L'avvertimento di Medvedev all'Ucraina in caso di attacco alla Crimea: "Sarà il giorno del giudizio finale"

Guerra e minacce di un ex presidente russo
Posizioni strategiche
Crimea: territorio conteso
Una minaccia diretta
Dmitrij Medvedev
Armageddon
La grande minaccia
Andrei Klishas
Perché ora e non prima?
HIMARS
Sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità
Ci sarà un attacco?
Disarmare la Russia
in attesa del giudizio finale
Guerra e minacce di un ex presidente russo

Sono passati quasi cinque mesi da quando la Russia ha iniziato il suo attacco all'Ucraina. La guerra continua e Dmitrij Medvedev (nell'immagine), ex presidente della Russia e attuale vice consigliere per la sicurezza, ha lanciato una minaccia apocalittica.

Posizioni strategiche

Lo scenario è quello di una guerra in cui intimidire l'altro è cruciale. Le parti, infatti, continuano a lottare per posizioni strategiche che offrano vantaggi a breve e medio termine, dato che il conflitto potrebbe richiedere più tempo del previsto.

Crimea: territorio conteso

Uno di questi punti caldi è stata la penisola di Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014, nonostante fino ad allora fosse territorio ucraino.

Una minaccia diretta

Dmitrij Medvedev ha chiarito l'importanza della penisola di Crimea con la minaccia più diretta che un leader russo abbia fatto dall'inizio della guerra.

Dmitrij Medvedev

Nel caso in cui l'Ucraina attacchi la penisola di Crimea, Dmitrij Medvedev avverte che "le conseguenze sono ovvie. Il giorno del giudizio arriverà per tutti loro".

Armageddon

L'attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza aggiunge che questo giudizio finale a cui fa riferimento sarà "veloce e durissimo".

La grande minaccia

Dmitrij Medvedev ha rilasciato queste dichiarazioni in un incontro con i veterani della seconda guerra mondiale, tenutosi a Volgograd, ex Stalingrado. La minaccia è stata raccolta dall'agenzia RIA Nóvosti e pubblicata su media russi come Pravda.

"Minacce esistenti per la Russia"

L'ex presidente è stato ancora più preciso nella sua minaccia. "Potete star certi che gli obiettivi di questa operazione saranno raggiunti. Sono legati all'eliminazione delle minacce esistenti per la Russia".

Andrei Klishas

A quali minacce si riferisce? In questo caso, il senatore russo Andrei Klishas ha dato la chiave per risolvere l'enigma, attraverso un messaggio di Telegram, viralizzato dai gruppi filo-russi.

"Denazificare e smilitarizzare"

"Le minacce di attaccare la Crimea o il porto della Crimea dimostrano che l'intera Ucraina deve essere denazificata e smilitarizzata", ha affermato Andrei Klishas. "Altrimenti, ci sarà sempre una minaccia per il nostro territorio, i nostri cittadini e le nostre infrastrutture", ha aggiunto in quel messaggio su Telegram.

Perché ora e non prima?

Ma perché ora l'Ucraina sta valutando un attacco alla Crimea?

HIMARS

In sostanza, l'arrivo dei sistemi statunitensi HIMARS (lanciamissili leggeri) durante il mese di giugno in Ucraina consente alle forze locali di prendere di mira obiettivi militari nella penisola di Crimea.

Sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità

L'HIMARS (High Mobility Artillery Rocket System) è un sistema a razzo di artiglieria ad alta mobilità, che consente di lanciare fino a sei missili da un camion in movimento.

Ci sarà un attacco?

Una linea di veicoli consentirebbe un lancio multiplo dall'Ucraina che, viste le minacce russe, potrebbe infliggere un duro colpo alla sua avanzata sul suolo ucraino.

Disarmare la Russia

Uno degli obiettivi che l'Ucraina intende attaccare in Crimea è il sito dei missili russi Kalibr, che vengono lanciati ripetutamente dall'attuale penisola russa, come hanno confessato numerosi soldati ucraini.

in attesa del giudizio finale

Resta da vedere se, finalmente, l'attacco avrà luogo e se la Russia manterrà la sua minaccia.

VEDI ANCHE: E se Putin stesse vincendo la guerra in Ucraina?

Más para ti