DART: la missione della NASA per salvare la Terra dagli asteroidi

DART
In cerca di Didymos
Didymos e Dimorphos
Cambiare l'orbita
Difesa del pianeta
Come in un film di Hollywood
Il rischio è reale?
Non è fantascienza
Asteroidi pericolosi
66 milioni di anni fa...
Neil deGrasse Tyson: 'Estinzione umana'
Stephen Hawking lo aveva anticipato
Trump: la Space Force degli Stati Uniti
Biden aumenta il budget della NASA
Strategie alternative per Dimorphos
Sempre meglio essere preparati
DART

Lo scorso 24 novembre la NASA ha lanciato DART ('Double Asteroid Redirection Test', ovvero doppio test di reindirizzamento degli asteroidi), una sonda spaziale costata 33 milioni di dollari. Potrebbe essere l'unica speranza dell'umanità di fronte alla minaccia di un'eventuale collisione di asteroidi con il nostro planeta.

Immagine: NASA / Bill Ingalls

In cerca di Didymos

La navicella spaziale DART, delle dimensioni di un'automobile, colpirà Dimorphos, un piccolo satellite che orbita intorno a un asteroide più grande, Didymos. La collisione si verificherà a circa 11 milioni di chilometri dalla Terra, a una velocità di 24.000 chilometri all'ora.

Immagine: NASA / Johns Hopkins APL

Didymos e Dimorphos

Didymos, scoperto nel 1996, è formato da due asteroidi che orbitano intorno allo stesso centro. È classificato come un asteroide potenzialmente pericoloso, poiché la sua orbita è relativamente vicina alla Terra. La sua 'luna', Dimorphos, fu scoperta nel 2003.

Immagine: NASA / Johns Hopkins APL

Cambiare l'orbita

La navicella spaziale della NASA dovrebbe colpire Dimorphos a settembre 2022, allo scopo di modificare l'orbita della 'luna' di Didymos. A filmare l'impatto insieme a DART sarà il microsatellite LiciaCube dell'Agenzia spaziale italiana.

Immagine: NASA / Johns Hopkins APL

Difesa del pianeta

L'obiettivo principale della missione è quello di scoprire se  programmi come DART possono essere utilizzati per deviare gli asteroidi che si trovano in rotta verso la Terra. Si tratta della prima missione di difesa planetaria mai intrapresa.

Immagine: NASA

Come in un film di Hollywood

Deviare asteroidi diretti verso la Terra sembra la trama di un film di Hollywood. In effetti è la storia narrata da famose pellicole come 'Deep Impact' o 'Armageddon' (nell'immagine). Stavolta, però, non sarà Bruce Willis a salvarci.

Immagine: Touchstone Pictures

Il rischio è reale?

Gli oggetti vicini alla Terra, come gli asteroidi, possono essere una vera minaccia per l'umanità. La NASA e le altre agenzie spaziali di tutto il mondo auspicano che progetti come DART possano essere la soluzione per salvare il pianeta da tali pericoli.

Nell'immagine si può vedere la Sala di controllo DART presso il Laboratorio di Fisica Applicata Johns Hopkins, a Laurel, Maryland (Stati Uniti).

(NASA / Johns Hopkins APL / Ed Whitman)

Non è fantascienza

Lo scienziato egiziano Essam Heggy, esperto di astronomia e scienze planetarie, ha detto ad Al Jazeera che questo scenario catastrofico è plausibile: 'Le possibilità di essere colpiti da un asteroide sono tutt'altro che fantascienza. Gli asteroidi di 100 metri o più sono una minaccia per la Terra e dobbiamo quantificare la nostra capacità di deviarli'.

(In questa foto, fornita da NASA-Johns Hopkins APL-Ed Whitman, il team di DART sta assemblando la sonda nel Laboratorio di Fisica Applicata Johns Hopkins)

Asteroidi pericolosi

In realtà Didymos non è un pericolo per la Terra. Tuttavia, sono oltre 27.000 gli asteroidi orbitanti vicino al nostro pianeta conosciuti dalla comunità scientifica esperta, l'8% dei quali (più di 2.200) sono considerati potenzialmente pericolosi. E c'è un precedente...

66 milioni di anni fa...

Guardando le spiagge da sogno della penisola messicana dello Yucatan, è difficile immaginare che sotto di esse si trovi il cratere Chicxulub, creato dall'impatto di un asteroide che spazzò via la maggior parte della vita sulla Terra 66 milioni di anni fa e che, secondo molti esperti, fu la causa dell'estinzione dei dinosauri.

Neil deGrasse Tyson: 'Estinzione umana'

Durante un congresso presso il Museo americano di storia naturale nel 2013, l'astrofisico statunitense Neil deGrasse Tyson dichiarò che un asteroide "può causare l'estinzione o l'indebolimento della nostra civiltà" al punto da dover ricominciare da zero.

Stephen Hawking lo aveva anticipato

Gli scienziati avvertono da anni che la comunità internazionale deve stare all'erta per le collisioni di oggetti spaziali con la Terra. Il fisico Stephen Hawking ci aveva già messo in guardia nel suo ultimo libro, 'Le mie risposte alle grandi domande'.

Trump: la Space Force degli Stati Uniti

Quando l'ex presidente Donald Trump approvò la creazione della Space Force, un nuovo ramo delle forze armate statunitensi, Tyson e altri membri della comunità scientifica rimasero sconcertati nel constatare che l'attenzione era rivolta alla guerra e non alla difesa del pianeta.

Biden aumenta il budget della NASA

Le cose sembrano essere cambiate con l'amministrazione di Joe Biden. L'attuale presidente degli Stati Uniti ha approvato un aumento di oltre il 6% dei fondi destinati alla NASA, il che equivale a 25 miliardi di dollari. Tra le sue altre funzioni, l'agenzia spaziale si impegnerà nella lotta contro il cambiamento climatico.

Strategie alternative per Dimorphos

Se DART non riuscisse a deviare Dimorphos, ci sono altre strategie per cambiare le rotte degli asteroidi, come l'utilizzo di laser, vele solari, robot minerari, un'esplosione nucleare nelle loro vicinanze o un veicolo spaziale che si avvicini all'oggetto per modificarne la traiettoria attraverso la sua (minore) attrazione gravitazionale.

Sempre meglio essere preparati

La cosa più importante è essere preparati. Ad oggi si stima che nessun asteroide potenzialmente pericoloso si dirigerà verso la Terra nei prossimi 100 anni. Ma ciò non significa che possiamo abbassare la guardia. È quanto sostiene il responsabile della difesa planetaria della NASA Lindley Johnson: 'Non vogliamo arrivare al punto in cui un asteroide si sta dirigendo verso la Terra e in quel momento siamo costretti a provare questo tipo di strategie".

Más para ti