Demenza e personalità potrebbero essere legate: lo studio

Alcuni tipi di personalità hanno un effetto sul declino cognitivo
Quasi 2.000 partecipanti
Chicago
I cinque grandi tratti della personalità
Inventario a cinque fattori NEO
Varianti
Coscienziosità
Nevrotici e demenza
Estroversi
Cercare aiuto
Vero fino a un certo punto
Migliorare la salute
Ribaltare la scala
L'attenuarsi della personalità
Non preoccuparti, sii felice
Il segreto di una vita più lunga e più sana
Alcuni tipi di personalità hanno un effetto sul declino cognitivo

Un nuovo studio suggerisce che alcuni tratti della personalità potrebbero avere un impato sul declino cognitivo delle persone anziane. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Personality and Social Psychology.

Immagine: Matt Bennett / Unsplash

Quasi 2.000 partecipanti

I ricercatori, guidati dal dottor Tomiko Yoneda dell'Università di Victoria, hanno raccolto dati da quasi 2.000 individui per quasi due decenni per comprendere il legame tra i tratti della personalità e il rischio di sviluppare la demenza.

Immagine: Alexei Maridashvili / Unsplash

Chicago

I 1.954 partecipanti avevano una media di 80 anni e sono stati reclutati da strutture abitative per anziani, gruppi di chiese e altre organizzazioni nella Greater Chicago Area. Nessuno di loro aveva una precedente diagnosi di demenza prima di iniziare lo studio.

I cinque grandi tratti della personalità

Il team guidato da Yoneda definito ha utilizzato i Cinque Grandi Tratti della Personalità come modello. Questi sono nevroticismo, estroversione, apertura, gradevolezza e coscienziosità.

Immagine: David Matos / Unsplash

Inventario a cinque fattori NEO

I partecipanti sono stati valutati attraverso il NEO Five-Factor Inventory, definendo i loro tratti di personalità. Hanno anche ricevuto esami annuali incentrati su variabili neurofisiologiche e biologiche, tesi a esaminare la presenza e la gravità del deterioramento cognitivo.

Varianti

Sono state prese in considerazione anche varianti come genere, istruzione e precedenti patologici, come malattie cardiache, ictus, depressione e malattie vascolari. Abbastanza curiosamente, la stragrande maggioranza dei partecipanti allo studio erano donne, una buona parte di loro bianche e di classe medio-alta.

Immagine: Philippe Leone / Unsplash

Coscienziosità

I risultati sono stati abbastanza chiari: le persone che hanno presentato un livello più ampio di coscienziosità, cioè attente e diligenti, hanno avuto un rischio ridotto di soffrire di declino cognitivo.

Immagine: Benyamin Bohlouli / Unsplash

Nevrotici e demenza

Nel frattempo, coloro che mostravano livelli più elevati di nevroticismo avevano maggiori probabilità di sviluppare la demenza.

Immagine: John Sekutowski / Unsplash

Estroversi

L'estroversione aveva una relazione più complessa con la demenza. All'inizio sembrava che le persone estroverse non ricevessero alcuna protezione speciale dal declino cognitivo.

Immagine: Abi Howard / Unsplash

Cercare aiuto

Tuttavia, una volta che iniziavano a comparire sintomi lievi, era più probabile che si riprendessero. Ciò suggerisce che gli individui estroversi erano più propensi a cercare aiuto in una fase iniziale.

Immagine: Vladimir Soares / Unsplash

Vero fino a un certo punto

Purtroppo, una volta che la demenza si è completamente instaurata, questi vantaggi non erano più rilevanti.

Migliorare la salute

I ricercatori non sono stati in grado di misurare come altri due tratti della personalità, l'apertura e la gradevolezza, abbiano avuto un ruolo nel declino cognitivo. Tuttavia, entrambi tendono ad essere collegati al miglioramento della salute.

Immagine: CDC / Unsplash

Ribaltare la scala

Nel complesso, i tratti della personalità sembrano in grado di ribaltare la scala in entrambi i modi nelle prime fasi del declino cognitivo.

Immagine: Vlad Sargu / Unsplash

L'attenuarsi della personalità

Tuttavia, una volta che la demenza si instaura, la personalità si attenua e i tratti caratteriali non rappresentano più un fattore chiave per evitare la morte.

Immagine: Steven HWG / Unsplash

Non preoccuparti, sii felice

Il grande risultato dello studio potrebbe essere questo: vivere un'esistenza stressante, a lungo termine, ci danneggia di quanto possiamo pensare.

Immagine: Elisa Ventur / Unsplash

Il segreto di una vita più lunga e più sana

Essere più calmi e riflessivi potrebbe portarci ad avere a una vita più lunga e più sana, insomma.

Immagine: Denys Nevozhai / Unsplash

Más para ti