Figure chiave della resistenza
Il sindaco e il soldato
I figli di un generale sovietico
Vittima di Chernobyl
Due fratelli inseparabili
Campione del mondo
Combattimenti famosi
Il ritorno
Vladimir sulle orme di suo fratello
Un cambio di stile
Un dominio incontrastato dei pesi massimi
Nessuna rissa tra i due fratelli
Eroi da documentario
Impegnato contro la corruzione
Supporto da Petro Poroshenko
Pronto a combattere
La lotta più dura
I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(1/18)
Figure chiave della resistenza

Mentre la guerra continua a imperversare in Ucraina, il popolo ucraino è ancora unito contro l'invasore russo. È incoraggiato da figure carismatiche come il presidente Zelensky, rimasto a Kyiv a rischio della sua vita, ma anche da due fratelli: Vitali e Vladimir Klitschko, entrambi ex pugili oggi in prima linea per difendere il proprio Paese.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(2/18)
Il sindaco e il soldato

Classe 1971, l'anziano Vitali è sindaco di Kyiv, la capitale del Paese, dal 2014. È stato uno dei leader delle manifestazioni filoeuropee che si sono svolte lo stesso anno in piazza Maidan. Dalla fine di febbraio si è unito al fratello Vladimir al fronte dopo aver rifiutato di abbandonare la sua città.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(3/18)
I figli di un generale sovietico

Il padre dei due ex-pugili era un generale dell'esercito sovietico che ha cresciuto i suoi due figli dando loro l'educazione più severa possibile. Spesso trasferito da una repubblica all'altra dell'URSS, è arrivato in Ucraina con la sua famiglia negli anni 80. Vitali è nato in Kirghizistan e Vladimir in Kazakistan.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(4/18)
Vittima di Chernobyl

Inflessibile difensore del sistema sovietico, il padre fu mandato tra i primi "liquidatori" della centrale nucleare di Chernobyl. Esposto alle radiazioni, morì di cancro pochi mesi dopo.

POTREBBE INTERESSARTI: Chernobyl, una tragedia ucraina

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(5/18)
Due fratelli inseparabili

Molto presto, i due inseparabili fratelli hanno cominciato ad eccellere nell'arte della boxe. La loro unione dà loro una forza particolare sul ring: “I nostri avversari non conoscono la nostra arma segreta. Anche se sono solo sul ring, hanno ancora due persone con cui combattere" disse una volta il più giovane dei due.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(6/18)
Campione del mondo

A differenza di suo fratello, Vitali ha saltato i Giochi Olimpici di Atlanta nel 1996. Ma è diventato professionista nella categoria dei pesi massimi lo stesso anno e ha ottenuto diciotto vittorie consecutive. Nel 1998, ha vinto il titolo intercontinentale WBO prima di diventare campione del mondo dei pesi massimi nella stessa lega nella stagione 1999-2000.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(7/18)
Combattimenti famosi

Nel 2000, Vitali Klitschko ha dominato un incontro con l'americano Chris Byrd. Ma un infortunio alla spalla lo ha costretto a rinunciare. Tre anni dopo, affronta Lennox Lewis che sta difendendo il suo titolo di campione del mondo dei pesi massimi e a sorpresa batte il favorito. Ma una ferita all'occhio di nuovo lo costringe a rinunciare. Ritirandosi prima della gara di ritorno, Lewis ha detto che Klitschko era stato il suo avversario più duro.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(8/18)
Il ritorno

Vitali Klitschko è stato incoronato campione del mondo WBC nel 2004. Il terrore dei ring di pugilato ha poi dovuto sospendere la sua carriera a causa di uno strappo muscolare. Ritornato quattro anni dopo, è stato nuovamente incoronato campione di questo campionato dal 2008 al 2013, quando ha appeso i guanti al chiodo con un record straordinario: 45 vittorie, di cui 41 per KO, in 47 incontri. Una leggenda !

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(9/18)
Vladimir sulle orme di suo fratello

Vladimir ha iniziato la sua carriera professionale lo stesso giorno in cui l'ha fatto suo fratello, il 16 novembre 1996. Ha subito ottenuto 24 successi consecutivi. Campione WBC International e WBA Inter-Continental alla fine degli anni '90, è stato campione del mondo dei pesi massimi WBO dal 2000 al 2003 e poi dal 2008 al 2015.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(10/18)
Un cambio di stile

Una serie di sconfitte a metà degli anni 2000 lo ha portato a cambiare allenatori e stile di boxe. Vladimir trarrà vantaggio dal suo fisico imponente e cercherà meno iniziativa, privilegiando l'efficienza all'eleganza, cosa che non incontra necessariamente il gusto del pubblico.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(11/18)
Un dominio incontrastato dei pesi massimi

Vladimir è uno dei rari pugili ad essere stato campione del mondo in tre campionati contemporaneamente (WBO, IBF e WBA) fino al 2015. Non ha perso un solo incontro tra il 2004 e il 2015, detenendo il secondo record di dominio consecutivo più lungo nei pesi massimi. Con 64 vittorie, la maggior parte per KO, in 69 combattimenti, è considerato uno dei migliori pugili della storia.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(12/18)
Nessuna rissa tra i due fratelli

Vitali e Vladimir non si sono mai affrontati sul ring per mantenere una promessa fatta alla madre, ma si sono scontrati regolarmente negli scacchi da quando si sono allontanati dai ring.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(13/18)
Eroi da documentario

Entrambi i pugili sono degli eroi in Germania, paese in cui hanno svolto la loro carriera sportiva. Nel 2011, il regista Sebastian Dehnhardt (nella foto) ha realizzato un documentario su di loro, ora riprogrammato sul sito web del canale Arte. Un “impressionante pezzo di storia dello sport” secondo la rivista tedesca 'Stern'.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(14/18)
Impegnato contro la corruzione

Impegnato contro la corruzione in Ucraina, Vitali si è candidato per la prima volta alle elezioni municipali di Kyiv nel 2006, durante il suo primo ritiro dallo sport. Viene eletto deputato nel 2012, cosa che lo porta alla decisione di rinunciare alla boxe per dedicarsi esclusivamente alla politica.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(15/18)
Supporto da Petro Poroshenko

Rieletto più volte sindaco di Kyiv dopo gli eventi del 2014, Vitali Klitschko è stato un importante sostenitore dell'ex presidente ucraino Petro Poroshenko (nella foto).

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(16/18)
"Difenderò Kyiv con le armi in mano"

All'inizio di febbraio 2022, Vitali ha annunciato che si sarebbe unito al fronte in caso di invasione russa, dichiarando: "Difenderò Kyiv con le armi in mano". E l'ha fatto. Il sindaco guida la resistenza di Kyiv, dando una mano diretta alla gente della città.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(17/18)
Pronto a combattere

Vitali Klitschko ha indicato di non aver perso la mano nel combattimento e di saper maneggiare diverse armi. Ha detto ai russi che l'invasione dell'Ucraina non sarebbe stata una passeggiata per loro, mentre ha invitato i suoi compatrioti a mobilitarsi per difendere il loro paese e la democrazia.

I fratelli Klitschko, grandi pugili ucraini e combattenti della resistenza
(18/18)
La lotta più dura

Da parte sua, Vladimir si è unito all'esercito di riserva ucraino, che ora è mobilitato al fronte. Pur non avendo mai combattuto faccia a faccia, i due fratelli, leggende della boxe mondiale, lo faranno fianco a fianco per portare a termine quella che è la lotta più difficile della loro vita. Il loro esempio e la loro volontà di ferro daranno senza dubbio al popolo ucraino la forza di combattere.

Más para ti