Incendi boschivi: le loro terribili conseguenze e come evitarli

Il peggior pericolo per i nostri boschi
Incendi di sesta generazione
Dietro il 96% degli incendi c'è l'essere umano
Uno dei problemi ambientali più grandi
Ben oltre gli incendiari
Cambio climatico
Abbandono delle campagne e dei boschi
Errata gestione urbana
Le conseguenze degli incendi
California (Stati Uniti)
Spagna
Portogallo
Grecia
Turchia
Italia
Algeria e Tunisia
Amazzonia
Australia
Artico
La prevenzione è fondamentale
Agire sulle cause che li originano e li propagano
Gli alberi
Gestione forestale e pianificazione territoriale
Consapevolezza ed educazione ambientale
Evitare di lasciare rifiuti pericolosi
Vietato accendere fuochi
Specie vegetali contro il fuoco
Veicoli a combustione
Come reagire davanti a un incendio?
C'è in gioco il nostro futuro
Il peggior pericolo per i nostri boschi

Con l'arrivo del caldo, arriva anche il pericolo di incendi boschivi. Negli ultimi anni hanno avuto conseguenze terribili in molte aree del mondo, in gran parte dovute ai cambiamenti climatici, e dietro la maggior parte di essi, purtroppo, c'è l'azione dell'uomo, figura che continua ad essere fondamentale per poterle evitare nella maggior parte dei casi.

Incendi di sesta generazione

Tuttavia, negli ultimi anni, come avverte il WWF, "non sono più limitati all'estate" e sono diventati un problema globale. Sottolineano che oggi ci sono meno incendi, ma sono molto più distruttivi di prima. Sono gli incendi di "sesta generazione".

Foto: Malachi Brooks (Unsplash)

Dietro il 96% degli incendi c'è l'essere umano

Greenpeace sottolinea che "il fuoco è un elemento naturale di cui il nostro ecosistema ha bisogno per la rigenerazione delle foreste e delle montagne, poiché fornisce strategie di germinazione dopo il suo passaggio. Tuttavia, ha cessato di essere un fenomeno naturale che modella il paesaggio per diventare una terribile minaccia che in oltre il 96% dei casi è causata dall'essere umano".

Foto: Ylvers (Pixabay)

Uno dei problemi ambientali più grandi

Da Greenpeace indicano che il fenomeno degli incendi boschivi "è diventato uno dei maggiori problemi ambientali per l'elevata frequenza e intensità che hanno acquisito negli ultimi decenni".

Foto: Fabian Jones (Unsplash)

Ben oltre gli incendiari

Oltre ai cosiddetti incendiari, persone che per qualsiasi motivo provocano incendi nelle foreste e nelle montagne, ma che sono casi eccezionali, sono diverse le cause che hanno portato ad un aumento di questi fenomeni con terribili conseguenze per l'ambiente.

Foto: Mike Newbry (Unsplash)

Cambio climatico

Il primo di questi fenomeni è il cambiamento climatico. L'aumento delle ondate di calore dà origine al cosiddetto 'stress idrico', ovvero la mancanza di acqua nel terreno, che lo rende asciutto e più vulnerabile al fuoco. Gli incendi in questi luoghi sono generalmente devastanti, poiché di solito hanno molta vegetazione secca.

Abbandono delle campagne e dei boschi

Un'altra causa potrebbe essere la scarsa cura delle campagne e della macchia nelle aree rurali causata dall'esodo verso le città. Si è sempre detto quanto fossero importanti le popolazioni rurali e il bestiame per 'pulire' le foreste, un lavoro in via di estinzione che fa sì che tutto si riempia di vegetazione in modo selvaggio.

Foto: Matt Palmer (Unsplash)

Errata gestione urbana

Da Greenpeace segnalano come "la gestione urbana non abbia tenuto conto del rischio di incendi boschivi" e che rende queste urbanizzazioni o abitazioni vulnerabili al fuoco.

Foto: Jen Theodore (Unsplash)

Le conseguenze degli incendi

Le conseguenze di tutto ciò sono l'erosione del suolo; la morte di animali e persino persone; danni economici, generali e personali; inquinamento dei fiumi; alterazioni -talvolta irreversibili- del paesaggio e dell'ambiente naturale; e il contributo a ponteziare il cambiamento climatico.

California (Stati Uniti)

Lo stato della California, negli Stati Uniti, è una di quelle aree del mondo diventate famose proprio a causa degli incendi boschivi, con scene apocalittiche in cui il fuoco distrugge foreste e case. Nel 2020, il peggiore degli ultimi anni, 2,6 milioni di ettari sono stati devastati sulla costa occidentale nordamericana, soprattutto in California, ma anche in Oregon e Washington, uccidendo 46 persone.

Spagna

La Spagna è un altro importante centro di incendi boschivi nel mondo nonostante le sue piccole dimensioni. Il 2012 è stato il peggiore degli ultimi anni in questo senso, con un totale di 218.956 ettari bruciati, e il 2017 è stato l'anno con gli incendi più grandi.

Portogallo

Anche in Portogallo gli incendi fanno notizia ogni estate. Tendono ad essere particolarmente attivi nel nord del paese, dove c'è una maggiore massa forestale e, in molte occasioni, i mezzi di estinzione disponibili non sono sufficienti, e bisogna ricorrere all'aiuto dei vicini spagnoli. Il 2017 è stato l'anno peggiore per i portoghesi con 36.000 ettari colpiti, evidenziando quello avvenuto a Pedrógão Grande, per il quale sono stati mobilitati 1.700 vigili del fuoco e causato 254 feriti, sette dei quali critici. Solo nella notte dal 17 al 18 giugno di quell'anno si registrarono 156 incendi in tutto il paese.

Grecia

Un altro esempio di paese a rischio è la Grecia, che nel 2021 ha anche subito un'importante serie di incendi boschivi in ​​mezzo a un'ondata di caldo senza precedenti. Grandi appezzamenti di terra furono bruciati al punto da minacciare la capitale, Atene, richiedendo l'aiuto internazionale di Croazia, Cipro, Egitto, Francia, Germania, Israele, Polonia, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera, Ucraina e Stati Uniti.

Turchia

Anche la Turchia è sta duramente colpita nel 2021. Nel suo caso, quell'anno gli incendi interessarono un totale di 17 province e provocarono 4 morti. Hanno avuto anche l'aiuto di altri paesi come Russia, Ucraina, Iran, Azerbaigian e Unione Europea. Più di 160.000 ettari sono stati bruciati e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha definito le aree colpite "aree disastrate".

Italia

Nel caso dell'Italia, nel solo 2021 ha perso una superficie forestale di 110.000 ettari a causa di incendi boschivi, quattro volte più della media dell'ultimo decennio. Secondo i dati del sistema europeo di informazione antincendio (EFFIS), sono stati registrati più di 400 grandi incendi.

Algeria e Tunisia

Anche dall'altra parte del Mediterraneo non sono estranei ai problemi degli incendi boschivi. In Algeria hanno causato 65 vittime nel 2021 e il suo primo ministro, Aïmene Benabderrahmane, l'ha definita una "tragedia nazionale". Nel caso della vicina Tunisia sono stati registrati un totale di 165 incendi, che hanno distrutto oltre 4.800 ettari di foresta.

Amazzonia

Un altro caso che ci ha lasciato scioccati nel 2021 è stato quello dell'Amazzonia. Il grande polmone verde del mondo è stato devastato dagli incendi, circa 300, la maggior parte dei quali concentrati in Brasile, secondo il Progetto di monitoraggio dell'Amazzonia andina (MAAP). Il 2020 è stato anche peggio, con 2.250 incendi durante la stagione e, cosa interessante, quasi il 70% degli incendi avvenuti nel territorio brasiliano ha avuto origine in vaste aree che erano state deforestate.

Australia

L'Australia è un altro angolo del mondo che di solito convive anno dopo anno con gli incendi boschivi. Il 2019 e il 2020 sono stati gli anni peggiori nella memoria del paese oceanico con 18 milioni di ettari bruciati, di cui 12 milioni erano foreste e in cui, secondo il WWF, più di tre milioni di animali sono stati vittime dell'incendio.

Photo by David Clode on Unsplash

Artico

Nemmeno il Circolo Polare Artico è estraneo al fuoco. Secondo gli scienziati del Copernicus Atmospheric Monitoring Service (CAMS), nell'estate del 2020, gli incendi nell'Artico hanno battuto tutti i record di emissioni di CO2. L'Artico si sta riscaldando due volte più velocemente del resto del pianeta con una conseguente minaccia di incendi.

La prevenzione è fondamentale

Cosa possiamo fare per prevenire questi terribili incendi? Da parte dei governi, la cosa fondamentale è senza dubbio la prevenzione, cosa che genera molte polemiche, visto che sono accusati di non offrire i mezzi necessari a disposizione durante tutto l'anno, di pulire le montagne durante l'inverno e di 'curare' piuttosto che 'prevenire'.

Foto: Karsten Winegeart (Unsplash)

Agire sulle cause che li originano e li propagano

Da Greenpeace danno la possibile soluzione: "È fondamentale agire sia sulle cause che originano gli incendi sia su quelle che li diffondono. Altrimenti, a prescindere da come sia iniziato, ci sarà un incendio difficile da controllare".

Foto: Marcus Kauffman (Unsplash)

Gli alberi

Il WWF sottolinea anche l'importanza degli alberi nella prevenzione degli incendi. Gli alberi non possono essere solo vittime, ma anche la soluzione. "Insieme mantengono stabile il clima, catturano enormi quantità di C02, rilasciano ossigeno, creano acqua e formano foreste che ospitano milioni di persone e la maggior parte della biodiversità terrestre" sottolineano, avvertendo "c'è una relazione diretta tra gli incendi , deforestazione e pandemie".

Foto: Kazuend (Unsplash)

Gestione forestale e pianificazione territoriale

In tal senso, sottolineano dalla Ong: "I grandi incendi non si spengono con l'acqua, ma con la gestione forestale e la pianificazione territoriale. (…) Solo riducendo la vulnerabilità del paesaggio alla propagazione delle fiamme si eviteranno grandi incendi boschivi".

Consapevolezza ed educazione ambientale

Inoltre, è importante che i governanti operino bene nel sensibilizzare i cittadini all'ambiente, oltre ad aumentare i controlli e ad applicare la legge in tutti i casi in cui la mano dell'uomo sia responsabile di un incendio.

Foto: Alan Rodríguez (Unsplash)

Evitare di lasciare rifiuti pericolosi

Per quanto riguarda le persone, prese singolarmante, ci sono diverse soluzioni per prevenire il verificarsi di incendi. Ad esempio, evitando di lasciare rifiuti in mezzo a zone pericolose che potrebbero provocare un incendio: bottiglie e altri oggetti di vetro, ecc.

Foto: Alessandro Cavestro (Unsplash)

Vietato accendere fuochi

È inoltre fondamentale rispettare le normative che vietano di accendere fuochi in aree particolarmente vulnerabili, sia per il tempo libero, come i barbecue, sia per le attività agricole, come la combustione delle stoppie. Il 95% degli incendi è causato da negligenza di questo tipo.

Foto: Courtnie Tosana (Unsplash)

Specie vegetali contro il fuoco

Per chi ha case in campagna, meglio evitare la decorazione esterna con specie vegetali che bruciano facilmente, come i cipressi.

Foto: Herbert Goetsch (Unsplash)

Veicoli a combustione

Bisogna anche essere molto attenti all'uso di veicoli o dispositivi meccanici -cosa importante anche nel mondo agricolo-. Il surriscaldamento di questi veicoli a combustione può causare incendi.

Foto: Reinhard Thrainer (Pixabay)

Come reagire davanti a un incendio?

Nel caso in cui ci trovassimo di fronte a un incendio, è importante sapere come reagire. La prima cosa da fare è avvisare le autorità competenti e, in caso di pericolo, fuggire sempre in direzione opposta a quella dove soffia il vento. Bisogna cercare pianure limpide, evitando pendii o burroni, e ascoltare sempre professionisti che sanno cosa fare.

Foto: Caleb Cook (Unsplash)

C'è in gioco il nostro futuro

Nonostante l'inevitabile spinta causata dal cambiamento climatico, dobbiamo evitare il più possibile il diffondersi di questi incendi boschivi, capaci di distruggere i nostri paesaggi, la natura e i nostri mezzi di sussistenza. Sono in gioco il futuro della Terra e delle sue ricchezze ambientali, oltre che il nostro.

Foto: Joanne Francis (Unsplash)

 

Más para ti