guérit, mostrano il loro interesse per lui. Nel 1992 Zinédine Zidane entra a far parte dei Girondins de Bordeaux per la somma di 3 milioni di franchi (460.000 €).

Zizou

È Rolland Courbis a dargli questo soprannome. Zizou fa amicizia con Christophe Dugarry e Bixente Lizarazu, con i quali forma il "triangolo di Bordeaux". La sua ascesa è fulminea. Nella sua prima stagione, Zidane segna 10 gol in 35 partite di campionato, il suo miglior punteggio a Bordeaux.

Coppa Uefa

Nonostante una stagione difficile, il Bordeaux ha raggiunto la finale di Coppa UEFA, grazie al suo talento. È da questo momento che Zidane diventa il beniamino dei Girondini. Allo stesso tempo, si specializza nei calci di punizione. Nonostante la sua squadra non vinca il campionato, finisce comunque al quarto posto.

Ingresso nella nazionale francese

Anche se il Bordeaux non ha vinto la Coppa UEFA, Zidane ha comunque ricevuto il titolo di miglior giocatore dall'UNFP (Unione Nazionale Calciatori Professionisti) nel 1994. Da quel momento in poi, si aprono per lui le porte della nazionale francese. Nella sua prima partita con la nazionale, ha segnato due gol contro la Repubblica Ceca.

Esordio bianconero

Tra il 1994 e il 1996 si è parlato delle sue gesta e di quelle di alcuni suoi compagni di squadra del Bordeaux. La Juventus recluta Zinédine Zidane per 35 milioni di franchi (5,3 milioni di euro). Zizou ora indossa il numero 21.

Il nuovo Platini

Viene subito paragonato a Michel Platini, anche lui ex militante della Juve. Supportato da Didier Deschamps, compagno della nazionale francese, ma anche dall'allenatore Marcello Lippi, si è adattato rapidamente al ritmo più sostenuto italiano.

Una serie di successi alla Juve

La sua prima stagione in Italia è costellata di vittorie. La squadra vince la Coppa Intercontinentale, la Supercoppa Europea e infine lo Scudetto. Allo stesso tempo, gioca ancora nella nazionale della Francia.

Campione del mondo

L'apice della sua carriera è segnato dalla Coppa del Mondo 1998 contro la leggendaria squadra del Brasile. Nella finale del 12 luglio 1998, Zinédine Zidane ha fatto la storia del calcio segnando due gol di testa su corner di Emmanuel Petit e poi di Youri Djorkaeff. Emmanuel Petit sigla il trionfo: la Francia è campione del mondo di calcio.

Presidente Zizou

La sera della vittoria, in Francia, le strade sono piene di gente, che canta “Et un, et deux, et trois-zéro”. L'Avenue des Champs-Élysées a Parigi è gremita e sull'Arco di Trionfo, quando viene proiettata la foto del giocatore, la folla grida "Presidente Zizou"!

Trofei e onorificenze

Come risultato di questa vittoria, trofei e premi piovono sul giocatore. In particolare riceve il Pallone d'Oro, poi è nominato membro della Legione d'Onore come gli altri membri della squadra. Nel dicembre 2006, il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika lo ha insignito della più alta onorificenza dell'Ordine al merito nazionale, il grado di "Athir".

Nasce un'icona

Da quel momento, Zinedine Zidane è su quasi tutti i cartelloni pubblicitari. Ha esordito con la gigantesca campagna pubblicitaria di Leader Price e il suo famoso slogan "Mi piace aiutarti a vincere". Grazie a lui il marchio è passato dal 23 al 74% di notorietà pubblica. Poi ha posato per Dior per i 2 milioni di franchi. I contratti pubblicitari sono moltissimi (Ford, Adidas, Danone, Orange, Grand Optical) e si stima che gli abbiano fatto guadagnare 3,5 milioni di euro ogni anno, almeno secondo il documentario "Zidane, una vita segreta".

Campione d'Europa

Nel 2000, sempre con la nazionale francese, Zinédine Zidane è stato incoronato campione europeo e miglior giocatore dell'evento. Lo stesso anno, il presidente del Real Madrid decide di costruire una squadra di star. Il suo trasferimento viene firmato per 75 milioni di euro: è la prima volta che si raggiunge una cifra del genere nella storia del calcio.

2000: Real Madrid

Zidane si trasferisce a Madrid. Nel 2002, Zizou segna il secondo gol in Champions League contro il Bayer Leverkusen (Germania), portando il club alla vittoria. Le vittorie si susseguono: in particolare la Supercoppa di Spagna nel 2001 e nel 2003. Ma nel 2004 la Francia perde nei quarti di finale contro la Grecia, campione d'Europa. Il giocatore annuncia di volersi ritirare dal calcio internazionale.

2006: seconda Coppa del Mondo

Tuttavia, senza Patrick Vieira, Bixente Lizarazu e Marcel Desailly, i Blues faticano a qualificarsi per la Coppa del Mondo del 2006. Raymond Domenech chiede quindi a Zinédine Zidane di riconsiderare la sua decisione. Accetta e annuncia che si ritirerà dopo questo Mondiale. Come capitano della squadra, elimina il Brasile agli ottavi, la Spagna ai quarti di finale e il Portogallo in semifinale. La finale vede la Francia contro l'Italia.

L'incontro con Materazzi

Durante la partita, la Francia ha grandi possibilità di vincere lo scudetto. È anche Zinédine Zidane a segnare il vantaggio con un rigore. Sarà l'ultimo della sua carriera e il terzo in due finali di Coppa del Mondo.

Punizione

Ma al 110' è stato espulso dall'arbitro dopo aver colpito l'italiano Marco Materazzi con un calcio di testa al petto. Materazzi lo aveva strattonato, tirandogli la maglia. Zidane risponde: "Se davvero vuoi la mia maglia, te la regalo a fine partita". Materazzi lo insulta, Zidane lo colpisce. La Francia perde ai rigori. Sarà l'ultima occasione di Zinedine Zidane da calciatore.

Fondation de France e Fondazione Danone

A seguito di questo avvenimento e del conseguente scandalo, l'ex campione del mondo si ritira dalla scena mediatica. Recupera la sua buona immagine mobilitandosi per la Fondation de France e poi per la Fondazione Danone.

Ingresso al Real Madrid

Nel 2009 ha fatto il suo grande ritorno, ma solo dietro le quinte. È entrato a far parte della dirigenza del Real Madrid, come consigliere prima e come direttore sportivo poi. Cinque anni dopo, è diventato allenatore del Real Madrid Castilla.

Tre vittorie consecutive all'Europeo!

Zizou ha vinto tre Champions League con la sua squadra. È il primo allenatore nella storia della competizione, - creata nel 1955 - a vincere tre volte consecutivamente il trofeo (2016, 2017, 2018). Ma nel 2018 ha annunciato di lasciare il club, tra lo stupore di tutti. Diceva che la squadra avesse bisogno di un cambiamento.

Ritorno al Real nel 2019

Per nove mesi, la squadra è in una situazione critica. Così, il presidente Florentino Perez decide di sostituire l'allenatore Santiago Solari e chiede a Zinedine Zidane di tornare. Accetta e torna in panchina nel 2019.

Il momento di gloria del club

Il suo nuovo contratto durerà fino al 2022 e la sua missione è far sì che il Real torni ad essere una squadra competitiva. Con lui, il club ha vinto il suo 34esimo titolo di campionato spagnolo, durante la stagione 2019-2020, poi la sua 11a Supercoppa di Spagna.

Mancanza di fiducia da parte dei leader

Il club viene eliminato in semifinale di Champions League 2020-2021 dal Chelsea. Poi, l'Atlético Madrid vince il titolo spagnolo. Zinédine Zidane annuncia la sua decisione di lasciare il suo incarico il 27 maggio 2021.

Un club esigente

Spiega questa decisione in una lettera aperta: “Conosco il calcio e conosco i requisiti di un club come il Real. So che quando non vinci, devi andartene. Ma (…) tutto quello che ho costruito quotidianamente, quello che ho portato al rapporto con i giocatori (…) è stato dimenticato”. In tutto ha diretto 263 partite: un record.

Un'icona dal futuro incerto

Zizou resta comunque uno degli allenatori con più vittorie e riconoscimenti al Real Madrid. Una vera icona del calcio! Per il futuro si parla di PSG, si parla di Coppa del Mondo e si parla anche di grandi club. Ma per il momento nulla è stato deciso e il suo futuro resta incerto.

E adesso ?

Zinédine Zidane non ha fretta, per il momento. Secondo France Football, Inghilterra o Spagna possono essere due strade da considerare. E se molti francesi sognano di vederlo alla guida della nazionale francese, questa opzione non sembra al momento possibile. Il contratto dell'allenatore Didier Deschamps, infatti, scade dopo il prossimo Mondiale.

Si può sempre sperare

Alcune indiscrezioni suggeriscono il suo arrivo dopo il mondiale in Qatar nell'autunno del 2022. Vedremo poi quale proposta soddisferà un campione e un'icona del calcio di questa portata! E, intanto, Zizou continua a divertirsi, al fianco di colei che lo ha sempre sostenuto, sua moglie Véronique.

 

Más para ti