Il cioccolato è destinato a scomparire?

Prima o poi finirà il cioccolato?
Avviso ufficiale
Prima di sparire potrebbe diventare caro
Cambiamento climatico
Siccità e aumenti di temperatura
Ghana e Costa d'Avorio
Aumenteranno le temeprature di 2º C
Coltivazioni nelle foreste tropicali
Cinque anni di maturazione
Sempre più richiesto
Le prime misure
Modifiche del DNA
Raccomandazioni
Una misura tradizionale, ma efficace
Aumento dei prezzi
Cioccolato bianco?
Prima o poi finirà il cioccolato?

Quando finirà il cioccolato? La domanda che nessuno aveva il coraggio di porsi, ma che in realtà ha già una brutta risposta. Data presunta: 2050. A Willy Wonka non piace questo elemento.

Foto: Unsplash - Salah Ait Mokhtar

Avviso ufficiale

Oxfam Intermon è l'organizzazione che ha lanciato l'avvertimento e ha fissato per la metà del XXI secolo la data in cui il cioccolato potrebbe smettere di esistere.

Foto: Unsplash - Etty Fidele

Prima di sparire potrebbe diventare caro

Naturalmente, qualche anno prima, intorno al 2030, il cioccolato potrebbe diventare un lusso così esclusivo da assomigliare a prelibatezze come il caviale.

Foto: Unsplash - Emma Vendetta

Cambiamento climatico

Ma quali sono i motivi della sua scomparsa? Secondo il rapporto Oxfam Intermon, il cambiamento climatico ne sarebbe la causa principale.

Foto: Unsplash - Matt Palmer

Siccità e aumenti di temperatura

Nello specifico, si dice che le cause che porteranno alla fine delle colture di cacao in tutto il mondo siano il riscaldamento globale e la siccità estrema.

Foto: Unsplash - Matt Palmer

Ghana e Costa d'Avorio

Il Centro internazionale per l'Agricoltura Tropicale (CIAT) ha esaminato, in un rapporto direttamente il Ghana e la Costa d'Avorio, due dei maggiori produttori di cacao dell'intero pianeta, con oltre il 50% della produzione.

Foto: Unsplash - Hans Eiskonen

Aumenteranno le temeprature di 2º C

Secondo la CIAT, in questi due paesi le temperature aumenteranno di circa 2ºC da qui al 2050, il che renderebbe quasi impraticabile la raccolta del cacao, che, come è noto, necessita di climi tropicali e umidi e temperature intorno ai 20ºC.

Foto: Unsplash - Jaroslaw Kwoczala

Coltivazioni nelle foreste tropicali

I semi della pianta del cacao, che crescono in climi tropicali con abbondanti precipitazioni durante tutto l'anno, verrebbero gravemente colpiti dalla mancanza di piogge e dall'aumento della temperatura.

Foto: Unsplash - Evans Amoah

 

Cinque anni di maturazione

Per contestualizzare, l'albero di cacao ha bisogno di circa cinque anni per raggiungere il suo punto di maturità. Per questo, dalla National Oceanic and Atmospheric Administration, affermano che il cambiamento climatico non influenzerà questa generazione di piante di cacao, ma la successiva.

Foto: Unsplash - Kyle Hinkson

Sempre più richiesto

La società globalizzata di oggi non fa che richiederne sempre più quantità. Ma una maturazione di 5 anni rappresenta un processo molto lungo che, con le nuove condizioni climatiche, molti raccolti non saranno in grado di permettersi.

Foto: Unsplash - Andrés Medina

Le prime misure

Quali misure si possono adottare per cercare di salvare il cioccolato? Per il momento, Mars, uno dei principali produttori di cioccolato al mondo, ha iniziato una collaborazione con l'Università della California a Berkeley.

Foto: Unsplash - Denny Muller

Modifiche del DNA

L'idea è di utilizzare CRISPR, una tecnologia che consentirebbe di modificare il DNA e il genoma su richiesta in modo che le piante di cacao possano sopravvivere in ambienti più secchi e caldi.

Foto: Unsplash - Sangharsh Lohakare

Raccomandazioni

La National Oceanic and Atmospheric Administration raccomanda agli agricoltori di coltivare piante di cacao specifiche che sono più resistenti alla siccità.

Foto: Unsplash - Rodrigo Flores

Una misura tradizionale, ma efficace

Un'altra misura in corso consiste nell'utilizzare il metodo sostenibile tradizionale brasiliano noto come 'Cabruca', grazie al quale vengono piantati alberi nella giungla per fornire più ombra alle piante di cacao.

Foto: Unsplash - Joanna Kosinska

Aumento dei prezzi

Possiamo, quindi, affermare che ci sono diverse opzioni per salvare il cacao, ma ciò che sembra chiaro è che nel futuro a medio termine diventerà un prodotto molto più costoso di quanto non lo sia oggi.

Foto: Unsplash - Coffeefy Workafe

Cioccolato bianco?

Un'altra possibilità è che i marchi inizino a utilizzare sostituti per ridurne la purezza e quindi renderlo più accessibile al grande pubblico. In realtà questa è una pratica già in uso: basta guardare la percentuale di cacao presente nel cioccolato bianco per rendersene conto.

Foto: Pexels - Anete Lusina

 

Más para ti