Il ritorno del terrore nucleare
Nozioni di base nei manuali di sopravvivenza
Il caldo può ucciderci
Acqua abbondante contro le radiazioni
Elimina gli indumenti che sono stati in contatto con l'onda radioattiva
Un rifugio antiatomico
Il rifugio antiatomico familiare
Come ottenere forniture?
Attenti all'acqua
Dispositivi elettronici disabilitati
Ricaduta radioattiva
15 minuti dopo l'esplosione
Cibo, bevande... e alcuni medicinali molto specifici
Ioduro di potassio
Sintomi di contaminazione radioattiva
Trova un posto sicuro e aspetta
Due settimane non bastano perché si riduca la radioattività
Dare una possibilità alla pace
Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(1/18)
Il ritorno del terrore nucleare

Con la guerra in Ucraina, la minaccia nucleare e le vecchie ansie sono tornate con rinnovato vigore. E la terrificante possibilità di un attacco atomico solleva una domanda ovvia: come si sopravvive? I manuali della Guerra Fredda, quando gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica sembravano sempre sul punto di distruggersi a vicenda, ce lo spiegano. Vediamo quali sono stati i loro consigli...

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(2/18)
Nozioni di base nei manuali di sopravvivenza

Nei tanti manuali di sopravvivenza pubblicati durante la Guerra Fredda, si davano consigli basilari e valgono ancora oggi: se la bomba cade, non bisogna mai guardare l'abbagliamento prodotto (rende ciechi), è d'obbligo proteggersi il viso dall'onda d'urto e l'ideale è cercare un muro solido che ti protegga o, meglio, un buon posto sotterraneo dove rifugiarsi.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(3/18)
Il caldo può ucciderci

L'altissima temperatura generata dall'onda d'urto è uno dei pericoli del primo momento dell'attacco nucleare: ecco perché è necessario evitare di stare all'aria aperta e cercare un muro separato da altri muri e dove l'onda d'urto non ci colpisca direttamente.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(4/18)
Acqua abbondante contro le radiazioni

Le radiazioni sono l'altro pericolo maggiore (iniziale e successivo). Se sei stato esposto a radiazioni, può essere utile fare la doccia (con acqua precedentemente imbottigliata) o lavarti con abbondante acqua. Sebbene le radiazioni siano un nemico mortale difficile da combattere.

Immagine: Geetanjal Khanna/Unsplash

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(5/18)
Elimina gli indumenti che sono stati in contatto con l'onda radioattiva

Gli indumenti che indossavamo e che forse potrebbero essere stati in contatto con l'onda radioattiva devono essere eliminati il prima possibile. Possono essere contaminati.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(6/18)
Un rifugio antiatomico

Chiaramente, il rifugio antiatomico così tipico della Guerra Fredda è il posto giusto per ripararsi da un'esplosione atomica. Come minimo, si dovrebbe stare al riparo o in un altro luogo sicuro sotterraneo (il seminterrato è il posto migliore per proteggersi). Dovresti rimanere se possibile 48 ore senza uscire (24 ore minimo) per assicurarti che il livello di radiazioni sia diminuito.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(7/18)
Il rifugio antiatomico familiare

Nel 1961, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti pubblicò "The Family Fallout Shelter", una guida alla costruzione di un rifugio antiatomico familiare. Con alcuni fatti interessanti: mattoni e cemento sono buoni materiali per proteggere dalle onde d'urto e dal calore, sia per costruire un rifugio ma anche se siamo sorpresi dall'attacco in qualsiasi altro luogo.

Immagine: illustrazione da "The Family Fallout Shelter".

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(8/18)
Come ottenere forniture?

In "The Family Fallout Shelter" c'è una lunga lista di materiali da mettere da parte. Almeno acqua e cibo per due settimane.

Immagine: illustrazione di "The Family Fallout Shelter"

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(9/18)
Attenti all'acqua

È molto importante non consumare acqua del rubinetto. Le radiazioni potrebbero aver contaminato i sistemi di acqua potabile. Per preparare un kit di sopravvivenza sono indispensabili alcune bottiglie d'acqua.

Immagine: fotografia Tosab / Unsplash

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(10/18)
Dispositivi elettronici disabilitati

Il guasto dei dispositivi elettronici è uno dei possibili effetti di una bomba nucleare. È causato da ciò che viene chiamato "impulso elettromagnetico" (EMP), che deriva dall'attività di onde elettromagnetiche molto forti, così mostruosamente alti da interferire con il normale funzionamento del meccanismo elettrico di certi oggetti.

Immagine: Alexandr Sadkov/Unsplash

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(11/18)
Ricaduta radioattiva

A Hiroshima e Nagasaki era chiamata "pioggia nera". E fa un numero significativo di vittime dopo l'esplosione iniziale, perché questa pioggia contiene radioattività. Certo, devi evitare di bagnarti a tutti i costi.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(12/18)
15 minuti dopo l'esplosione

La ricaduta radioattiva di solito arriva circa 15 minuti dopo l'esplosione.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(13/18)
Cibo, bevande... e alcuni medicinali molto specifici

L'immagine è tratta dalla copertina di una copia del "Fallout Shelter Handbook", preparato da Chuck West e pubblicato nel 1962. In questo libro, come in altre guide, viene discussa la necessità di fare scorta di medicinali di base. Nel tempo, una pillola è stata aggiunta all'elenco dei farmaci che possono essere utilizzati contro gli effetti delle radiazioni.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(14/18)
Ioduro di potassio

Lo ioduro di potassio viene venduto in forma di pillola e, secondo alcuni studi, potrebbe aiutare a combattere gli effetti della radioattività sul nostro organismo. Alcuni stanno attualmente mettendo in dubbio la sua reale efficacia. La rivista Scientific American sostiene in un lungo articolo che lo ioduro di potassio ha un effetto limitato nel prevenire i tipi di cancro che le radiazioni possono causare.

Immagine: Roberto Sorin/Unsplash

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(15/18)
Sintomi di contaminazione radioattiva

I sintomi abituali che indicano che la contaminazione radioattiva sta agendo sul nostro organismo sono: nausea, vomito, debolezza improvvisa, ulcere cutanee.

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(16/18)
Trova un posto sicuro e aspetta

Nessuna guida, attuale o risalente alla Guerra Fredda, consiglia di darsi alla fuga. La cosa migliore da fare è rimanere dove si è stati colpiti dall'esplosione e aspettare che la radioattività si dissolva. Ma quanto tempo ci vuole? Abbiamo parlato di 48 ore per poter uscire senza essere esposti a forte radioattività. Quando si torna alla normalità?

Immagine: Burgess Milner/Unsplash

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(17/18)
Due settimane non bastano perché si riduca la radioattività

Secondo i calcoli della pagina Stack Exchange (basata sui rapporti scientifici dei test nucleari), due settimane dopo l'esplosione, il livello di radioattività sarebbe quasi lo stesso di prima dell'attacco.

Immagine: Alexei Malakhov/Unsplash

Come sopravvivere a un attacco nucleare (secondo i manuali della Guerra Fredda)
(18/18)
Dare una possibilità alla pace

La verità è che una guerra nucleare sarebbe un disastro assoluto e la sopravvivenza dipenderebbe molto dal caso, come in quasi tutti i disastri. Conoscere alcune regole di base non è una brutta cosa - può aiutarci a sopravvivere - ma l'unica cosa che davvero ci aiuterebbe sarebbe non trovarci nella condizione di dover utilizzare queste conoscenze.

Immagine: Humphrey Muleba/Unsplash

 

Más para ti