Attrici e attori che hanno avuto successo una volta sola... e poi...

Un solo grande successo?
Macaulay Culkin
Taylor Lautner
Alice Silverstone
Rupert Grint
Jason Biggs
Michael Dudikoff
Adrian Brody
Haley Joel Osment
Mira Sorvino
Paul Hogan
Ralph Macchio
Piper Perabo
Mark Hamill
Alex Winter
Brandon Routh
Danny Lloyd
Eddie Kaye Thomas
Gabourey Sidibe
Gina Gerson
Hayden Christensen
Henry Thomas
Jon Heder
Jonathan Bennett
Nia Vardalos
Patrick Fugit
Shannon Elizabeth
Stacey Dash
Un solo grande successo?

Riconosci l'attrice nella foto? Erano gli anni '90 e lei divenne subito un'icona. Poi la sua carriera non continuò come si pensava. Ecco un elenco di 'one hit wonders' dal mondo del cinema. Vi avvisiamo, l'elenco potrebbe non sembrarvi giusto, perché una cosa è il successo ottenuto con i blockbuster e un'altra è vivere meravigliosamente del lavoro che ti piace (recitare, in questo caso), una cosa che fanno molti tra i componenti di questa lista. Iniziamo!

Macaulay Culkin

È stato, è e sarà il ragazzo di "Mamma ho perso l'aereo". Ma sono passati 29 anni da quando Kevin McCallister e Macaulay Culkin non hanno doppiato il successo.

Taylor Lautner

La saga di Twilight lo elevò agli altari della fama. Ha raggiunto il picco della sua carriera con Jacob Black e non c'è molto all'orizzonte che indichi che migliorerà o eguaglierà quel ruolo. Dal 2012, anno in cui la saga si è conclusa, infatti, ha realizzato solo quattro film. Naturalmente, è un appuntamento fisso in 'Cuckoo', una commedia curiosa. È già qualcosa.

Alice Silverstone

Aveva 19 anni quando ha interpretato Cher Horowitz in "Clueless- Ragazze a Beverly Hills" (1995). Un successo incredibile. Era la stella che brillava di più a Hollywood, ma svanì immediatamente. Non ha mai smesso di lavorare, ma nessuno dei suoi film ha avuto lo stesso clamoroso successo.

Rupert Grint

Tutti erano d'accordo, alla fine di Harry Potter, che Ruper Grint fosse il più talentuoso dei tre protagonisti. Ma anche il più pigro. Tenendo presente che era un miliardario all'età di 20 anni, è stato lo stesso attore a scegliere di temporeggiare con la sua carriera. Con otto film di successo, anche se di una stessa saga, ne aveva abbastanza.

Jason Biggs

Un altro attore incasellato che non ha saputo rinnovarsi. Sarà Jim Levenstein per sempre.Sembrava che in 'Orange is the New Black' potesse riemergere, ma Netflix ha deciso di farne a meno. Trovavano strano che non facesse nulla con le torte di mele.

Michael Dudikoff

Era l'alternativa americana perfetta durante il boom delle arti marziali. 'Guerriero Americano' è un film cult. In effetti, ha avuto tre sequel, ma il suo Joe Armstrong è stato l'apice della fama per questo bell'uomo degli anni '80.

Adrian Brody

Ha vinto l'Oscar nel 2002 per "Il pianista" e ha iniziato a concatenare fallimenti dopo fallimenti. Non ha retto nemmeno la sua storia d'amore con Elsa Pataky, ora moglie di Chris Hemsworth. È ancora molto attivo, ma i suoi titoli stanno diventando più... piccini.

Haley Joel Osment

Il ragazzo de "Il sesto senso" è cresciuto, a tutti i livelli. E con la pubertà è arrivato l'oblio. Quella faccia da bravo ragazzo non c'era più e i produttori hanno smesso di chiamarlo. Sono passati due decenni e il buon vecchio Haley Joel Osmente è ancora il ragazzo de "Il sesto senso", nonostante sia entrato nella trentina.

Mira Sorvino

Il suo inaspettato Oscar come migliore attrice non protagonista, per 'La dea dell'amore', l'ha resa una star inaspettata a Hollywood. Ma poi la sua stella sembrerebbe aver perso il suo splendore. Da allora i suoi ruoli sono stati irrilevanti e non si è mai neanche avvicinata a una nuova nomination all'Oscar.

Paul Hogan

Ha 10 titoli in carriera e tre di loro sono come Michael "Crocodile" Dundee. Dire che sia rimasto ancorato al suo personaggio è poco, perché questo peculiare australiano, che non filma nulla da decenni, ha sempre e comunque i riflettori addosso.

Ralph Macchio

Ralph Macchio è stato l'headliner della Generazione X di nuovi talenti negli anni 80. Il suo Daniel Larusso è la storia di Hollywood, ma ha lasciato passare troppo tempo tra i suoi ruoli ed è diventato irrilevante. La sua notorietà ultimamente sembra tornata, ma grazie ancora a Daniel Larusso.

Piper Perabo

Ha avuto un successo incredibile con "Le ragazze del Coyote Ugly" e poi... basta. Ci ha provato con ogni genere di film, ma non c'è stato modo. Il suo tentativo più notevole è stato con 'Covert Affairs', la serie in cui ha recitato per quattro anni... ma che non è che sia tra le più acclamate.

Mark Hamill

Sì, Mark Hamill è una leggenda del cinema, ma tutto ciò che ha fatto è stato collegato a "Star Wars" e al suo Luke Skywalker. La sua fortuna è che nella saga ci siano già stati 9 film e che lui abbia partecipato a quasi tutti. Ovviamente ha fatto carriera come doppiatore per cartoni e videogiochi.

Alex Winter

Ci sono due attori nella foto, ma tu conoscevi solo il nome di uno di loro. Era Bill in "Bill & Ted's Excellent Adventure" (1989), ma è stato Keanu Reeves ad aver avuto successo. Occhio, la filmografia di Alex Winter è impressionante, ma mediocre.

Brandon Routh

Il ruolo di Superman è complicato e, se non ne sei convinto, chiedilo a Brandon Routh. Il suo ruolo più riconosciuto e riconoscibile è durato solo un film,  "Superman Returns" (2006). Hanno detto di lui che fosse troppo tenero per interpretare l'Uomo d'Acciaio. Ora ci riesce con DC Legends of Tomorrow, ma con un cast corale.

Danny Lloyd

Danny Lloyd era Danny Torrance in "Shining" (1981). E questo è tutto. L'anno successivo ha realizzato due film per la TV, che possono essere tranquillamente dimenticati e ha smesso di recitare. Non è che abbia avuto un solo successo, è che ha fatto un solo film ed è diventato cult. Non male come esperienza lavorativa.

Eddie Kaye Thomas

Paul Finch è diventato famoso per la sua relazione con la madre di Stifler. È stato uno dei pochi a non aver smesso di lavorare dai tempi di "American Pie", ma Hollywood non è stata generosa con lui. Qualcosa può salvarsi con 'Scorpion', dove è un habitué da quattro stagioni, ma non è lo stesso senza la madre di Stifler.

Gabourey Sidibe

Il suo primo ruolo cinematografico, 'Precious', le è valso un Oscar nel 2009. Da lì, tutto è andato verso il basso. È, forse, il prezzo da pagare quando inizi così in alto. Nemmeno il buon vecchio Ryan Murphy l'ha rilanciata.

Gina Gerson

Gina Gershon è stata, è e sarà l'eterna attrice non protagonista, ma esplosiva di Hollywood. Ora, in "Showgirls", la sua Cristal Connors ha fatto la storia. Non ha mai smesso di lavorare, ma mai con un ruolo da protagonista come quello.

Hayden Christensen

È possibile interpretare Anakin Skywalker e Darth Vader in "Star Wars" e non riuscire ad andare oltre la saga di Lucasfilm? Hayden Christensen ha dimostrato di sì, scegliendo male tutto ciò che ha fatto dopo "Star Wars".

Henry Thomas

Il figlio di ET è diventato il figlio del mondo intero nel 1982. Grazie a Spielberg ha toccato il cielo con un dito, ma la caduta dall'alto è stata dura. Sì, ha partecipato a film come 'Vento di Passioni' o 'Gangs of New York' ma in ruoli marginali, lontani da quello che aveva promesso.

Jon Heder

Il suo Napoleon Dynamite è stato una rivelazione nel 2004. John Heder aveva tutto per rivaleggiare con Michael Cera come nerd del 21° secolo, ma è caduto nel dimenticatoio, scegliendo un titolo mediocre dopo l'altro. Fino ad oggi.

Jonathan Bennett

Mai un tale attore secondario ha avuto una tale rilevanza. Jonathan Bennett era la cotta di Cady Heron, ovvero Lindsay Lohan in "Mean Girls". La sua faccia ha coperto milioni di cartelline e diari nel 2004 e nel 2005, ma a partire dal 2006 è caduto nell'ostracismo a Hollywood. Addio, Jonathan.

Nia Vardalos

Nia Vardalos ha 10 film nella sua filmografia. Qualcuno ricorda altro oltre a "Il mio grosso grasso matrimonio greco"? OK, sì, "Il mio grosso grasso matrimonio greco 2", ma quello non conta.

Patrick Fugit

È stato il protagonista del sorprendente 'Quasi famoso'. Aveva 18 anni, era il suo primo ruolo e Hollywood se ne innamorò, ma l'amore non è stato ricambiato, dal momento che la Mecca del Cinema da allora non gli ha assegnato un ruolo simile. A 36 anni è ancora attivo, anche se molte persone non lo ricordano nemmeno.

Shannon Elizabeth

Era Nadia, la ragazza dello scambio di 'American Pie' e, a volte, la donna più desiderata del mondo. Ma non ha avuto così tanto successo come si pensava che avrebbe avuto. Sì, è apparsa in "Love Actually", ma la parte non era neanche lontanamente importante come quella di "American Pie"

Stacey Dash

Dionne Davenport è sempre nei nostri cuori, ma Stacey Dash, no. Nel 1995 ha avuto un grande successo con 'Clueless' con Alicia Silverstone. Sono passati quasi 25 anni e l'attrice non ha smesso di lavorare ogni anno nel cinema e in televisione. Ma qualcuno ricorda qualcuno dei suoi titoli?

Más para ti