Da Tinto Brass alla conversione: cosa fa oggi Claudia Koll?

Cosa fa oggi Claudia Koll?
La conversione
S e x symbol italiano
Così fan tutte
Altri film
Alla conduzione del Festival di Sanremo 1995
Linda e il brigadiere
Altre fiction
Il momento che le ha cambiato la vita
'Dio mi è venuto in aiuto con il suo infinito amore'
Fiction con tema religioso
San Pietro
Claudia Koll e il teatro
La vita privata di Claudia Koll
Un ragazzo in affidamento
'Sono stata aggredita fisicamente dal diavolo'
La critica di Serena Grandi
L'associazione Onlus
Cosa fa oggi Claudia Koll?

Claudia Koll è stata una delle icone s e x y degli anni '90, divenuta popolare per il film diretto da Tinto Brass 'Così fan tutte', in cui l'abbiamo vista recitare in abiti succinti (e in molti casi senza). Da allora e per i successivi dieci anni la carriera della nota attrice è volata, facendola diventare una dei volti più popolari di quell'epoca.

La conversione

Ma all'improvviso nel 2000, per Claudia Koll è arrivata la conversione alla religione cattolica. Scopriamo insieme cosa fa oggi riporcorrendo tutta la sua carriera e qual sia stato l'impatto che ha avuto la conversione sulla sua vita.

S e x symbol italiano

Claudia Koll, all'anagrafe Claudia Maria Rosaria Colacione, è nata a Roma il 17 maggio 1965 sotto il segno del Toro ed è stata una delle attrici italiane s e x symbol degli anni '90.

Così fan tutte

Non tutti sanno che prima di intraprendere la carriera di attrice, Claudia Koll ha frequentato la facoltà di medicina per quattro anni, lasciandola per dedicarsi al teatro e alla recitazione. Il 1992 infatti per lei è stato l'anno della svolta, poiché ebbe l'occiasione di recitare come protagonista nel film e r o t i c o 'Così fan tutte', diretto da Tinto Brass.

Foto: Wikipedia

Altri film

Divenuta ormai un vero e proprio s e x symbol, Claudia Koll venne poi scelta per interpretare altri ruoli come nel film a epidosi 'Miracolo italiano' (1994), dove interpreta il ruolo di una fan di Kevin Costner, o anche in 'Cucciolo' (1998) al fianco di Massimo Boldi.

Foto: Youtube

Alla conduzione del Festival di Sanremo 1995

Claudia Koll in quegli anni era realmente all'apice del successo tanto da essere scelta da Pippo Baudo per presentare il Festival di Sanremo nel 1995, insieme a un altro s e x symbol di quegli anni, la collega Anna Falchi.

Linda e il brigadiere

Probabilmente Sanremo le ha permesso di entrare in modo molto diretto nelle case degli italiani, donandole un'immagine più rassicurante. Furono quegli gli anni in cui venne scelta per interpretare la fiction che le avrebbe portato il successo anche sul piccolo schermo, 'Linda e il brigadiere' (1997-2000) al fianco di Nino Manfredi.

Altre fiction

Tra il 2000 e il 2002, invece, è la volta di 'Valeria, medico legale', mini serie TV ideata da Roberta Colombo e Umberto Recine, in cui interpreta il ruolo di uno dei pochi medici legali donna in Italia.

Il momento che le ha cambiato la vita

In quegli stessi anni, precisamente nel 2000, per Claudia Koll arriva quello che potrebbe essere considerato il momento che le ha cambiato totalmente la vita: la conversione, dopo aver attraversato la Porta Santa durante il Giubileo.

'Dio mi è venuto in aiuto con il suo infinito amore'

Riportiamo le parole della stessa attrice pubblicato sul sito della sua Onlus: “Dopo l’incontro con il Signore Gesù la mia vita è cambiata. Dalle macerie della mia vita prostrata e sola ho gridato al Signore e Lui nella sua infinita bontà mi ha risposto: è venuto in aiuto e con il suo infinito amore ha curato le ferite dell’anima e perdonandomi con il Suo Santo Spirito mi ha ricreata, fatta nuova”.

Fiction con tema religioso

Nonostante la sua conversione, Claudia Koll ha deciso di non lasciare del tutto il mondo della recitazione. L'attrice infatti ha deciso di seguire questa strada, ma scegliendo ruoli più affini alla sua nuova visione spirituale della vita come nel caso di Maria Goretti (2003), mini serie TV diretta da Giulio Base.

San Pietro

Altra mini serie TV, sempre diretta da Giulio Base e con tema religioso in cui abbiamo visto recitare la bellissima attrice italiana, è 'San Pietro' del 2005. Si tratta inoltre dell'ultimo progetto nel mondo della televisione a cui ha preso parte l'attrice.

Claudia Koll e il teatro

La sua carriera non è stata segnata soltanto dal cinema e r o t i c o e dalla fiction televisiva ma anche dal teatro. Negli anni '90 ha recitato in molte commedie tra cui, 'Filosoficamente' di Eudardo de Filippo, regia di Carlo Merlo, 'Uomini sull'orlo di una crisi di nervi' (1990-1991) della regia di Alessandro Capone e 'Alle volte basta un niente' diretto da Pietro Garinei (1995–1997).

La vita privata di Claudia Koll

Ovviamente, com'è facile immaginare, anche nella vita privata la nota attrice è molto cambiata. Sembra infatti che proprio grazie alla sua conversione Claudia Koll sia stata a un passo dal prendere i voti.

Foto: Youtube

Un ragazzo in affidamento

L'attrice ha scelto di non farlo per poter continuare ad essere la madre di un ragazzo del Burundi, che le è stato dato in affidamento nel 2010 quando aveva 16 anni.

Foto: Youtube

'Sono stata aggredita fisicamente dal diavolo'

Riguardo alla sua conversione, durante il programma 'Ti sento' presentato da Pierluigi Diaco, l'attrice ha confessato: “Io sono stata aggredita fisicamente. Il diavolo mi è salito sul corpo e mi ha stritolata e mi ha detto che era la morte, che era venuta per uccidermi. Quindi era uno spirito, non l’ho visto, lo spirito non si vede. Però si sente e ho sentito anche l’odio che ha nei confronti dell’uomo e del corpo dell’uomo, l’accanimento che ha”. Ha affermato di essere stata salvata e liberata da Dio, recitando un Padre Nostro.

La critica di Serena Grandi

Nei confronti delle scelte di Claudia Koll non sono mancate le critiche di alcune colleghe come quella di Serena Grandi, anche lei s e x symbol di quegli anni sempre grazie a Tinto Brass. Le sue parole a Libero: “Io non metto in dubbio la sua scelta di fede, anzi me ne compiaccio, ma rinnegare un periodo storico dove faceva i film erotici lo trovo ipocrita”.

L'associazione Onlus

Claudia Koll nel 2005 ha fondato l'associazione Onlus 'Le opere del Padre', "in un periodo di riflessione - come riportato sullo stesso sito dell'associazione - iniziato con la consacrazione alla Divina Misericordia e culminato con la morte di S. Giovanni Paolo II".

Foto: Youtube

Más para ti