Appassionati di preistoria? Ecco 15 sorprendenti scoperte archeologiche degli ultimi tempi!

Scoperte sorprendenti
Un villaggio merovingio nel cuore della Francia
Una città d'oro perduta in Egitto
Sito di Gobekli Tepe
Impronte umane di oltre 20.000 anni
Un lignaggio umano sconosciuto in Indonesia
La più antica pittura rupestre conosciuta
La Grotta degli Orrori
I sarcofagi di Saqqara
Il ragno gigante
Abbraccio delle coppie cinesi
Scoperte fatte da... conigli!
Una Pompei in miniatura
L'età del bronzo in Svezia
Oggetti vichinghi sotto il ghiaccio
Il gattino di Nazca
Scoperte sorprendenti

Tesori nascosti, oggetti millenari, resti umani... ogni nuovo anno porta la sua buona quota di scoperte archeologiche che incuriosiscono gli scienziati e stupiscono il pubblico. Scopri con noi una selezione di quindici recenti scoperte... sorprendenti!

Un villaggio merovingio nel cuore della Francia

In Francia, una ricerca condotta nei pressi di Pontarlier ha portato alla luce un intero villaggio merovingio la cui costruzione si attesta tra il VI e l'VIII secolo. Il luogo si estende per diversi ettari ed è possibile ammirare una chiesa in legno di cui restano solo le fondamenta.

Una città d'oro perduta in Egitto

La scoperta di una "città d'oro perduta" vicino a Luxor, in Egitto, è stata annunciata nell'aprile 2021 da una missione archeologica. Sarebbe una delle più grandi città antiche del paese, chiamata Aten, costruita nel secondo millennio a.C.. Gli archeologi sono stati in grado di rivelare diverse parti della città, come il palazzo reale, e sepolture di animali.

Sito di Gobekli Tepe

In Turchia, il sito di Gobekli Tepe risale a più di undici millenni fa, cioè prima della sedentarizzazione dei cacciatori-raccoglitori. Probabilmente la costruzione più antica del mondo, il luogo mette in discussione la cronologia dell'epoca tradizionalmente seguita dagli scienziati.

Impronte umane di oltre 20.000 anni

L'anno scorso, nel sud-est degli Stati Uniti, sono state scoperte impronte umane, per lo più di bambini e adolescenti, di circa 23.000 anni. Una scoperta che cambia tutto, perché attesta una presenza umana molto prima delle precedenti stime nel continente americano.

Un lignaggio umano sconosciuto in Indonesia

Un'altra scoperta che rimescola le carte della preistoria umana. L'analisi del DNA di una donna le cui ossa sono state ritrovate in una grotta in Indonesia ha mostrato la sua appartenenza a un gruppo di cacciatori-raccoglitori, ma anche un legame genetico con le popolazioni asiatiche, rivelando una migrazione fino ad ora sconosciuta dall'Asia alla regione del Pacifico.

La più antica pittura rupestre conosciuta

La più antica pittura rupestre conosciuta raffigura un cinghiale e si trova sull'isola di Sulawesi, sempre in Indonesia. Scoperto nel 2017, avrebbe circa 45.000 anni. All'inizio del 2021 è stato confermato che si tratta della più antica opera d'arte preistorica del pianeta.

La Grotta degli Orrori

Un vero tesoro archeologico è stato recentemente scoperto nella Grotta degli Orrori, situata nel deserto della Giudea in Israele. Gli scavi preventivi effettuati per combattere il saccheggio hanno portato alla scoperta dello scheletro di un bambino di 6.000 anni, pergamene di 2.000 anni fa, monete risalenti all'antichità - e soprattutto il più antico esempio di cesta al mondo, realizzato più di dieci millenni fa prima dello sviluppo della ceramica.

I sarcofagi di Saqqara

Nel bel mezzo del lockdown del 2020, nella necropoli di Saqqara, in Egitto, sono stati scoperti un centinaio di sarcofagi del I millennio a.C.. Poco prima, altri quattordici sarcofagi erano stati estratti dal fondo di un pozzo.

Il ragno gigante

Mentre gli agricoltori peruviani stavano demolendo un tempio preispanico di oltre 3000 anni, gli archeologi si sono precipitati a salvare ciò che poteva essere salvato e hanno scoperto un murales lungo 15 metri che rappresenta un ragno gigantesco, un animale tradizionalmente associato alla fertilità. Una scoperta che consentirà importanti progressi nella conoscenza delle culture precolombiane.

Abbraccio delle coppie cinesi

A Datong, nel nord della Cina, sono state ritrovate le ossa di un uomo e una donna abbracciati. Secondo l'esame che è stato fatto, la coppia sarebbe vissuta all'epoca della dinastia Wei del Nord, tra il IV e il VI secolo. La presenza di un anello al dito della donna sembra confermare l'ipotesi che si trattasse di una coppia.

Scoperte fatte da... conigli!

Se non ne fossi a conoscenza, sappi che il coniglio può essere un valido aiuto per l'uomo per gli scavi archeologici. Nella primavera del 2021, sull'isola di Skokholm in Galles, i conigli hanno svelato manufatti millenari mentre scavavano la loro tana. In particolare è stata rinvenuta una pietra smussata utilizzata dai cacciatori-raccoglitori del periodo tardo mesolitico (circa 5000 anni aC).

Una Pompei in miniatura

Una piccola città antica è stata scoperta nei sotterranei di un cinema abbandonato a Verona. L'edificio romano di epoca imperiale rivela una sontuosa ed intatta decorazione di affreschi e mosaici, oltre ad un complesso impianto di riscaldamento. Sufficiente per ottenere il soprannome di “Pompei in miniatura”.

L'età del bronzo in Svezia

Una cinquantina di gioielli e reliquie risalenti all'età del bronzo sono stati ritrovati casualmente in una foresta in Svezia. Gli scienziati che hanno analizzato questi oggetti credono che siano appartenuti a una donna di alto rango. Questa scoperta archeologica, la più importante degli ultimi anni, dovrebbe migliorare la conoscenza della cosiddetta età del bronzo danese.

Oggetti vichinghi sotto il ghiaccio

Effetto indiretto del riscaldamento globale, lo scioglimento dei ghiacciai rivela tesori archeologici in Norvegia: nell'aprile 2020 i ricercatori hanno rivelato centinaia di manufatti risalenti al periodo vichingo tra cui vestiti, scarpe e ferri di cavallo, tra le altre cose. Una scoperta simile di oggetti di 6.000 anni fa è stata fatta più recentemente nella zona di Langfonne. Saranno scoperti altri tesori?

Il gattino di Nazca

Per concludere questa selezione, una curiosità: un geoglifo di una trentina di metri che rappresenta un giovane gatto nella provincia di Nazca, Perù, che sarebbe stato realizzato dai Paracas, la civiltà precedente ai Nazca nel paese.

Más para ti