Perché non ci sono tante pittrici nei libri di testo di storia dell'arte?
Dove sono le donne?
Associazione La Roldana
Associazioni simili
Promuovere l'arte femminile
Le donne ignorate
Sabina Von Steinbach (XIII secolo)
Sofonisba Anguissola (1532–1625)
Artemisia Gentileschi (1593-1653)
Catharina Van Hemessen (1527/8-1566)
Lavinia Fontana (1552-1614)
Judith Leyster (1609-1660)
Luisa Roldán
Rosa Bonheur (1822-1899)
Paula Modersohn-Becker (1876-1907)
Camille Claudel (1864-1943)
Maria Blanchard (1881-1932)
Sabina Lepsius (1864 - 1942)
Kathe Kollwitz (1867-1945)
Frida Kahlo (1907 - 1954)
Marina Abramovic (1946)
E molte altre...
E le grandi donne compositrici, le scrittrici, le scienziate?
Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(1/23)
Perché non ci sono tante pittrici nei libri di testo di storia dell'arte?

Potrai guardare e riguardare il tuo libro di storia dell'arte, ma sarà difficile che troverai molte donne pittrici. Sono tutti "grandi uomini" come Michelangelo, Picasso, Vincent Van Gogh, Velázquez... Eppure pittrici ci sono sempre state, e di enorme talento! Ad esempio, l'autrice del dipinto in questa immagine. Il quadro si intitola "L'aratro" ed è stato dipinto dall'artista francese Rosa Bonheur nel 1844.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(2/23)
Dove sono le donne?

Linda Nochlin era una storica dell'arte americana che ha gettato le basi della storiografia dell'arte femminista quando ha pubblicato il suo saggio "Where are the Great Women Artists?" nel 1971.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(3/23)
Associazione La Roldana

L'associazione La Roldana, nata in Spagna sotto forma di piattaforma, chiede di rendere visibile la presenza femminile nella storia dell'arte: "Riteniamo che il modo migliore per realizzare un discorso unitario sia cambiare radicalmente il messaggio che arriva a coloro che sono la base della società: i giovani. Se agli studenti viene insegnato che uomini e donne hanno creato insieme, non dovranno ricostruire la storia più tardi, aggiungendo tutte queste donne che nessuno ha spiegato loro".

Immagine: www.laroldanaplataforma.com

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(4/23)
Associazioni simili

In giro per il mondo ci sono molte altre associazioni che si battono per il riconoscimento delle donne pittrici nei libri di storia. Nella foto: il Museo Paula Modersohn-Becker in Germania.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(5/23)
Promuovere l'arte femminile

Questa è anche l'idea del sito "AWARE: Archives of Women Artists, Research and Exhibitions", che cerca di rendere visibile l'arte femminile e di "riscrivere la storia dell'arte in modo paritario". Per l'ideatrice dell'associazione, Camille Morineau, curatrice del patrimonio e storica dell'arte specializzata in artiste, "è giunto il momento di mettere le artiste sullo stesso piano delle loro controparti maschili e di far conoscere le loro opere".

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(6/23)
Le donne ignorate

Sonia García, membro dell'associazione La Roldana e illustratrice, ha parlato con Showbizz Daily/Zeleb e ci ha raccontato come, quando studiava storia dell'arte, la infastidiva vedere che le donne venivano ignorate e che questo succeda ancora oggi. La Roldana ha stilato un elenco di donne artiste da tutelare e che, in molti casi, sono state abbandonate ad un doloroso oblio.

Immagine: Instagram / Illustrazione di @soniagarcita

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(7/23)
Sabina Von Steinbach (XIII secolo)

Sabina Von Steinbach è considerata la prima scultrice donna. La sua esistenza non è confermata, ma è menzionata per la prima volta nel 1617 da Schadaeus, uno storico che afferma che la cattedrale di Strasburgo fu costruita dall'architetto Erwin Von Steinbach e da sua figlia Sabina.

Immagine: laroldanaplataforma.com / Illustrazione di @cromatica_edu

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(8/23)
Sofonisba Anguissola (1532–1625)

Nata nel 1532 circa a Cremona, la pittrice Sofonisba Anguissola è oggi considerata una dei pionieri del Rinascimento italiano, le cui opere sono nelle collezioni di tutto il mondo. Michelangelo vide il suo talento e le fece da mentore. È una delle rare donne dell'epoca in grado di guadagnarsi da vivere come pittrice. Ha poi lavorato alla corte del re Filippo II di Spagna.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(9/23)
Artemisia Gentileschi (1593-1653)

Artemisia Gentileschi è una delle figure femminili più importanti della storia dell'arte. Si è affermata come pittrice professionista contro tutte le convenzioni del barocco italiano.

Immagine: laroldanaplataforma.com / Illustrazione di @mj_mora97

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(10/23)
Catharina Van Hemessen (1527/8-1566)

Catarina van Hemessen era una ritrattista fiamminga del Rinascimento che lavorò ad Anversa. Oltre ai ritratti, dipinse anche quadri religiosi. Nel 1567 viene menzionata in un libro sui Paesi Bassi come una famosa pittrice. Maria d'Ungheria era la sua mecenate.

Immagine: laroldanaplataforma.com / Illustrazione di @cromatica_edu

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(11/23)
Lavinia Fontana (1552-1614)

Lavinia Fontana è stata una pittrice italiana del periodo manierista. È particolarmente nota per i suoi ritratti e per le rappresentazioni storiche, nonché per i suoi quadri religiosi.

Immagine: Instagram / Illustrazione di @soniagarcita.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(12/23)
Judith Leyster (1609-1660)

Judith Leyster è stata una pittrice olandese del XVII secolo. È considerata uno dei pochi pittori dell'età dell'oro il cui lavoro è sopravvissuto fino ai giorni nostri. Le sue opere appartengono al periodo barocco. L'immagine è un suo autoritratto.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(13/23)
Luisa Roldán "La Roldana" (1652 -1706)
Luisa Roldán, conosciuta anche come La Roldana, visse dal 1652 al 1706. Nel 1692 fu nominata scultrice da camera dei re Carlo II e Filippo V, diventando la prima donna a ricoprire questa posizione in Spagna. Morì purtroppo il giorno in cui l'Accademia di San Luca di Roma la nominò Accademica al Merito.
Immagine: laroldanaplataforma.com / Illustrazione di @nuwand.art
Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(14/23)
Rosa Bonheur (1822-1899)

Rosa Bonheur, nata a Bordeaux, è stata una pittrice francese famosa per i suoi dipinti di animali. Era anche una scultrice e una pittrice naturalista o realista. Bonheur era considerata la pittrice femminile più famosa del XIX secolo.

Immagine: Wikimedia, André Adolphe-Eugène Disdéri - (Rosa Bonheur) - Google Art Project

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(15/23)
Paula Modersohn-Becker (1876-1907)

Questo autoritratto rappresenta la pittrice Paula Modersohn-Becker. È stata una pioniera dell'espressionismo e la prima artista al mondo ad avere un intero museo a lei dedicato. Il Museo Paula Modersohn-Becker di Brema la commemora dal 1927.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(16/23)
Camille Claudel (1864-1943)
Camille Claudel non è stata solo l'unica donna a lavorare nello studio del famoso scultore Auguste Rodin, ma anche la sua amante per molti anni. La scultrice francese cadde nell'oblio finché gli storici dell'arte non riconobbero l'importanza del suo lavoro.
Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(17/23)
Maria Blanchard (1881-1932)
Maria Blanchard, nata a Santander, è stata discriminata, tra l'altro, perché soffriva di cifoscoliosi, condizione che la rendeva nana e la faceva zoppicare. È una grande artista cubista e d'avanguardia.
Immagine: Instagram / Illustrazione di @soniagarcita
Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(18/23)
Sabina Lepsius (1864 - 1942)

Sabine Lepsius è stata una ritrattista tedesca. Ha vissuto e lavorato a Berlino e Monaco. Fu invitata alle mostre della VdBK (Association of Women Artists in Berlin) nel 1898, 1901 e 1930. Il materiale è negli archivi dell'associazione.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(19/23)
Kathe Kollwitz (1867-1945)

Alla Grande Esposizione d'Arte di Berlino del 1898, Käthe Kollwitz riesce a mostrare le sue incisioni, in cui i poveri tessitori lottano contro il loro sfruttamento. La sua opera più nota è conosciuta come la "Rivolta dei Tessitori".

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(20/23)
Frida Kahlo (1907 - 1954)

Frida Kahlo, la famosa pittrice e artista messicana, è nata a Città del Messico, figlia di un pittore messicano e di un fotografo tedesco. La prima mostra personale di Frida Kahlo si tenne alla Julien Levy Gallery di New York nel 1938. Il riconoscimento di Kahlo come pittore crebbe gradualmente. Ha ricevuto un posto di insegnante presso l'Escuela de Arte La Esmeralda nel 1943. Insieme al marito Diego, ha lavorato in questa scuola per dieci anni.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(21/23)
Marina Abramovic (1946)

Marina Abramović (nata nel 1946 in Serbia) è considerata una pioniera nell'uso della performance art come forma di arte visiva.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(22/23)
E molte altre...

Oltre a queste grandi pittrici e artiste, ce ne furono molte altre che nel tempo furono ignorate e dimenticate, e in gran parte sconfessate, come Dora Hitz (1856-1924), Ida Gerhardi (1862-1927), Elena Luksch-Makowskaja (1878-1967). ) e Julie de Boor (1884-1932).

Immagine: il dipinto di Dora Hitz "Ragazza nel campo di papaveri", 1891.

Grandi pittrici dimenticate dalla storia: un'ingiustizia da riparare
(23/23)
E le grandi donne compositrici, le scrittrici, le scienziate?

Ma ci sono state anche grandi compositrici, scrittrici, scienziate, ecc. C'è ancora molta strada da fare per cambiare le cose e mettere le donne di talento al loro giusto posto d'onore.

Nella foto: Clara Schumann, pianista e compositrice tedesca (1819 -1896).

Más para ti