Conflitti persistenti nel 2022
Ucraina: dichiarata guerra
Quali sono state le reazioni della parte occidentale?
Una minaccia per l'Europa
Altre truppe russe in Kazakistan
Bielorussia: Lukashenko in movimento
Taiwan: forte pressione cinese
La rivalità indo-pakistana sullo sfondo del conflitto sino-americano
Tensioni tra India e Cina
Afghanistan: sei mesi dopo il ritorno dei talebani
Iran: la minaccia nucleare
Yemen: una guerra civile in un contesto di rivalità tra Iran e Arabia Saudita
Un rinnovato conflitto?
Siria: la questione dei detenuti
Libia: una polveriera alle porte dell'Europa
Tensioni tra Marocco e Algeria
Il Sahel è ancora in pericolo
Verso un mondo più pacifico?
I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(1/18)
Conflitti persistenti nel 2022

Ucraina, Taiwan, Yemen… nonostante un ritmo meno frequente di guerre tra gli stati del pianeta, sulla mappa del mondo persistono diverse aree di conflitto. Una breve rassegna dei vari punti caldi del pianeta nel 2022.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(2/18)
Ucraina: dichiarata guerra

A quasi otto anni dal primo conflitto che ha portato all'annessione della Crimea alla Russia, l'Ucraina è nuovamente teatro di nuove tensioni tra la Russia e gli occidentali. Vladimir Putin ha ammassato grandi truppe russe al confine ucraino, quindi ha riconosciuto le due repubbliche indipendentiste dell'Ucraina. La mattina del 24 febbraio diverse regioni sono state bombardate: si tratta dunque di un vero e proprio conflitto armato, alle porte dell'Europa.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(3/18)
Quali sono state le reazioni della parte occidentale?

Per ora, c'è la speranza che ci sia ancora tempo per la trattativa per una de-escalation. Ma le relazioni tra Stati Uniti e Russia restano gelide e l'Ucraina è teatro di una rivalità tra l'Occidente e una Russia che sembra voler tornare a controllare gli stati dell'ex URSS. Il 2022 probabilmente ci dirà quale sarà l'esito di queste tensioni.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(4/18)
Una minaccia per l'Europa

Questa situazione presenta un reale rischio di conflitto nel cuore dell'Europa. Parigi e Berlino stanno cercando di far rispettare gli accordi di Minsk, che hanno stabilito un quadro alla fine del conflitto russo-ucraino del 2014. Ma la crescente dipendenza della Germania dal gas russo complica la situazione.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(5/18)
Altre truppe russe in Kazakistan

Oltre al dispiegamento delle forze armate in Ucraina, all'inizio di gennaio il Cremlino ha dispiegato truppe in Kazakistan, il suo grande vicino dell'Asia centrale. Questa volta non si è trattato di un attacco ma al contrario di un'operazione a sostegno del potere locale filorusso, minacciato dai grandi movimenti di protesta. Al termine dell'operazione, segnata da un clima di violenza senza precedenti in Kazakistan, i russi stanno attualmente ritirando le truppe.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(6/18)
Bielorussia: Lukashenko in movimento

Un altro alleato russo, la Bielorussia è stata sottoposta alle sanzioni occidentali dalla controversa rielezione del presidente Lukashenko e dal successivo periodo di repressione. Quest'ultimo si sta attualmente prendendo la sua rivincita spingendo verso l'Unione Europea, attraverso la Polonia, i migranti a cui ha permesso di entrare nel suo Paese. Gli europei cercano una soluzione mentre la Polonia blocca unilateralmente i migranti al suo confine.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(7/18)
Taiwan: forte pressione cinese

La Cina non ha mai accettato l'indipendenza di Taiwan, che considera parte del suo territorio. Il presidente cinese Xi Jinping ha recentemente chiesto la riunificazione, suggerendo che potrebbe verificarsi un'invasione dell'isola. La posizione americana resta ambigua: gli Stati Uniti forniscono equipaggiamento militare a Taiwan, ma non si sono formalmente impegnati a difendere il Paese in caso di attacco.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(8/18)
La rivalità indo-pakistana sullo sfondo del conflitto sino-americano

Le tensioni esistono da tempo tra le due potenze nucleari dell'Asia meridionale, India e Pakistan. Gli Stati Uniti sono stati tradizionalmente alleati di entrambi gli stati, ma sono sempre più diffidenti nei confronti del Pakistan, che sospettano di giocare un doppio gioco a vantaggio della Cina. Non c'è dubbio che la rivalità indo-pakistana sia parte di un confronto più globale tra le due superpotenze mondiali.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(9/18)
Tensioni tra India e Cina

È logico, quindi, che le tensioni siano in aumento tra il regime cinese e l'India, uno Stato democratico tradizionalmente più vicino all'Occidente. Alcuni territori del Tibet e dell'Himalaya sono contesi e la presenza militare dei due paesi è ora intensa su entrambi i lati del loro confine comune.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(10/18)
Afghanistan: sei mesi dopo il ritorno dei talebani

La caduta di Kabul e il ritorno al potere dei talebani hanno sbalordito la comunità internazionale la scorsa estate. Il nuovo regime impone, come previsto, una visione molto retrograda dell'Islam. Tuttavia, la situazione umanitaria in Afghanistan sta spingendo i talebani a cercare assistenza internazionale senza pregiudizi politici. Il futuro dirà se il Paese troverà una stabilità o se sarà teatro di nuovi conflitti.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(11/18)
Iran: la minaccia nucleare

La questione nucleare iraniana resta irrisolta, anche se il regime è in dialogo con le potenze che avevano firmato l'accordo del 2015. Il Paese esercita una forte influenza su altri Stati della regione, come Iraq, Siria e Libano. Si sospetta che il capo del governo israeliano sia favorevole a una soluzione militare, invitando i suoi alleati a non cedere al "ricatto" iraniano.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(12/18)
Yemen: una guerra civile in un contesto di rivalità tra Iran e Arabia Saudita

L'Iran ha affrontato indirettamente l'Arabia Saudita, il suo principale rivale nella regione, per diversi anni nello Yemen. Lì infuria una guerra civile tra il governo, sostenuto da una coalizione saudita, e gli Houthi, ribelli sciiti sostenuti dall'Iran. Questa guerra è la grande dimenticata delle relazioni internazionali, mentre il suo bilancio umano aumenta di anno in anno.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(13/18)
Un rinnovato conflitto?

Un attacco di droni lanciato dallo Yemen ad Abu Dhabi ha portato alla morte di diverse persone nella capitale degli Emirati Arabi Uniti, alleata del governo yemenita. Il leader degli Houthi ha annunciato che l'attacco faceva parte di un'escalation globale contro gli Emirati, che starebbero preparando una grande operazione militare. Questa rinnovata tensione arriva paradossalmente in un momento di rilassamento delle tensioni tra Arabia Saudita e Iran.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(14/18)
Siria: la questione dei detenuti

Il conflitto siriano è scemato dalla caduta di Daesh in Iraq, ma la situazione dei combattenti dello Stato Islamico attualmente detenuti resta poco chiara, data la presenza di bambini nati in prima linea, le numerose evasioni e l'incertezza giuridica sullo stato dei detenuti che non sono stati processati.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(15/18)
Libia: una polveriera alle porte dell'Europa

A dieci anni dalla caduta di Gheddafi, la situazione in Libia resta caotica: conflitti tra milizie, instabilità politica e intensi flussi migratori. Secondo alcuni, il Paese è una polveriera che potrebbe esplodere a breve. Data la sua posizione geografica, una conflagrazione del Paese avrebbe conseguenze per tutto il Nord Africa e per l'Europa.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(16/18)
Tensioni tra Marocco e Algeria

Le relazioni tra i due stati del Nord Africa occidentale si sono estremamente deteriorate negli ultimi mesi. I due Paesi hanno interrotto le loro relazioni diplomatiche la scorsa estate, nel contesto della crisi del regime algerino e del crollo del settore turistico a seguito della pandemia. Un conflitto armato resta improbabile, ma non può più essere escluso del tutto, poiché molte potenze hanno interessi da difendere nella regione.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(17/18)
Il Sahel è ancora in pericolo

Più a sud, la regione del Sahel (Mali, Niger e Burkina Faso) è ancora tormentata dalle violenze commesse da gruppi armati, che obbligano la popolazione civile a spostarsi in massa. I governi della regione hanno annunciato piani di risposta per il 2022, ma la situazione sembra più impantanata che mai.

I punti di conflitto nel mondo nel 2022: le guerre probabili e quelle dichiarate
(18/18)
Verso un mondo più pacifico?

Questa rinnovata tensione in varie regioni del mondo, che coinvolge talvolta grandi potenze, non deve far dimenticare che il mondo è generalmente in pace e che le guerre tra Stati sono diventate rare negli ultimi trent'anni. Tuttavia, in alcuni punti i rischi sono reali e osserviamo anche una tendenza autoritaria di molti governi nel mondo. Ci auguriamo che il 2022 ritrovi il suo cammino all'insegna dell'amicizia tra i popoli e della pacifica risoluzione dei conflitti.

Más para ti