Gli scandali e gli agghiaccianti delitti che hanno fatto tremare Hollywood

Cronaca nera a Hollywood
Fatty Arbuckle, da re del cinema muto a nulla
Errol Flynn o il grande festaiolo
Chi ha ucciso Marilyn Monroe?
L'auto distrutta su cui viaggiava Jayne Mansfield
Sharon Tate e Roman Polanski, tragedia di un matrimonio
Cinque uccisi a Cielo Drive
Un crimine agghiacciante
Perché Charles Manson ha ucciso?
Le ragazze Manson
La lunga caduta di Roman Polanski
L'incidente mortale di Matthew Broderick e Jennifer Grey
Drew Barrymore, troppo presto star
La maledizione del Poltergeist
La tragedia di Christian Brando
Quando Brandon Lee morì durante le riprese
L'arresto di Hugh Grant
Selena, la star tex-mex uccisa dal presidente del suo fan club
Megan Fox contro Michael Bay
Heidi Fleiss, la cosiddetta 'Madame di Hollywood'
Mel Gibson e il suo passato maschilista, razzista e omofobo
L'omicidio di Lana Clarkson
Come è morta Brittany Murphy?
David Carradine e la sua strana morte
Uno scandalo chiamato Charlie Sheen
Gli scandali di Woody Allen
Harvey Weinstein, il mostro di Hollywood
Cronaca nera a Hollywood

La storia di Hollywood è costellata di episodi noir, scandali e delitti che, nonostante il passare degli anni, continuano a far rizzare i capelli. Ecco qui alcuni di loro.

(Nella foto, Patricia Krenwinkle, Leslie Van Houten e Susan Atkins, membri della cosiddetta 'Famiglia Manson' e accusati dell'omicidio di Sharon Tate nel 1969).

Fatty Arbuckle, da re del cinema muto a nulla

Roscoe 'Fatty' Arbuckle è stato uno dei grandi del cinema muto, un brillante comico prima di nomi come Charles Chaplin o Buster Keaton. Ma la sua passione sfrenata per gli eccessi ha rovinato la sua carriera. Nella notte tra il 5 e il 6 settembre 1921 si rinchiuse al Saint Francis Hotel di San Francisco con Virginia Rappe e, la mattina dopo, questa giovane aspirante attrice apparve coperta di sangue. La stampa parlò di pratiche aberranti che avevano portato a tale morte, ma i medici legali hanno considerato la morte accidentale, per l'elevata assunzione di alcol. Fatty Arbuckle fu, in ogni caso, ostracizzato dopo questo scandalo e morì all'età di 46 anni.

Errol Flynn o il grande festaiolo

Morì all'età di 50 anni e si dice che quando il medico legale esaminò il suo corpo senza vita, assicurò di non poter spiegare come quel ragazzo fosse sopravvissuto così a lungo. Bevitore di vodka in grandi quantità, fumatore compulsivo e capace (come scrisse lo stesso Truman Capote) di suonare il piano con il suo membro virile alle folli feste di Hollywood.

Chi ha ucciso Marilyn Monroe?

È un'immagine iconica ed eterna di Hollywood. Le è stata attribuita una relazione con lo stesso presidente Kennedy e la sua tragica fine (morì il 5 agosto 1962 per un'overdose di barbiturici) ha innescato numerose teorie del complotto. Si è tolta la vita, è stato un incidente o è stata eliminata dai servizi segreti a causa del suo imbarazzante rapporto con Kennedy?

L'auto distrutta su cui viaggiava Jayne Mansfield

Jayne Mansfield era una star di Hollywood che ha cercato di ricoprire la posizione di Marilyn Monroe, ma senza successo. Era famosa, ma la leggenda della sua morte l'ha resa leggendaria: si dice che sia finita decapitata quando l'auto su cui viaggiava si è schiantata. Non era vero, ma alcune foto diffuse dalla stampa scandalistica in cui si vedeva la sua parrucca bionda sull'asfalto hanno creato la confusione. L'insaziabile stampa scandalistica di Hollywood.

Sharon Tate e Roman Polanski, tragedia di un matrimonio

L'attrice e il regista sono stati i protagonisti di uno degli episodi più macabri di Hollywood. L'omicidio di Sharon Tate (che ha ispirato il film di Quentin Tarantino "C'era una volta... a Hollywood") ha segnato la fine dell'innocenza dell'era hippy. E poi ci sarebbe la discesa all'inferno di Roman Polanski.

Cinque uccisi a Cielo Drive

Una strana setta di ispirazione hippy chiamata The Manson Family ha fatto irruzione nella villa di Sharon Tate a Cielo Drive a Los Angeles e ha ucciso le cinque persone che si trovavano lì per la notte. Con il sangue di Sharon Tate hanno dipinto la scritta PIG su una porta.

Un crimine agghiacciante

Accadde l'8 agosto 1969 e solo un giorno dopo Charles Manson (capo della setta) e i suoi seguaci uccisero Leno LaBianca e sua moglie dopo essere entrati nella loro casa. Sette corpi in 48 ore.

Perché Charles Manson ha ucciso?

Charles Manson decise di inviare i suoi seguaci ad uccidere "nel modo più crudele possibile" perché (secondo quanto raccontava ai suoi seguaci) era arrivata "l'ora di Helker Stelter", una oscura chiave apocalittica di un linguaggio inventato basato sulle canzoni dei Beatles. A Charles Manson sarebbe piaciuto diventare una pop star e aveva fallito, ma era comunque  riuscito ad attirare una manciata di fan (e, soprattutto, fan donne) che avrebbero fatto qualsiasi cosa per lui.

Le ragazze Manson

Una delle immagini più sconvolgenti del processo alla famiglia Manson (concluso con l'ergastolo praticamente per l'intera setta) è stata quella delle giovani appartenenti al gruppo omicida che ridevano e cantavano davanti alla stampa, come se nulla fosse.

La lunga caduta di Roman Polanski

Il regista Roman Polanski, marito di Sharon Tate, è stato poi travolto da un'oscura spirale di s e s s o e dipendenze. Nel 1977 fu accusato di aver commesso abusi su una ragazza di 13 anni e fuggì dagli Stati Uniti. Quel conto in sospeso con la giustizia è stato chiuso e aperto varie volte nel corso degli anni. Nell'immagine, Polanksi è accompagnato dal fondatore di Playboy Hugh Hefner.

L'incidente mortale di Matthew Broderick e Jennifer Grey

Erano due giovani star di Hollywood (lei una vincitrice per 'Dirty Dancing') e si innamorarono. Ma durante la loro relazione hanno vissuto un momento oscuro e brutale: l'auto su cui viaggiavano si è scontrata frontalmente con un altro veicolo. Matthew Brodercik e Jennifer Grey sono rimasti feriti, ma le due donne nel veicolo opposto sono rimaste uccise. È successo in Irlanda nel 1987 ed è stato considerato un incidente senza colpa.

Drew Barrymore, troppo presto star

Drew Barrymore (discendente di una delle saghe di interpreti più rispettate di Hollywood) è diventata una star all'età di sei anni quando ha recitato in 'ET'. Per lei è successo tutto così in fretta che all'età di 13 anni era già una consumatrice abituale di varie sostanze illegali. A 14 anni decise di entrare in un centro di disintossicazione e da lì, la resurrezione.

La maledizione del Poltergeist

Si parla di una maledizione che colpirebbe il film 'Poltergeist' perché la piccola protagonista, la giovane attrice Heather O'Rourke, è morta all'età di 12 anni a causa di un'ostruzione intestinale (causa estremamente insolita) mentre un'altra attrice nel cast, Dominique Dunne, è stata uccisa dal suo ex fidanzato nel 1982. E poi ci sono i presunti fenomeni paranormali vissuti durante le riprese delle diverse parti della saga.

La tragedia di Christian Brando

Nel 1990, il figlio di Marlon Brando sparò e uccise Dag Drollet, il fidanzato di Cheyenne, anche lei figlia di Marlon Brando, ma di madre diversa. Si è dichiarato colpevole di omicidio colposo e ha scontato quattro anni di carcere. Ha tentato più volte il suicidio, durante il processo e dopo essere uscito di prigione. È morto all'età di 49 anni.

Quando Brandon Lee morì durante le riprese

Figlio di Bruce Lee, la sua carriera fu breve. Durante le riprese di "Il corvo", agli ordini di Alex Proyas, è morto per diversi colpi che dovevano essere a salve, ma Brandon Lee non si è più alzato. Non stava recitando, ma era stato colpito a morte. Morirà poi all'ospedale di Wilmington nella Carolina del Nord. Era il 1993 e Brandon Lee aveva 28 anni.

L'arresto di Hugh Grant

Durante un soggiorno a Los Angeles, nel lontano 1995, l'inglese Hugh Grant fu arrestato quando la polizia lo sorprese in macchina con la prostituta Divine Brown. La stampa pubblicò un rapporto con tutti i dettagli del sordido episodio e Hugh Grant, che si stava preparando a presentare in anteprima la sua commedia romantica "Nine Months - Imprevisti d'amore", ha dovuto intraprendere un tour televisivo per scusarsi e assicurare di essere molto dispiaciuto per i fatti. Lo scandalo non ha avuto conseguenze sull'attore britannico, che continua a lavorare senza sosta ancora oggi.

Selena, la star tex-mex uccisa dal presidente del suo fan club

Selena divenne rapidamente una star della musica popolare latina negli Stati Uniti, ma all'età di 23 anni perse la vita, uccisa dalla presidentessa del suo fan club. L'assassina di Selena si chiamava Yolanda Saldívar ed entrambi avevano affari in comune, ma Selena l'ha licenziata quando ha scoperto numerose irregolarità. Selena era in un momento brillante della sua carriera e stava pianificando il suo passaggio a Hollywood. Poco prima di morire, aveva fatto un cameo in 'Don Juan De Marco - Maestro d'amore', il film interpretato da Johnny Depp e Marlon Brando.

Megan Fox contro Michael Bay

Michael Bay è un regista noto per essere prepotente, una fama che è diventata pubblica quando Mega Fox ha annunciato che avrebbe lasciato "Transformers" e che non avrebbe mai più girato con Michael Bay perché era proprio come Hitler.

Heidi Fleiss, la cosiddetta 'Madame di Hollywood'

Quando Heidi Fleiss fu arrestata e processata nel 1997, molti uomini a Beverly Hills trattennero il fiato. Era chiamata la Madame di Hollywood ed era accusata di controllare la prostituzione di lusso nell'industria cinematografica. Chi erano i suoi clienti? I media segnalarono, suggerirono e alimentarono lo scandalo fino ad arrivare alla condanna a 37 mesi di reclusione (di cui ne ha scontati 21), ma pochi nomi sono venuti alla luce. È stato indicato Charlie Sheen, cosa che non ha sorpreso nessuno e non ha infastidito molto l'attore. Nella foto, Heidi Fleiss con un Tom Sizemore molto affettuoso.

Mel Gibson e il suo passato maschilista, razzista e omofobo

L'innegabile talento di Mel Gibson come attore e regista ha un punto debole: la sua lunga storia di azioni e dichiarazioni sessiste, razziste e omofobe. È stato condannato per maltrattamenti verso una sua partner, ha gridato in stato di ebbrezza che "gli ebrei sono colpevoli di tutte le guerre", ha assicurato che nessuno poteva confonderlo con un gay, ha minacciato di uccidere un critico, ha sputato addosso ad un giornalista israeliano, ha distrutto la casa dello sceneggiatore Joe Eszthernas perché non gli piaceva come stava andando il progetto che avevano iniziato insieme... Chi dà di più?

L'omicidio di Lana Clarkson

L'attrice è morta nel 2003 per un colpo di pistola, mentre si trovava nella villa di Phil Spector, produttore musicale di star come The Beatles, The Ronettes o Leonard Cohen. La difesa di Phil Spector ha sostenuto sia che si trattava di uno sparo accidentale sia che si trattava di suicidio e in un primo processo la giuria non è stata in grado di raggiungere un verdetto. Il processo è stato ripetuto e Phil Spector è stato condannato a 18 anni di carcere.

Come è morta Brittany Murphy?

20 dicembre 2009. Una chiamata al pronto soccorso lancia l'allarme: Brittany Murphy è caduta a terra nel bagno di casa sua. Viene portata in ospedale e lì muore. Aveva 32 anni e la causa della sua morte rimane enigmatica. Una "morte naturale", ha assicurato una prima autopsia. Per una donna di 32 anni? Poi è stata decretata la polmonite, ma anche in questo caso le speculazioni sono state molte. Cinque mesi dopo, il vedovo di Brittany Murphy morì nella stessa casa, dove un rapporto ha rilevato un tipo di fungo che avrebbe potuto essere la causa della polmonite mortale di marito e moglie. Nel 2011 un nuovo rapporto parlava di "avvelenamento da metalli".

David Carradine e la sua strana morte

Quello che era Kung Fu e un superlativo cattivo in "Kill Bill" è morto a Bangkok il 3 giugno 2009. Aveva 72 anni. Secondo l'autopsia, la causa della morte è stata "l'asfissia autoerotica fatale".

Uno scandalo chiamato Charlie Sheen

Charlie Sheen è di per sé uno scandalo e ha condotto una vita di eccessi che non si è nemmeno degnato di nascondere: dalla distruzione di stanze d'albergo in baldorie monumentali agli incontri con prostitute, passando per il consumo di varie sostanze, la dipendenza da alcol ecc.. Tutto ciò lo ha portato ad essere licenziato  da "Due uomini e mezzo". Nel 2018 ha dichiarato di essere sieropositivo.

Gli scandali di Woody Allen

Quando Woody Allen ha reso pubblica la sua relazione con Soon-Yi (lui aveva 55 anni, lei 19 ed era la figlia adottiva di Mia Farrow, compagna per anni del regista di 'Manhattan') lo scandalo è stato enorme. Ma tutto divenne presto più oscuro: emerse l'accusa che Woody Allen avesse abusato di Dylan Farrow quando aveva 7 anni. La questione è stata archiviata giudizialmente ma è riemersa ai tempi di #MeToo ed è diventata un fardello doloroso.

Harvey Weinstein, il mostro di Hollywood

La lunga tradizione hollywoodiana di produttori tirannici e stalker di attrici si riassume (e si spera finisca) in Harvey Weinstein, il re Mida che #MeToo è riuscito a sconfiggere. Accusato di abusi e descritto come un predatore senza scrupoli da un buon numero di donne, la sua caduta è stata l'ultimo grande scandalo dell'industria cinematografica americana. Secondo la stampa americana, ha speso 44 milioni di dollari per raggiungere accordi stragiudiziali che avrebbero evitato diverse cause legali.

Más para ti