75 anni di audacia
Una falsa partenza
La prima Palma d'Oro
L'avventura
Lo scandalo Buñuel
Un film indigeribile
Un errore sul nome di Douglas
Falsa gioia per David Bowie
Lo sciopero dei fotografi
Il metodo Polanski
Un cambio di regole
La dieta rigida di Isabelle Adjani
Giochi divertenti
Lo spettacolo Benigni
Il cane delle palme
Antichrist
Quando Lars van Trier lo fa di nuovo
La controversia Kechiche
Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(1/18)
75 anni di audacia

Il Festival di Cannes ha aperto i battenti e nell'attesa di conoscere il fortunato vincitore della Palma d'Oro, scopri con noi i fatti insoliti, gli aneddoti e gli scandali che hanno segnato la storia del Festival.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(2/18)
Una falsa partenza

La prima edizione del Festival doveva svolgersi prima della guerra, nel 1939, con Louis Lumière come presidente.  L'attenzione generale in quel momento, però, era monopolizzata dall'invasione della Polonia da parte della Germania nazista e i festeggiamenti furono presto cancellati.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(3/18)
La prima Palma d'Oro

Nel 1955, nove anni dopo la prima vera edizione del Festival, la prima Palma d'oro viene assegnata a Delbert Mann per il film "Marty, vita di un timido". Il primo di una lunga e gloriosa serie!

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(4/18)
L'avventura

Nell'edizione del 1960 il film "L'Avventura" di Michelangelo Antonioni fece scandalo per la sua lentezza, che provocò fischi e sogghigni durante la proiezione. Nei giorni successivi il film è stato oggetto di intense polemiche tra un pubblico estremamente diviso.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(5/18)
Lo scandalo Buñuel

L'anno successivo fu “Viridiana” di Luis Buñuel, proiettato l'ultimo giorno del festival, a suscitare scandalo con le sue scene provocatorie che puntavano il dito contro l'ipocrisia religiosa. Criticato dal Vaticano, il film è stato censurato nella Spagna franchista.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(6/18)
Un film indigeribile

Nel 1973 fu "La grande abbuffata" di Marco Ferreri, con un prestigioso cast franco-italiano, a suscitare scandalo. Questa storia di quattro uomini che decidono di porre fine alla loro vita per un'overdose di cibo riceve un'accoglienza burrascosa, alcuni parlano addirittura di uno spettacolo "disgustoso".

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(7/18)
Un errore sul nome di Douglas

Al Festival del 1980, il regista danese Douglas Sirk doveva presiedere la giuria. Ma a causa di un errore di un assistente ovviamente alle prime armi, è stato l'attore americano Kirk Douglas a essere chiamato e ad accettare il lavoro.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(8/18)
Falsa gioia per David Bowie

Tre anni dopo, prima della cerimonia di premiazione, si era diffusa la voce che fosse il film giapponese "Furyo", con David Bowie, ad aver vinto la Palma d'Oro. Ma alla fine il vincitore era un altro film giapponese: "La ballata di Narayama"...

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(9/18)
Lo sciopero dei fotografi

Sempre nel 1983, Isabelle Adjani si rifiuta di presentarsi al servizio fotografico con la troupe di "L'estate a * *assina". Per vendetta, i fotografi del festival si rifiutano di fotografare l'attrice, appoggiando la macchina fotografica a terra quando saliva le scale.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(10/18)
Il metodo Polanski

Presidente del Festival nel 1991, Roman Polanski non dava il suo nulla osta a nessun film che gli veniva presentato, ad eccezione di “Barton Fink - È successo a Hollywood” dei fratelli Coen, film realizzato in omaggio al suo lavoro. Per fargli vincere la Palma d'Oro, Polanski moltiplica le infrazioni alle regole e sconvolge il voto, prima di tornare ad essere inflessibile una volta raggiunto il suo scopo.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(11/18)
Un cambio di regole

Dopo l'esperienza con "Barton Fink - È successo a Hollywood" di quell'anno che vinse tutto (Palma d'Oro, Premio alla regia e Premio al miglior attore per John Turturro), le regole per l'assegnazione dei premi sono state inasprite. Da tale data, nessun film può ricevere più di un premio.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(12/18)
La dieta rigida di Isabelle Adjani

Nel 1997, in occasione dell'edizione del cinquantesimo anniversario, la giuria è stata presieduta da Isabelle Adjani che ha imposto il suo rigido regime agli altri membri, obbligati a mangiare alla sua stessa tavola. In menu per Tim Burton e gli altri giurati: ravanelli, peperoni e… proteine sintetiche!

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(13/18)
Giochi divertenti

Lo stesso anno, "Funny Games" di Michael Haneke ha provocato un'intensa emozione a Cannes. Un film sulla violenza, con alcune scene considerate insopportabili dagli spettatori del festival.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(14/18)
Lo spettacolo Benigni

Nel 1998 Roberto Benigni ha vinto il Grand Prix du Festival per "La vita è bella". L'attore italiano coglie l'occasione per rendere un omaggio speciale a Martin Scorsese, gettandosi in ginocchio davanti a un pubblico divertito e prostrandosi ai suoi piedi.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(15/18)
Il cane delle palme

Dal 2001 il Palme Dog premia le migliori esibizioni canine nei film ufficialmente in concorso. Non c'è motivo per cui le ricompense siano tutte per gli umani!

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(16/18)
Antichrist

Nel 2009 il regista danese Lars van Trier ha fatto scalpore sulla Croisette con “Antichrist”, in cui Charlotte Gainsbourg e Willem Dafoe interpretano una coppia tormentata dagli impulsi più violenti e distruttivi. Una pietra miliare nella storia del festival.

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(17/18)
Quando Lars van Trier lo fa di nuovo

Due anni dopo, mentre presentava il suo nuovo film “Melancholia” con Charlotte Gainsbourg e Kirsten Dunst, van Trier fu espulso dal Festival dopo aver espresso la sua simpatia per… Adolf Hitler!

Cinema
Festival di Cannes: gli 'scandali' delle passate edizioni
(18/18)
La controversia Kechiche

Nel 2019, a pochi anni dal trionfo di "La Vita di Adele", viene proiettato in tarda serata "Mektoub, My love: Canto Uno" di Abdelatif Kechiche. Questo film si svolge in una discoteca e molte scene sono considerate voyeuristiche. L'attrice principale, Ophélie Bau, che vede il film in questo momento, lascia la proiezione prima della fine.

Más para ti